La NATO risponderà se si verifica un danno deliberato al gasdotto del Mar Baltico – Presidente della NATO

La NATO risponderà se si verifica un danno deliberato al gasdotto del Mar Baltico – Presidente della NATO
  • Si stanno indagando sui danni alla conduttura e ai cavi di comunicazione
  • Il gasdotto e il cavo collegano i membri della NATO Finlandia ed Estonia
  • Il Cremlino dice che i danni sono “preoccupanti”
  • L’incidente è avvenuto poco più di un anno dopo gli attentati del Nord Stream

HELSINKI/BRUSSELS (Reuters) – La NATO discuterà dei danni al gasdotto e al cavo dati che corre tra la Finlandia e l’Estonia, e risponderà “con fermezza” se verrà dimostrato un attacco intenzionale, ha detto il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg. Mercoledì.

I danni al gasdotto Balticconnector e al cavo di comunicazione sono stati confermati martedì dopo che uno dei due gestori del gasdotto, la finlandese Gasgrid, ha notato un calo di pressione e una possibile perdita domenica notte durante un temporale.

Helsinki, che sta indagando sulla questione, ha affermato che il danno potrebbe essere stato causato da “attività esterne”. Ciò ha sollevato preoccupazioni sulla sicurezza energetica regionale e ha spinto al rialzo i prezzi del gas.

“La cosa importante ora è scoprire cosa è successo e come potrebbe accadere”, ha detto Stoltenberg ai giornalisti a Bruxelles prima di una riunione dell’alleanza militare.

“Se si rivelerà un attacco deliberato alle infrastrutture critiche della NATO, sarà ovviamente grave, ma incontrerà anche una risposta unita e risoluta della NATO”.

L’Ufficio investigativo nazionale finlandese ha affermato che sono stati trovati “segni esterni” sul fondale marino vicino al gasdotto danneggiato e che stava esaminando i movimenti delle navi nell’area al momento della rottura.

“Ora ci stiamo concentrando sull’indagine tecnica sul luogo del danno al tubo e sull’esame del fondale marino sul posto”, ha detto mercoledì ai giornalisti il ​​capo dell’ufficio Robin Lardot.

READ  Il comitato della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha il diritto di vedere i registri fiscali e le regole del tribunale di Trump

Risto Lohi, investigatore capo dell’ufficio, ha dichiarato in una conferenza stampa che non sono stati esclusi danni all’ancora, aggiungendo: “Al momento sembra che il danno sia stato causato da forza meccanica, non da un’esplosione”.

Posizione del tubo del gas danneggiato

Il gasdotto corre tra Enko in Finlandia e Paldiski in Estonia attraverso il Golfo di Finlandia, una parte del Mar Baltico che si estende a est nelle acque russe e termina nel porto di San Pietroburgo.

I colloqui del giovedì

I ministri della Difesa della NATO discuteranno dei danni giovedì quando si incontreranno per la seconda giornata di incontri a Bruxelles, ha detto ai giornalisti il ​​ministro della Difesa finlandese Antti Hakkanen mercoledì sera.

“Sappiamo che le infrastrutture sono vulnerabili e necessitano di una migliore protezione”, ha affermato Hakkanen.

Balticconnector è gestito congiuntamente dall’operatore estone del sistema di elettricità e gas Elering e dall’operatore finlandese del sistema di trasporto del gas Gasgrid, che possiedono ciascuno metà del gasdotto.

Gli operatori hanno affermato in una nota che la pianificazione e l’attuazione delle riparazioni del gasdotto richiederanno almeno cinque mesi e che è improbabile che le operazioni di trasporto del gas riprendano prima di aprile.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha descritto l’incidente come “preoccupante” e ha affermato in una regolare conferenza stampa che l’attacco del settembre 2022 ai gasdotti Nord Stream che attraversano il Mar Baltico tra Russia e Germania costituisce un pericoloso precedente.

Questi grandi gasdotti sono stati danneggiati da esplosioni che le autorità hanno affermato essere state causate da un sabotaggio.

READ  La Corea del Sud afferma di aver sparato colpi di avvertimento dopo che i soldati nordcoreani hanno attraversato il confine Notizie militari

La questione chiave è come reagirebbe la NATO se ci fossero prove che dietro il nuovo danno al gasdotto c’è un attore statale, ha affermato Henri Vanhanen, ricercatore presso l’Istituto finlandese per gli affari internazionali.

“Penso che la grande domanda a lungo termine sia… abbiamo una serie chiara di potenziali contromisure a tali attività (sovversive)? Cos’è la deterrenza?”, ha aggiunto. Egli ha detto.

Il governo finlandese ha affermato che il presidente Sauli Niinistö e altri funzionari sono stati informati mercoledì sull’innalzamento dei livelli di preparazione nelle infrastrutture critiche. Nel frattempo, Norvegia e Lituania si sono attivate per rafforzare la sicurezza negli impianti energetici onshore.

Gasdotto “ritirato unilateralmente”

Il ministro della Difesa estone Hannu Pefkur ha detto a Reuters che “si vede chiaramente che questo danno è stato causato da una forza molto forte” con possibili cause tra cui “impatto meccanico o distruzione meccanica”.

Secondo l’operatore via cavo Elissa, il gasdotto e i cavi di comunicazione passano in parallelo a una “grande” distanza l’uno dall’altro.

Gli investigatori finlandesi hanno affermato che entrambe le linee hanno subito danni “nello stesso lasso di tempo” domenica mattina presto, con la conduttura che si ritiene si sia rotta nelle acque finlandesi mentre si è verificata una rottura del cavo nelle acque estoni.

Il comandante della marina estone Juri Saska ha detto all’emittente pubblica ERR che il gasdotto, che è ricoperto di cemento per protezione, sembrava che “qualcuno lo avesse strappato da un lato”. “Il cemento si è rotto o si è staccato, soprattutto in quel punto della lesione.”

L’operatore della rete Fingrid ha affermato che il danno non riguarderà il sistema elettrico finlandese. Il gas rappresenta il 5% del fabbisogno energetico della Finlandia.

READ  Sparatoria all'Ateneo nelle Filippine: tre uccise, tra cui Rose Furigai, alla festa di laurea

Il gasdotto Balticconnector è stato aperto nel dicembre 2019 per contribuire a integrare i mercati del gas della regione, offrendo alla Finlandia e ai paesi baltici di Estonia, Lettonia e Lituania maggiore flessibilità di approvvigionamento.

(Segnalazione di Andrius Setas a Vilnius, Anne Kuranen a Helsinki, Tom Little a Malmö, Benoit van Overstraeten a Bruxelles, Nerijus Adomaitis ed Elvira Loma a Danzica e Louise Rasmussen a Copenaghen), Scrittura di Gwladys Foch e Niklas Pollard; A cura di Terje Solsvik, Bernadette Baum e Katherine Evans

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x