La radiogenomica potrebbe personalizzare la cura del cancro, ma gli esperti sono ancora riluttanti ad abbracciare questo metodo.

La radiogenomica potrebbe personalizzare la cura del cancro, ma gli esperti sono ancora riluttanti ad abbracciare questo metodo.

Anche se c’è ancora molto lavoro da fare, gli esperti ritengono che la combinazione di dati radiologici con dati genetici potrebbe un giorno personalizzare i piani di trattamento per i malati di cancro ai polmoni.

La combinazione di dati radiologici e genomici, noti come radiogenomica, si ottiene estraendo le informazioni di imaging dei pazienti e i dati sulla biologia del tumore tramite l’intelligenza artificiale. In tal modo, i ricercatori possono identificare biomarcatori di imaging che possono riflettere potenziali mutazioni.

“in un Cancro ai polmonii recenti progressi nel sequenziamento dell’intero genoma e nell’identificazione di alterazioni molecolari attuabili hanno accresciuto l’interesse nella comprensione delle complesse relazioni tra imaging e dati genomici, con il potenziale per guidare le strategie terapeutiche e prevedere i risultati clinici”, ha affermato l’autrice Maria Mayoral, con il Dipartimento di Spiegazione della radiologia al Memorial Sloan Kettering Cancer Center.

Gli esperti hanno indicato che sono necessarie ulteriori ricerche sull’applicazione della radiogenomica utilizzando questa tecnica nella pratica clinica. Ma di recente Imaging clinicoHanno evidenziato i suoi numerosi potenziali benefici, in particolare in termini di personalizzazione della cura del cancro.

La radiogenomica potrebbe aprire molte porte per creare terapie mirate per il cancro ai polmoni, poiché questa tecnologia può identificare mutazioni tumorali uniche. Di solito, i pazienti vengono sottoposti a biopsia o intervento chirurgico per ottenere campioni di tessuto per questo scopo, ma la radiogenomica può predire lo stato di mutazione non invasiva con risultati simili. Lo fa utilizzando i dati dell’intero tumore, piuttosto che un piccolo campione di tessuto.

READ  I droni autonomi imparano a trovare siti di impatto meteorico "nascosti"

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x