La NASA conferma che un pezzo della sua batteria si è schiantato contro una casa in Florida

La NASA conferma che un pezzo della sua batteria si è schiantato contro una casa in Florida

La NASA sta lavorando per lanciare oggetti in orbita. Ma ciò che sale deve scendere, e se ciò che scende nell'atmosfera non brucia, colpirà il suolo da qualche parte.

Anche la Florida non è sicura.

Il rilascio di detriti dalla Stazione Spaziale Internazionale viene valutato attentamente. La sua massa viene misurata e calcolata in modo che bruci quando rientra nell'atmosfera terrestre. Ma nel marzo 2024 le cose non andarono come previsto.

Tutto è iniziato nel 2021 quando gli astronauti hanno sostituito le batterie al nichel idruro della Stazione Spaziale Internazionale con batterie agli ioni di litio. Questo faceva parte di un aggiornamento del sistema di alimentazione e le batterie a fine vita sono state aggiunte a circa 2.630 kg (5.800 lb). L'8 marzo 2021, i controllori di terra hanno utilizzato il braccio robotico della Stazione Spaziale Internazionale per lanciare un pallet pieno di batterie scadute nello spazio, dove il decadimento orbitale le avrebbe poi fatte atterrare nell'atmosfera terrestre.

Il braccio robotico Canadarm 2 lancia nello spazio un pallet di batterie esaurite l’8 marzo 2021. Credito immagine: NASA

Si è trattato del più grande rilascio di detriti dalla Stazione Spaziale Internazionale. Secondo i calcoli, avrebbe dovuto bruciare entrando nell'atmosfera l'8 marzo 2024, ma ciò non è avvenuto.

Alejandro Otero possiede una casa a Napoli, in Florida. Non era a casa l'8 marzo quando si è verificata una forte collisione con qualcosa che ha colpito il tetto della sua casa. Ma suo figlio lo era. “È stato un suono enorme. Ha quasi colpito mio figlio”, ha detto Otero all'affiliato della CNN WINK News a marzo “Era in due stanze e ha sentito tutto”.

“Qualcosa ha fatto a pezzi la casa e ha creato un grosso buco nel pavimento e nel soffitto”, ha spiegato Otero. “Sono molto grato che nessuno sia rimasto ferito.”

READ  Krispy Kreme porta una ciambella su Marte in edizione limitata per celebrare l'atterraggio del rover alla NASA

Questa volta nessuno è rimasto ferito. Ma la NASA prende sul serio l’incidente.

Otero ha collaborato con la NASA e la NASA ha esaminato l'oggetto presso il Kennedy Space Center in Florida. Hanno stabilito che i detriti provenivano da una staffa utilizzata per montare vecchie batterie su una speciale piattaforma di ricarica.

Questa immagine mostra un montante intatto e il montante recuperato dall'attrezzatura di supporto al volo della NASA utilizzata per montare le batterie della ISS su una piattaforma di ricarica.  L'elica è sopravvissuta al rientro attraverso l'atmosfera terrestre l'8 marzo 2024 e si è schiantata contro una casa a Naples, in Florida.  Credito immagine: NASA
Questa immagine mostra un montante intatto e il montante recuperato dall'attrezzatura di supporto al volo della NASA utilizzata per montare le batterie della ISS su una piattaforma di ricarica. L'elica è sopravvissuta al rientro attraverso l'atmosfera terrestre l'8 marzo 2024 e si è schiantata contro una casa a Naples, in Florida. Credito immagine: NASA

La staffa è realizzata in super lega Inconel Comprendere gli ambienti estremi, compreso il caldo estremo. Pesa 725 grammi (1,6 libbre) ed è alto circa 10 cm (4 pollici) e ha un diametro di 4 cm (1,6 pollici).

Sebbene si tratti di un oggetto piccolo, è il tipo di incidente che la NASA e la Stazione Spaziale Internazionale sono determinate a evitare. “La Stazione Spaziale Internazionale condurrà un'indagine dettagliata analizzando il processo di smaltimento e rientro dei detriti per determinare il motivo per cui i detriti sono rimasti e aggiornare la modellazione e l'analisi, secondo necessità”, si legge nella dichiarazione della NASA.

Gli investigatori vogliono sapere come il relitto è sopravvissuto senza bruciare al suo ritorno. Gli ingegneri utilizzano modelli per comprendere come gli oggetti reagiscono al ritorno del calore e si rompono, e questo evento migliorerà tali modelli. Infatti, ogni volta che un oggetto raggiunge la Terra, i modelli vengono aggiornati.

Per Otero questo incidente non è stato altro che una grande storia e una richiesta di risarcimento assicurativo. Ma il pezzo di scena potrebbe aver ferito gravemente o addirittura ucciso qualcuno.

Nel gennaio 1997, Lottie Williams stava passeggiando in un parco con gli amici a Tulsa, in Oklahoma, la mattina presto. Videro un'enorme palla di fuoco nel cielo e provarono un'ondata di eccitazione, pensando di vedere una stella cadente. “Eravamo sbalorditi, in soggezione”, ha detto Williams a FoxNews.com. “È stato bello.”

READ  Evan Fournier con Depp 3 contro i Portland Trail Blazers

Poi qualcosa la colpì leggermente sulla spalla prima di cadere a terra. Era come un pezzo di stoffa metallica e, dopo aver comunicato con alcune autorità, ho appreso che faceva parte di un serbatoio di carburante di un razzo Delta 2. Lei è la prima persona conosciuta ad essere stata colpita da detriti spaziali. Se fosse stato più intenso, chissà se la Williams si sarebbe infortunata o peggio?

Ecco perché la NASA prende sul serio la sopravvivenza dei detriti. Il senso di colpa di ferire o addirittura uccidere qualcuno sarebbe schiacciante. Un grave incidente può anche rendere le cose molto scomode per andare avanti, poiché le persone possono essere volubili e non inclini al pensiero critico. La NASA è già alle prese con vincoli di budget. L'organizzazione non ha bisogno di cattive pubbliche relazioni per mettere ulteriormente a repentaglio i suoi progressi.

A complicare le cose è questo L'allarme è dell'Agenzia spaziale europea Non brucerà tutti i detriti della batteria. Non c'era molto che potessero fare. La variabilità delle nubi atmosferiche rendeva impossibile prevedere dove sarebbero caduti i detriti al suolo.

Chi segue lo spazio sa quanto tutto ciò possa essere complesso e imprevedibile. Sanno anche quanto è probabile un infortunio. Ma c’è sempre una possibilità diversa da zero di lesioni o morte a causa dei detriti spaziali per una persona che vive qui sulla Terra. Se ciò accadesse, il controllo sarà intenso.

È statisticamente allarmante considerare che i detriti spaziali colpiscano qualcuno, ferendolo o peggio? probabilmente. Quando vediamo una stella cadente nel cielo, possiamo tranquillamente goderci lo spettacolo senza preoccupazioni.

Ma forse, solo per prudenza, non alzare lo sguardo.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x