La NASA MOXIE termina di produrre ossigeno su Marte

La NASA MOXIE termina di produrre ossigeno su Marte

MOXIE è stato installato sul rover Perseverance nel 2019. Il dispositivo ha prodotto ossigeno 16 volte, in un test di una tecnologia chiave per le future missioni umane su Marte. Credito: NASA

Un dimostratore della tecnologia di generazione dell’ossigeno MOXIE delle dimensioni di un microonde della NASA ha completato la sua missione su Marte.

MOXIE sta per Mars Oxygen Resource In Situ Utilization Experiment. È stato inviato sul Pianeta Rosso a bordo del rover robotico Perseverance della NASA ed è stato progettato appositamente per questo Dimostrare la fattibilità della produzione di ossigeno su Marte estraendolo dall’atmosfera ricca di anidride carbonica del pianetasecondo la NASA

Dall’arrivo su Marte nel febbraio 2021, MOXIE ha prodotto ossigeno 16 volte, producendo un totale di 122 grammi di ossigeno, che secondo la NASA è l’equivalente di ciò che respira un piccolo cane in 10 ore. Al suo apice, il dispositivo produceva 12 grammi di ossigeno all’ora con una purezza del 98% o migliore, ha affermato l’agenzia spaziale. Il suo ultimo utilizzo il 7 agosto ha prodotto 9,8 grammi di ossigeno. Secondo la NASA, MOXIE ha raggiunto o superato tutti i suoi obiettivi tecnici.

“Siamo orgogliosi di supportare tecnologie avanzate come MOXIE che possono trasformare le risorse domestiche in prodotti utili per future missioni di esplorazione”, ha affermato Trudy Curtis, responsabile delle dimostrazioni tecnologiche per la direzione delle missioni per la tecnologia spaziale della NASA presso la sede della NASA a Washington. Lo ha detto in una nota all’agenzia. “Dimostrando questa tecnologia in condizioni reali, siamo un passo avanti verso un futuro in cui gli astronauti vivranno oltre la Terra, sul Pianeta Rosso”.

READ  I casi confermati di morbillo a Montreal raggiungono i 15

Questa è stata la prima volta che l’ossigeno è stato prodotto da un veicolo spaziale su Marte. La NASA ha affermato che Moxy produce ossigeno attraverso un processo elettrochimico che separa un atomo di ossigeno per ogni molecola di anidride carbonica pompata fuori dall’atmosfera marziana.

Si prevede che questa tecnologia verrà utilizzata durante le future missioni umane sul Pianeta Rosso al fine di ridurre la quantità di materiali di consumo che gli astronauti dovranno portare con sé in un viaggio pluriennale. L’ossigeno può essere utilizzato per la respirazione, così come il componente ossidante del carburante per missili per il veicolo di ritorno sulla Terra.

“MOXIE è chiaramente servito da ispirazione per la comunità ISRU”, ha affermato il ricercatore principale dello strumento, Michael Hecht del MIT. “Ha dimostrato che la NASA era disposta a investire in questo tipo di tecnologia del futuro. È stato un pioniere che ha avuto un impatto sull’entusiasmante settore delle risorse spaziali.”

Il microfono del rover Perseverance ha catturato questo suono dello strumento MOXIE in funzione su Marte il 27 maggio 2021. Credito immagine: NASA

Etichetta: Marte MOXIE NASA Perseverance Rover Range

Derek Richardson

Derek Richardson ha conseguito una laurea in mass media, con specializzazione in giornalismo contemporaneo, presso la Washburn University di Topeka, Kansas. Mentre era a Washburn, è stato caporedattore del giornale gestito dagli studenti, il Washburn Review. Ha anche un sito web sul volo spaziale umano chiamato Orbital Velocity. Puoi trovarlo su Twitter @TheSpaceWriter.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x