La rapida guarigione ha lasciato Christian Eriksen impaziente di tornare alla vita normale

La rapida guarigione ha lasciato Christian Eriksen impaziente di tornare alla vita normale

Christian Eriksen, che ha firmato con il New Brentford, ha parlato della strana sensazione di sentirsi “totalmente normali” ma sapendo che la sua vita è cambiata per sempre dopo l’arresto cardiaco a Euro 2020.

Il regista danese compirà 30 anni lunedì e trascorrerà l’occasione con la famiglia, vista la possibilità che i festeggiamenti non siano mai stati celebrati dopo il crollo avvenuto il 12 giugno al Parken Stadium, durante lo scontro della Danimarca con la Finlandia.

Eriksen è – nelle sue parole – “andato” per cinque minuti, ma dice di sentirsi normale dalla sua rianimazione, il che non ha fatto che aumentare la sua passione per il ritorno alle competizioni.

Giorni dopo il suo collasso, Eriksen aveva un defibrillatore impiantabile (ICD).

Il suo contratto con l’Inter è stato risolto a dicembre a causa delle regole sull’uso dei defibrillatori da parte degli atleti in Italia, che si sono rivelate un incentivo per tornare in Premier League con il Brentford il mese scorso.

“Per me, volevo che la mia vita tornasse alla normalità subito dopo perché non ho sentito nulla di quello che è successo”, ha spiegato Eriksen alla conferenza stampa svelata venerdì.

“Ero in ospedale e avevo un ICD, ma per il resto mi sentivo completamente normale. Quella è stata la parte più difficile dopo, essere in grado di condurre una vita normale.

“Certo che la vita è cambiata perché le persone hanno un aspetto diverso a causa di quello che è successo, le nostre vite sono cambiate dall’essere in Italia e dall’essere nell’eurozona in quel momento, ma guardando la vita non è cambiata molto.

READ  Il Liverpool deve affrontare un'attesa tesa per la forma fisica di Jordan Henderson mentre i Reds si preparano per un importante licenziamento

“Ho guardato la mia famiglia in modo leggermente diverso, in termini di come si sentono, come si comportano e come stanno crescendo i miei figli.

“A parte questo, penso che il resto del mondo… ero molto felice con il mondo prima, quindi questo non ha cambiato il modo in cui ho guardato il mondo dopo. Più che per quanto riguarda la famiglia”.

Senza il supporto della sua famiglia, Eriksen non avrebbe potuto intraprendere il suo viaggio per diventare il primo calciatore a giocare in Premier League con l’ICD.

La fine della sua carriera all’Inter lo ha portato al ricongiungimento con l’ex allenatore delle giovanili danesi Thomas Frank e diversi compagni di squadra internazionali al Brentford, ma non ci sarà una grande festa per festeggiare il suo compleanno a San Valentino.

Eriksen ha aggiunto: “Niente (programmato), ho persino detto alla mia fidanzata (Sabrina) che volevo mantenerla il più calma possibile, solo per essere una famiglia. Per me questa è la parte più importante. Niente di eccitante, probabilmente solo del cibo. “

“Posso dire che la mia famiglia è in un buon posto, tutti sono in un ottimo posto per quello che è successo.

“Abbiamo parlato di tutto ciò che è accaduto in modo molto chiaro, molto aperto e adoro il supporto che mi danno. Sono felice di essere qui per loro”.

Il 109 volte nazionale è desideroso di tornare al calciatore Eriksen dopo otto mesi in disparte.

Il New Brentford spera che l’ex stella del Tottenham non ci vorrà troppo tempo per riscoprire la forma che lo ha reso uno dei migliori giocatori creativi dell’Inghilterra per sette stagioni.

READ  Victor Osimin: Ct della Nigeria L'attaccante spera di essere in forma per le partite cruciali della Coppa delle Nazioni Africane

Giocherà un’amichevole lunedì e poi cercherà di migliorare la sua forma fisica nelle prossime settimane, con Frank attirato nella rosa per affrontare l’Arsenal e il Newcastle alla fine di questo mese se tutto andrà come previsto.

Quando gli è stato chiesto se raggiungerà le sue vette precedenti, Eriksen ha riso, ha insistito: “Facile, sì.

“Sarebbe di più se non toccassi palla per cinque mesi, il tuo tocco è un po’ arrugginito e devi riprenderlo, riprendere il ritmo, ma no, non perderai mai un tocco di calcio. “

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x