Lagarde si prepara a decollare dalla Banca centrale europea con un’inflazione più record

(Bloomberg) – Iscriviti alla newsletter New Economy Daily, seguici su economia e iscriviti al nostro podcast

È probabile che il dibattito della Banca centrale europea su come inasprire la politica monetaria si intensifichi questa settimana prima del periodo di blackout che ha portato alla decisione, poiché è probabile che i dati mostrino un nuovo record di inflazione.

Tutti gli economisti intervistati da Bloomberg tranne uno si aspettavano un’accelerazione degli aumenti annuali dei prezzi, con una stima media del 7,8%. Delle quattro maggiori economie dell’Eurozona, solo la Spagna mostrerà un’accelerazione dell’inflazione.

Questi dati emergeranno sullo sfondo di un’attiva discussione pubblica sui tassi di interesse da parte dei funzionari della Banca centrale europea la cui finestra di intervento si chiuderà prima della decisione del 9 giugno di giovedì.

Nel frattempo, dietro le quinte, il ritmo degli scambi tra il personale a Francoforte e le banche centrali dell’eurozona aumenterà man mano che le aspettative cruciali della presidente Christine Lagarde che verranno svelate la settimana successiva saranno finalizzate insieme alla coreografia dell’inasprimento previsto fino a settembre.

Tutto ciò sarà fondamentale per i funzionari che discutono su quanto velocemente e fino a che punto aumenteranno i prezzi. Il governatore della Banca centrale olandese Claes Knott, che non esclude un grande aumento di mezzo punto come ha fatto la Federal Reserve statunitense questo mese, cita l’inflazione e gli indicatori chiave associati come dati chiave da tenere d’occhio.

“Questi nuovi numeri sono molto importanti per determinare la rapidità con cui dovrebbe verificarsi l’aumento dei prezzi”, ha affermato in un’intervista Giorgio Di Giorgio, professore all’Università Luis di Roma. “C’è un vero groviglio di fattori che si sono uniti per complicare il quadro, dalla pandemia ai colli di bottiglia, poi la guerra in Ucraina e ora la politica di non proliferazione della Cina e le sue ripercussioni”.

READ  International Owls rende San Valentino una celebrazione globale

Cosa dice Bloomberg sull’economia…

“Oltre al sentimento debole, i maggiori costi energetici stanno ostacolando la ripresa economica nell’Eurozona. Tuttavia, l’escalation della pressione inflazionistica di fondo sta anche rafforzando la determinazione della BCE ad aumentare i tassi di interesse. Vediamo un aumento di 25 punti base a luglio, settembre e dicembre”.

– Maeva Cousin e Jimmy Rush. Per visualizzare il rapporto completo, fare clic qui

Le statistiche sull’inflazione inizieranno a emergere lunedì, con gli economisti che prevedono la Spagna all’8,3% e poi la Germania all’8,1%. Il Belgio pubblicherà anche i dati sui prezzi quel giorno. Dopodiché, martedì ci saranno rapporti per Francia e Italia, nonché per Austria, Portogallo, Slovenia e l’eurozona nel suo insieme.

È probabile che anche il cosiddetto indicatore dell’inflazione core della regione, che esclude articoli volatili come cibo ed energia, raggiunga un nuovo massimo storico del 3,6%. Nel frattempo, l’aumento mensile dello 0,6% dei prezzi al consumo che gli economisti avevano previsto sarebbe stato identico ad aprile.

“Anche quando gli shock dell’offerta diminuiranno, è improbabile che le dinamiche di prevenzione dell’inflazione dell’ultimo decennio tornino”, ha affermato Lagarde la scorsa settimana in un blog che delinea ciò che i funzionari della BCE descrivono come una tabella di marcia della politica monetaria. “Di conseguenza, è opportuno che la politica torni a impostazioni più normali”.

Il presidente ha indicato i possibili esiti delle prossime tre decisioni della Banca centrale europea, poiché è probabile che le decisioni di giugno confermino la fine degli acquisti di obbligazioni, seguita da aumenti dei tassi di interesse di un quarto di punto a luglio e settembre per uscire dalla politica monetaria sotto zero.

READ  Hochul consegna oltre 1 milione di dollari al nuovo Little Italy Museum dopo che la sovvenzione è stata negata

Come concretizzare questo percorso è al centro di un acceso dibattito, con alcuni funzionari che spingono affinché aumenti maggiori siano almeno un’opzione. Tra loro ci sono Knot, il collega austriaco Robert Holzmann e il lettone Martins Kazak.

Il presidente della Bundesbank Joachim Nagel potrebbe essere d’accordo. Ha anche espresso la sua ambizione di almeno tre passi per aumentare i tassi della Banca centrale europea sopra lo zero entro la fine dell’anno, in un’intervista a Spiegel pubblicata venerdì.

Al contrario, la scorsa settimana il collega francese Francois Villeroy de Gallo ha insistito su Bloomberg Television sul fatto che l’aumento di mezzo punto “non faceva parte del consenso a questo punto, sono chiaro”. Tuttavia, il calcolo è che il tasso salirà l’anno prossimo a un livello considerato neutro che non stimola o vincola l’economia e aumenta la possibilità che aumenti.

È tra i tanti politici ancora in programma per parlare prima dell’inizio del periodo di blackout. E molte di queste apparizioni saranno di funzionari generalmente considerati più pessimisti, tra cui il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco e il presidente della Banca di Spagna Pablo Hernandez de Cos.

Anche il capo economista della BCE Philip Lane, che è stato visto nello stesso campo, dovrebbe parlare. Durante tutto, gestirà il processo di compilazione delle previsioni trimestrali. Contrariamente alle recenti previsioni di marzo, questo esercizio di previsione è uno sforzo semestrale più completo che coinvolge il personale delle BCN.

I numeri saranno ancora più importanti per il ruolo che giocheranno nella decisione del 9 giugno. La scorsa settimana, il vicepresidente della Banca centrale europea Luis de Guindos ha dichiarato a Bloomberg TV che le prospettive non sarebbero “totalmente diverse” da quelle della Commissione europea. I suoi funzionari il 16 maggio prevedevano che l’inflazione sarebbe in media del 6,1% quest’anno e del 2,7% l’anno prossimo, ancora al di sopra dell’obiettivo del 2% della Banca centrale europea.

READ  Applausi e lacrime danno il benvenuto a un altro nuovo lavoro a Brunswick

Per il veterano economista britannico Charles Goodhart, l’ex politico della Banca d’Inghilterra che aveva previsto lo shock inflazionistico all’inizio della pandemia, la natura incentrata sull’offerta degli aumenti dei prezzi che affliggono l’eurozona rende il compito di Lagarde e dei suoi colleghi ancora più difficile. .

“E’ una situazione molto difficile per la BCE – è più difficile per la BCE in molti modi che per la Fed”, ha detto in una conferenza a Madrid la scorsa settimana. “Affrontare uno shock dell’offerta è molto più difficile che affrontare uno shock della domanda”.

© Bloomberg LP 2022

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x