La NATO affronta malcontento e paure nel 75° anniversario

La NATO affronta malcontento e paure nel 75° anniversario

Il sentimento anti-NATO in Italia continua a crescere tra i timori che la sua posizione aggressiva possa trasformare il conflitto ucraino in una guerra su vasta scala in Europa.

Giovedì 4 aprile si è celebrato il 75° anniversario della fondazione della NATO. L’Italia è membro dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) dal 1949, anno della firma del Trattato del Nord Atlantico, poco dopo essere diventata una repubblica dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Una marcia di protesta si è tenuta a Roma nei pressi del centro di comando altamente strategico della NATO.

I manifestanti hanno affermato che la NATO non era più necessaria dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, aggiungendo che l’organizzazione militare guidata dagli Stati Uniti aveva profondamente cambiato la sua natura nel corso degli anni.

L'adozione da parte della NATO nel 1999 di un nuovo concetto strategico ha cambiato tutto.


Il nuovo concetto comprende anche la tutela degli interessi politici ed economici e la possibilità di operare nelle operazioni di gestione dei conflitti e di risposta alle crisi, comprese quelle situate al di fuori del territorio della coalizione.


Fu allora che la NATO si trasformò in un'organizzazione offensiva e nella polizia mondiale.


Mario Sanguinetti, analista geopolitico

Dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, l’Italia ospita più di centoventi basi delle forze NATO e statunitensi; Alcuni sono ben noti, mentre altri hanno sede segretamente in tutto il territorio italiano.

L'Italia è il Paese europeo con il maggior numero di basi militari Usa e Nato sul proprio territorio, seguito da Germania e Gran Bretagna.

READ  Una storia della persecuzione cristiana a Roma e della fondazione di San Marino

La maggior parte del territorio italiano sottoposto alla schiavitù militare della NATO si trova in Sardegna, dove da decenni i residenti locali organizzano proteste contro gli effetti nefasti delle esercitazioni militari, sia sulla regione che sulla salute delle persone e degli animali.

Nella nostra isola abbiamo registrato un enorme aumento del numero di difetti congeniti nei bambini e di deformità negli animali.


Ma ciò che più ci preoccupa in Sardegna è il legame tra le esercitazioni militari della NATO e gli alti tassi di tumori nell’uomo.


Ciò è causato dalle emissioni chimiche derivanti dai test militari.


Residente sardo

Abbiamo visto come ha funzionato la NATO nel conflitto russo-ucraino. La NATO ha circondato la Russia con le sue basi per anni, costringendo Mosca a intraprendere un’azione militare quando ha iniziato a corteggiare l’Ucraina.


Non avremo mai la pace se la NATO agisce in questo modo, ma solo intensificando la guerra.


Francesca Perry, Medici per Gaza

Il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani ha confermato giovedì che Roma non invierà le sue forze in Ucraina, suggerendo la possibilità di riprendere le relazioni con la Russia in futuro.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x