L’Agenzia spaziale europea sta preparando una missione per scoprire se le lune di Giove possono ospitare la vita

L’Agenzia spaziale europea sta preparando una missione per scoprire se le lune di Giove possono ospitare la vita

Un veicolo spaziale europeo sta per intraprendere un viaggio di 6,6 miliardi di chilometri per esplorare se le lune oceaniche di Giove possono sostenere la vita.

La sonda da sei tonnellate, chiamata Juice (Jupiter Icy Moons Explorer), si dirigerà verso il pianeta più grande del sistema solare trasportando 10 strumenti scientifici, nella più grande missione spaziale dell’Agenzia spaziale europea (ESA) fino ad oggi.

Scienziati nel Regno Unito hanno guidato lo sviluppo di uno strumento noto come magnetometro, che aiuterà a far luce su come si sono formate le lune ghiacciate di Giove.

La dott.ssa Caroline Harper, responsabile delle scienze spaziali presso la British Space Agency, che ha investito 9 milioni di sterline nella missione, ha dichiarato: “Juice ci porterà in una parte del sistema solare di cui sappiamo relativamente poco, per studiare Giove, il pianeta più grande , e per verificare se alcune delle sue lune ghiacciate ospitano condizioni che potrebbero sostenere la vita”.

Previsto per il lancio il 13 aprile dallo spazioporto europeo di Kourou, nella Guyana francese, Juice decollerà a bordo di un razzo Ariane 5 alle 13:15 ora del Regno Unito, prima di separarsi dal razzo circa mezz’ora dopo.

Una volta che il veicolo spaziale raggiungerà la sua destinazione in otto anni, impiegherà almeno tre anni a fare studi dettagliati del pianeta e di tre delle sue lune più grandi, Ganimede, Europa e Callisto.

Ingegneri e controllori di missione hanno una finestra di lancio molto breve per inviare il veicolo spaziale nel suo viaggio.

Questo perché Venere e la Terra devono essere perfettamente posizionate affinché Juice esegua una manovra nota come assistenza gravitazionale, in cui utilizzerà la gravità di questi pianeti per lanciarsi verso Giove.

READ  Un video straordinario rivela come la superficie terrestre sia cambiata negli ultimi 100 milioni di anni

Justin Byrne, chief science officer di Airbus e prime contractor per la missione, ha affermato che sebbene ci siano tre tonnellate e mezzo di carburante, non è sufficiente per Joss per raggiungere direttamente Giove.

Ha detto: “Dobbiamo usare i pianeti – Terra e Venere – solo per arrivare a Giove.

“Ridurremo la quantità di carburante di cui abbiamo bisogno utilizzando il supporto gravitazionale”.

(Grafica PA)

Tuttavia, se la prima finestra viene persa, Byrne ha affermato che ci saranno più opportunità ad aprile e poi ad agosto.

Juice non è attrezzato per cercare segni di vita, ma ha lo scopo di esplorare le condizioni che potrebbero sostenere la vita.

Si ritiene che sotto la crosta ghiacciata di Europa ci sia un enorme oceano di acqua liquida, contenente il doppio dell’acqua degli oceani della Terra messi insieme.

Ma gli scienziati sono più interessati a Ganimede, la più grande luna di Giove che si ritiene abbia un oceano salato sotto il suo mantello ghiacciato.

Uno degli obiettivi principali di Juice è esplorare questo specchio d’acqua e determinare se questo mondo è abitabile.

Il succo è fatto per resistere a forti radiazioni e condizioni estreme, che vanno da 250 gradi Celsius attorno a Venere a meno 230 gradi vicino a Giove.

L’elettronica sensibile è protetta all’interno di un paio di caveau rivestiti di piombo all’interno della fusoliera del veicolo spaziale.

Gli scienziati dell’Imperial College di Londra hanno guidato lo sviluppo del magnetometro J-MAG, che misurerà le proprietà dei campi magnetici di Giove e Ganimede, l’unica luna nota per produrre il proprio campo magnetico.

READ  Il Moonikin della NASA andrà coraggiosamente dove non hai mai avuto un manichino di prova prima

I dati raccolti da J-MAG aiuteranno a caratterizzare la profondità e il contenuto di sale dell’oceano di Ganimede.

La professoressa Michelle Dougherty, presidente del Dipartimento di fisica dell’Imperial College di Londra e ricercatrice principale dello strumento J-MAG, ha dichiarato: “Con le misurazioni del nostro strumento, stiamo quasi guardando all’interno di questi mondi.

Ma quello che facciamo è molto difficile, perché i segnali che stiamo cercando di rilevare sono molto piccoli.

“È come cercare di trovare tanti aghi in un pagliaio, e quegli aghi cambiano continuamente forma e colore.

Un veicolo spaziale per esplorare Giove e le sue lune

Jupiter Exploration Spacecraft e le sue lune (ESA)

“Ma pensiamo che i risultati saranno sorprendenti”.

E Juicy sarà affiancato dalla navicella spaziale Europa Clipper della NASA nella sua missione di esplorazione delle lune di Giove.

Sebbene Juice ed Europa Clipper abbiano priorità diverse, ci saranno opportunità per entrambi di collaborare.

Se tutto va bene, Juice dovrebbe raggiungere Giove nel luglio 2031 e avere abbastanza carburante per effettuare 35 passaggi ravvicinati delle lune ghiacciate prima di orbitare attorno a Ganimede dal dicembre 2034.

Una volta che il veicolo spaziale avrà esaurito il carburante, Juice eseguirà uno schianto controllato contro Ganimede, segnando la fine della missione da 14 miliardi di sterline.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x