La maison è tornata negli anni ’90, giusto in tempo per l’economia degli anni ’70

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

Gli anni ’90 stanno vivendo un momento importante nella cultura del consumo. Ma con il mondo nella morsa dell’inflazione dilagante e la Gran Bretagna che sta vivendo un’estate di malcontento, sembra di vivere in un’economia degli anni ’70.

La nostalgia per gli anni ’90 sta crescendo da un po’ di tempo. Gli slogan audaci, scomparsi dopo la crisi finanziaria, sono tornati di moda. Burberry Group Plc ha persino resuscitato il proprio marchio in nero, bianco, marrone chiaro e rosso, una rievocazione della band a quadri che Liam Gallagher degli Oasis indossava nel video musicale del 1995 per “Wonderwall”. Y2K, ispirato alla moda dalla metà degli anni ’90 ai primi anni 2000, è diventato una categoria di moda a sé stante.

Ma ultimamente, il clamore su tutto ciò che riguarda gli anni ’90, in particolare gli anni precedenti, si è intensificato.

Nel mondo della moda, la faccia sorridente, un potente simbolo della cultura rave in Gran Bretagna tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90, era impressa su qualsiasi cosa, dai calzini alle borse firmate all’arredamento per la casa. La scarpa Clarks Wallaby, una delle preferite di Ravers e della scena della squadra del Manchester, è stata il sesto capo maschile più alla moda del primo trimestre di quest’anno, secondo il Lyst Index. Aquarius, che ha subito un restyling del lusso, è stato in cima ai precedenti indici Lyst, che misurano le ricerche sulla piattaforma di moda e altri siti, nonché l’interazione con i social media.

READ  Le strade elettrificate di ElectReon sono state classificate tra le 100 migliori invenzioni del 2021 di TIME

E proprio questa settimana, Beyoncé ha pubblicato la sua canzone “Break My Soul”, con ritmi di rimbalzo e musica di pianoforte distintiva. Alcune canzoni del nuovo album di Drake “Honestly, Nevermind” ci ricordano anche i ritmi dance dell’epoca.

La paura della stagnazione potrebbe aver guidato l’odierna ossessione per tutte le cose all’inizio degli anni ’90. Il periodo è stato caratterizzato da un’economia triste e da una disoccupazione diffusa, sebbene il percorso di Beyoncé sia ​​più un inno alla grande rassegnazione che suonare campanelli d’allarme sulla ripetizione. Certamente, la cautela sull’economia globale sta diventando sempre più diffusa. L’ultima previsione della Federal Reserve di New York prevede una recessione, o “brusco calo”, possibile all’80%.

Tuttavia, questa ansia arriva sullo sfondo della gioia di poter socializzare di nuovo. Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui risuona l’euforia della scena dance nei primi anni ’90.

Con i segnali premonitori di recessione che lampeggiano, il problema immediato è l’inflazione, ai massimi da 40 anni su entrambe le sponde dell’Atlantico. Come sottolineato da Mohamed El-Erian, la situazione attuale rispecchia gli anni ’70, con un inverno di malcontento, stagflazione, resistenza ai salari reali e scioperi del lavoro. Le somiglianze non si fermano qui: l’S&P 500 è sulla buona strada per il suo primo semestre peggiore dal 1970, mentre la prospettiva di un razionamento del gas in Europa questo inverno sembra un blackout di un’era precedente.

Ci sono alcuni decenni che si stanno facendo strada anche nella cultura del consumo.

Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci, ha da tempo incorporato icone del design degli anni ’70, come pantaloni e dolcevita, oltre a stampe audaci. Ma ci sono segni che l’estetica bohémien sta guadagnando slancio.

READ  Banco BPM ha abbassato il valore dei prestiti, i profitti fondiari hanno superato l'aumento dei ricavi

Basta dare un’occhiata ai vestiti che Harry Styles ha indossato di recente, inclusi molti del marchio di proprietà di Kering SA. Questa settimana, Gucci ha presentato una collezione con motivi nelle tonalità tipiche degli anni ’70.

Apparvero altre tracce dell’epoca, inclusi jeans a gamba larga, all’uncinetto e patchwork. Le ricerche online di mobili per camere da letto in rattan presso il grande magazzino britannico John Lewis sono il doppio rispetto a un anno fa. Ci sono anche alcuni successi degli anni ’70 e ’90: scarpe con plateau (in alto nell’indice Lyst) e zoccoli che si possono trovare ovunque, da Versace e Hermes International alla collaborazione di Christian Dior con Birkenstock.

Nel frattempo, il gruppo musicale di fama mondiale Abba è tornato con il loro tour Voyage 2022. Agiranno come avatar digitali, dando agli anni ’70 un tocco del 21° secolo.

Le imprese rivolte ai consumatori prevedono un deterioramento delle prospettive economiche questo autunno, poiché i costi energetici e i risparmi per la pandemia si esauriranno entro l’estate dei viaggi. Varrebbe la pena guardare se nei negozi, nei ristoranti e nei servizi di streaming comparissero altre tendenze degli anni ’70. Torce elettriche e fonduta, chiunque?

La riluttanza dei consumatori ad abbracciare gli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000 potrebbe essere dovuta al fatto che gli anni ’70 sono semplicemente il decennio in cui lo stile è stato dimenticato. Ancora oggi, la moda ispirata a quell’epoca sembra difficile da trovare. Inoltre, per la Generazione Z, gli anni ’90 hanno rappresentato un luogo felice, quasi mitico, prima dei pericoli dei social media. Questo potrebbe spiegare perché volevano tornare lì invece degli anni ’70. Prezzi più alti e blackout sono molto meno divertenti.

READ  Il presidente italiano esorta l'UE e l'Africa a fare di più sui migranti

Indossare più giacche per tenersi al caldo quest’inverno e dover acquistare carta igienica più economica a Lidl sarebbe già abbastanza brutto. La prospettiva di farlo con una tuta lucida a campana è ancora più terrificante.

Altro dall’opinione di Bloomberg:

• Il rischio di recessione con rating X non può essere coperto: John Others

• L’economia statunitense si sta dirigendo verso un atterraggio duro: Bill Dudley

Le famiglie italiane non abbastanza ricche per evitare la crisi: Rachel Sanderson

Questa colonna non riflette necessariamente l’opinione della redazione o di Bloomberg LP e dei suoi proprietari.

Andrea Felstead è editorialista di Bloomberg Opinion e si occupa di beni di consumo e settore della vendita al dettaglio. In precedenza, ha lavorato come giornalista per il Financial Times.

Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.com/opinion

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x