― Advertisement ―

spot_img
HomescienceLa NASA rivela le prime immagini dello storico campione di asteroide

La NASA rivela le prime immagini dello storico campione di asteroide

Questo articolo è stato rivisto secondo Science Processo di modifica
E Politiche.
Editori Sono state evidenziate le seguenti caratteristiche garantendo al tempo stesso la credibilità del contenuto:

Verifica dei fatti

Un’agenzia di stampa rispettabile

Correzione di bozze

La missione OSIRIS-REx ha raccolto rocce e polvere dall’asteroide Bennu nel 2020 e una capsula contenente il prezioso carico è tornata con successo sulla Terra poco più di due settimane fa, atterrando nel deserto dello Utah.

× Vicino

La missione OSIRIS-REx ha raccolto rocce e polvere dall’asteroide Bennu nel 2020 e una capsula contenente il prezioso carico è tornata con successo sulla Terra poco più di due settimane fa, atterrando nel deserto dello Utah.

Mercoledì, la NASA rivelerà le prime immagini del più grande campione di asteroidi mai raccolto nello spazio, qualcosa che gli scienziati sperano possa fornire indizi sugli albori del nostro sistema solare e forse sulle origini della vita stessa.

La missione OSIRIS-REx ha raccolto rocce e polvere dall’asteroide Bennu nel 2020 e una capsula contenente il prezioso carico è tornata con successo sulla Terra poco più di due settimane fa, atterrando nel deserto dello Utah.

Ora viene analizzato attentamente in una camera bianca specializzata presso il Johnson Space Center della NASA a Houston.

L’agenzia spaziale terrà una conferenza stampa in live streaming alle 11:00 ET (15:00 GMT) per condividere immagini e analisi scientifiche iniziali.

OSIRIS-REx non è la prima missione a incontrare un asteroide e a restituirne campioni da studiare: il Giappone è riuscito in questa impresa due volte, riportando pezzi di ghiaia spaziale nel 2010 e nel 2020.

Ma la maggiore quantità di materiale – 250 grammi (mezza libbra) – rispetto ai 5,4 grammi restituiti dalla giapponese Hayabusa II – rappresenta una differenza fondamentale.

READ  Studio: le precipitazioni artiche potrebbero dominare le nevicate prima del previsto

La NASA ha scelto di campionare Bennu perché si ritiene che sia ricco di composti organici.

Gli scienziati ritengono che asteroidi simili avrebbero potuto trasportare sulla Terra elementi organici insieme all’acqua attraverso collisioni miliardi di anni fa.

Si ritiene che Bennu si sia formato da pezzi di un asteroide più grande nella fascia degli asteroidi, dopo una massiccia collisione avvenuta uno o due miliardi di anni fa.

× Vicino

Si ritiene che Bennu si sia formato da pezzi di un asteroide più grande nella fascia degli asteroidi, dopo una massiccia collisione avvenuta uno o due miliardi di anni fa.

Anche l’orbita di Bennu, che si interseca con l’orbita del nostro pianeta, ha reso il viaggio di andata e ritorno più facile che andare nella fascia degli asteroidi, che si trova tra Marte e Giove.

Finora, i ricercatori della NASA sono stati sollevati nello scoprire “particelle extra”, descritte come polvere nera e detriti che ricoprono il dispositivo di raccolta dei campioni.

Nell’ottobre 2020, quando la sonda OSIRIS-REx ha sparato azoto a Bennu per raccogliere il suo campione, un lembo personalizzato si è aperto per sigillarlo con un pezzo di roccia, consentendo al materiale fine di fuoriuscire dal complesso senza fuoriuscire completamente.

“Il problema migliore che abbiamo è che c’è troppo materiale e raccoglierlo sta richiedendo più tempo del previsto”, ha detto in una nota Christopher Sneed, vice capo della divisione curatoriale di OSIRIS-REx.

“È davvero sorprendente che abbiamo tutto questo materiale lì.”

Si ritiene che Bennu si sia formato da pezzi di un asteroide più grande nella fascia degli asteroidi, dopo una massiccia collisione avvenuta uno o due miliardi di anni fa.

Un campione dell’asteroide Bennu viene analizzato attentamente in una stanza bianca presso il Johnson Space Center della NASA a Houston.

× Vicino

Un campione dell’asteroide Bennu viene analizzato attentamente in una stanza bianca presso il Johnson Space Center della NASA a Houston.

READ  La Grande Barriera Corallina "partorisce" in un enorme evento di deposizione delle uova nella barriera corallina

I dati raccolti dalla navicella spaziale hanno rivelato che le molecole che compongono il suo esterno erano così allentate che se qualcuno mettesse piede sulla superficie, avrebbero potuto affondare, proprio come entrare in un pozzo di palline di plastica.

Oltre alle conoscenze scientifiche, una migliore comprensione della composizione di Bennu potrebbe essere utile se l’umanità avesse bisogno di allontanarla.

Sebbene non vi sia alcuna possibilità di colpire la Terra durante la metà del 21° secolo, le probabilità salgono a circa 1 su 1.750 tra allora e il 2300, afferma la NASA.