― Advertisement ―

spot_img
HomeEconomyL'amministratore delegato di Eni afferma che il conflitto tra Israele e Hamas...

L’amministratore delegato di Eni afferma che il conflitto tra Israele e Hamas complica il processo di taglio del gas russo

(Bloomberg) – L’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha affermato che diversificare le forniture di gas dell’Italia dalla Russia è diventato “più complesso” alla luce del conflitto tra Israele e Hamas.

“Diversificare rispetto al gas russo è un passo importante”, ha detto Descalzi martedì durante una cerimonia a Roma in occasione del 70° anniversario della società energetica italiana. La missione “diventa più complessa con una nuova guerra non lontana”.

Questo annuncio non è stato ancora caricato, ma il tuo articolo continua di seguito.

Le spedizioni di gas israeliano verso l’Egitto sono diminuite del 20%, poiché le preoccupazioni per la sicurezza hanno portato alla chiusura di un importante giacimento offshore, minacciando le consegne in Europa, dove i prezzi record del gas sono aumentati. L’impatto diretto sulla produzione di gas è limitato, ha affermato Descalzi, “ma le potenziali conseguenze preoccupano i mercati”.

L’Italia ha diversificato alcune delle sue fonti di gas naturale da quando l’invasione russa dell’Ucraina ha ridotto le forniture, principalmente rivolgendosi al Nord Africa. L’Algeria è diventata il primo fornitore del paese, soddisfacendo il 38% della domanda. Prima della guerra l’Italia otteneva il 40% del suo fabbisogno di gas dalla Russia.

Eni prevede di sostituire circa l’80% delle forniture di gas russo entro il prossimo inverno. “Per garantire la sostituzione del gas russo è necessario mettere in atto un sistema continuo di contratti e di produzione di gas”, ha affermato Descalzi.

Leggi tutto: Draghi scommette sull’Africa sull’uscita dell’Italia dal gas russo

Attualmente il governo italiano non è preoccupato per l’impatto del conflitto tra Israele e Hamas sulle forniture di gas al Paese e la situazione viene monitorata, secondo un funzionario.

READ  Free Zone si consulta con la società italiana Saipem sul nuovo centro di manutenzione e assistenza del petrolio

(Aggiornamenti con commento dell’amministratore nell’ultimo paragrafo)