Le autorità hanno arrestato una donna che secondo l’FBI potrebbe aver tentato di vendere il computer rubato di Nancy Pelosi

Le autorità federali hanno arrestato una donna della Pennsylvania il cui ex partner romantico ha detto di aver preso un laptop dall’ufficio del presidente Nancy Pelosi durante le rivolte al Campidoglio degli Stati Uniti all’inizio di questo mese.

Riley John Williams è stato arrestato lunedì, secondo un funzionario del Dipartimento di Giustizia. L’ufficio del procuratore federale a Harrisburg, in Pennsylvania, dove è stata incarcerata, ha detto che la Williams si sarebbe presentata in tribunale martedì pomeriggio.

Domenica l’FBI ha dichiarato in un mandato di cattura che Williams non è stato accusato di rapina ma di ingresso illegale nel Campidoglio e condotta disordinata.

Funzionari dell’FBI hanno detto che un chiamante che afferma di essere un ex Williams ha detto che i suoi amici gli hanno mostrato un video di lei che prende un laptop o un disco rigido dall’ufficio di Pelosi. Il chiamante ha affermato che Williams intendeva inviare il dispositivo a un amico in Russia che intendeva venderlo al servizio di intelligence straniero in quel paese, ma questo piano è fallito e lei possedeva il dispositivo o lo distruggeva.

L’FBI dice che la questione è ancora sotto inchiesta.

Il vice capo del personale di Pelosi, Drew Hamill, ha confermato l’8 gennaio che un computer portatile era stato preso da una sala conferenze, ma ha detto: “Era un computer portatile usato solo per le presentazioni”.

Interesse per le “bacheche di estrema destra”: la madre

La madre di Williams, che vive con lei a Harrisburg, in Pennsylvania, ha detto ai giornalisti di ITV che sua figlia aveva mostrato un improvviso interesse per le politiche del presidente Donald Trump e le “bacheche di estrema destra”.

READ  Weather Network - Le nuove specie di balene identificate sono considerate a rischio di estinzione

Secondo l’FBI, il padre di Williams, che vive a Camp Hill, in Pennsylvania, ha detto alle forze dell’ordine locali che lui e sua figlia erano andati a Washington, DC il giorno della protesta, ma non sono rimasti insieme, e in seguito si sono incontrati di nuovo a Harrisburg.

La madre di Williams ha detto alle forze dell’ordine locali che sua figlia ha fatto una valigia e se n’è andata prima di essere catturata, dicendo che sarebbe andata via per alcune settimane. L’FBI ha detto che ha anche cambiato il suo numero di telefono e cancellato una serie di account sui social media. I documenti del tribunale non menzionano il suo avvocato.

Il furto di elettronica dagli uffici del Congresso è stata una preoccupazione continua dopo che i sostenitori di Trump hanno preso d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio, che ha lasciato l’incarico mercoledì.

Decine di sospetti sono stati arrestati da quando una folla incoraggiata da Trump ha attaccato il Campidoglio nel tentativo di fermare l’approvazione della vittoria elettorale del presidente eletto Joe Biden. Molti di loro hanno scattato video e foto di se stessi mentre condividevano la furia.

Trump è stato messo sotto accusa dalla Camera dei Rappresentanti la scorsa settimana con l’accusa di incitamento alla rivolta e ora deve affrontare un processo al Senato.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x