La principale ballerina italiana, Carla Fracci, muore all’età di 84 anni

Carla Vracci, una delle ballerine più famose del XX secolo cresciuta da umili origini in Italia per stupire il pubblico nei teatri di tutto il mondo, è morta, ha annunciato la sua famiglia giovedì.

Aveva 84 anni e aveva il cancro. Vracci ha ballato con le maggiori star maschili della sua epoca, formando collaborazioni indimenticabili con Rudolf Nuriev, Erik Braun e Vladimir Vasiliev, ed è particolarmente famosa per la sua interpretazione del meraviglioso balletto romantico, in particolare “Giselle”.

Più tardi nella sua vita, ha diretto diverse compagnie di balletto italiane, tra cui a Napoli, Verona e Roma, e non vedeva l’ora di portare la danza nelle città regionali per mantenere vivo il balletto in un paese in cui l’opera tradizionalmente domina. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha dichiarato in un comunicato che “Carla Fracci ha onorato il nostro Paese con la sua eleganza e il suo impegno artistico”, elogiando le sue “straordinarie qualità artistiche e umane che l’hanno resa una delle più grandi ballerine classiche del nostro tempo”.

Vracci è nata a Milano nel 1936. Suo padre era un tramista e sua madre lavorava in una fabbrica. Si è iscritta alla scuola di ballo del prestigioso Teatro La Scala di Milano quando aveva 10 anni e ha ammesso di aver trovato noiosa la danza classica fino a quando non ha visto esibirsi la star britannica Margot Fontaine.

“È allora che è scoppiata una scintilla”, ha detto nel 2008 il Corriere della Sera, “una scintilla si è trasformata in fuoco e non mi ha lasciato”. Si è diplomata alla scuola di danza classica nel 1954 ed è diventata ballerina solista due anni dopo. Promossa a ballerina nel 1958.

READ  Non ho mai visto un altro film inquietante come questo: CBS Pittsburgh

Si esibisce da oltre 50 anni, ricordando la sua carriera nella sua autobiografia del 2013 Step by Step. In esso, descrive il lavoro con i grandi ballerini maschi della sua generazione, incluso Nureyev, spesso difficile. “ Ballare con Ruddy è stata, di per sé, una sfida: un grande ballerino e coreografo ma anche un ragazzo molto duro, rivale, eccentrico, lunatico, imprevedibile, lunatico, lunatico e talvolta così terribile da comportarsi male sul palco con Quelli che ballavano con i suoi scribi “.

Vracci ha dato le sue ultime lezioni importanti a gennaio, alla Scala, per esplorare Giselle, uno dei ruoli più ambiti delle ballerine che l’italiano ha introdotto per la prima volta a Londra nel 1959 e poi in tutto il mondo per i decenni a venire. “Ha ricevuto un enorme e fiorito benvenuto da parte della folla affamata di stelle”, ha scritto il New York Times in una recensione di uno spettacolo all’American Ballet Theatre nel 1991.

Vracci è sposato dal 1964 con il regista Pepe Menegatti e la coppia ha un figlio, Francesco.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse e generata automaticamente da un feed condiviso.)

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x