L’aurora boreale in primo piano? Le macchie solari giganti raddoppiarono di dimensioni e si diressero verso la Terra

Immagine composita della superficie del sole il 21/06/22. L’AR3038 è visibile in alto a destra. Credito: Office of Space Weather Forecasts della NOAA.

Le macchie solari di solito non sono motivo di preoccupazione, anche se raddoppiano di dimensioni durante la notte e crescono fino a raggiungere il doppio della dimensione della Terra stessa. Questo è esattamente quello che è successo con la regione attiva 3038 (AR3038), una macchia solare che si trova di fronte alla Terra e può emettere alcuni piccoli bagliori solari. Sebbene non vi sia motivo di allarmarsi, ciò significa la possibilità di un evento potenzialmente eccitante: l’incredibile aurora boreale.

Anche se gli astrofisici sottolineano costantemente che le macchie solari come AR3038 non rappresentano un pericolo per le persone, ciò non impedisce ai media popolari di scrivere titoli spaventosi su di loro, specialmente quelli che sembrano crescere rapidamente. Ma macchie solari come queste sono tutte uguali nel ciclo, secondo Rob Stenberg, capo dello Space Weather Prediction Office della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) negli Stati Uniti.

Sottolinea che questo tipo di rapida crescita è esattamente ciò che ci aspetteremmo di vedere a questo punto del ciclo solare, il modello di 11 anni iniziato nel 2019. Osserva inoltre che le macchie solari di questo tipo di solito non producono i tipi di pericolosi brillamenti solari, che potrebbero disturbare i satelliti o interrompere le reti elettriche. Manca semplicemente di complessità.

https://www.youtube.com/watch?v=lLANXf9K490
Il video di Universe Today descrive quando dovremmo preoccuparci dei brillamenti solari.

brillamenti solari Si verificano quando i campi magnetici che circondano le macchie solari si rompono e si riuniscono in schemi complessi, alcuni dei quali provocano il lancio di coppie nel sistema solare. Se colpisse questo suolo, potrebbe potenzialmente danneggiare alcune infrastrutture, in particolare quelle che dipendono dall’elettricità. Tuttavia, è più probabile che creino aurore sbalorditive quando i loro ioni entrano in collisione con il campo magnetico terrestre.

Valutati in termini di gravità, vanno da B (il più debole) a C, M e X (il più forte). I brillamenti X hanno un proprio sistema di classificazione e i brillamenti solari più potenti, X20, si verificano meno di una volta ogni ciclo solare di 11 anni e in genere non incontrano la Terra.

La probabilità che si formi X20 a causa dell’AR3038 è estremamente piccola, sebbene vi sia una probabilità del 10% di creare un bagliore X meno potente. È probabile che i bagliori M, che AR3038 ha una probabilità del 25% di svilupparsi prima di svanire in dimensioni e dimensioni, siano bagliori M, come di solito fanno le macchie solari.

Video della tempesta solare più mortale della storia: l’evento Carrington.

Tuttavia, non sembra che nessuno di quei bagliori sarà diretto verso la Terra, poiché l’AR3038 è stato ruotato indietro e non è più rivolto verso di noi. Un’altra area attiva, l’AR3040, ha avuto 6 razzi di Classe C nelle ultime 24 ore. Quindi potrebbe esserci ancora la possibilità di una straordinaria aurora boreale se il pianeta si trova sulla traiettoria di uno di quei bagliori di Classe C.

In caso contrario, l’intero episodio con la rapida crescita dell’AR3038 si rivelerebbe un altro esempio della preoccupazione del pubblico in generale per quella che sembra essere una svolta minacciosa degli eventi, ma molto comune e persino innocua. Con tutte le apparecchiature attualmente predisposte per l’osservazione del sole, il pubblico in generale può essere certo che avremo almeno qualche avviso prima che qualsiasi bagliore potenzialmente dannoso influisca sui nostri sistemi legati alla Terra. Ma potrebbe volerci del tempo prima che ciò accada, quindi non trattenere il respiro.

Originariamente pubblicato in universo oggi.

READ  Nuovo video della NASA: come suona lo spazio?

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x