“Le parole non possono descrivere”: Courtney Duncan conquista il terzo titolo mondiale consecutivo

La stella del motocross neozelandese Courtney Duncan è ancora una volta campionessa del mondo.

La 25enne pilota Kawasaki ha vinto il suo terzo titolo consecutivo domenica (ora neozelandese) con una solida prestazione nell’ultimo round del Campionato mondiale di motocross femminile (WMX) in Italia.

“Quest’anno è stato davvero difficile, abbiamo avuto alti e bassi lungo la strada, e non è stata una corsa tranquilla”, ha detto Duncan raggiante in seguito.

Courtney Duncan festeggia con la sua targa d'oro vincendo ancora una volta il titolo del campionato mondiale di motocross femminile.

MXGP

Courtney Duncan festeggia con la sua targa d’oro vincendo ancora una volta il titolo del campionato mondiale di motocross femminile.

“Ma ho sfruttato al massimo ogni situazione, e che sensazione, amico, farlo tre volte di seguito, con la stessa squadra, lo stesso marchio è fantastico. Le parole non possono descriverlo. “

Per saperne di più:
*Il piano Courtney Duncan si è rifiutato di farsi prendere dal rumore della tripla torba della WMX
* ‘Poteva andare peggio’: Courtney Duncan è sollevata dal prendere il comando del campionato WMX dopo un drammatico incidente
* Courtney Duncan si sta avvicinando al suo terzo titolo mondiale consecutivo

Dopo essere entrati nell’evento trentino con un muro di 16 punti sull’italiana Chiara Fontanesi, e 28 sull’olandese Nancy van de Veen, i neozelandesi sono riusciti a chiudere il campionato dopo le prime due gare. .

Alcune disavventure hanno impedito a Fontanese di combattere, poiché l’italiano ha concluso 15° nella gara di apertura, essendo caduto violentemente dopo essere caduto con un altro pilota.

Courtney Duncan solca le bandiere del traguardo sulla pista trentina per conquistare il titolo mondiale per la terza volta consecutiva.

MXGP

Courtney Duncan solca le bandiere del traguardo sulla pista trentina per conquistare il titolo mondiale per la terza volta consecutiva.

Duncan ha preso il ritmo per raggiungere la terza posizione al quarto giro e tagliare il traguardo dietro la vincitrice tedesca Larissa Pappenmeier e Van de Veen è stato sufficiente per assicurarsi il suo onore assoluto.

Con il titolo già deciso, ha poi concluso in grande stile, vincendo l’ultima gara della stagione, avvolgendo Papenmeier al secondo giro e poi prendendo il controllo completo fino alla bandiera a scacchi, conquistando la sua quinta vittoria nella dodicesima gara della stagione.

“Dipende da quanto sia importante per te, quanto è in gioco e quanto vuoi vincerlo”, ha detto Duncan.

“Ero decisamente un po’ ansioso, ma una volta salito sulla linea ho continuato a indossare il casco e mi sentivo molto in controllo. Sono stato in grado di finire terzo, il che è stato abbastanza buono per vincere il campionato nel primo, ed è stato così pazzesco. Non me lo aspettavo».

“Per vincere l’ultima gara ovviamente con una partenza migliore, penso di aver avuto il controllo di alcuni giri in gara e di aver guidato davvero bene per mantenermi in quella posizione.

“È stato bello finire la stagione con una vittoria e mi divertirò”.

Il team Bike it MTX Kawasaki festeggia con Courtney Duncan dopo la sua vittoria.

MXGP

Il team Bike it MTX Kawasaki festeggia con Courtney Duncan dopo la sua vittoria.

Duncan ha chiuso con 268 punti il ​​campionato piloti, mentre Van de Veen è passato terzo nella seconda gara per finire con 237 punti e deve accontentarsi del secondo posto per il quarto anno consecutivo, mentre Fontanesi è arrivato terzo con 227 punti.

“Ovviamente è stata una buona stagione con buoni combattimenti, buone gare, cattive gare”, ha detto Duncan. “Ho appena lottato per ogni punto che potevo, ed è stato bello vincere il terzo campionato.

“Potrebbe non affondarlo ancora davvero, ma si sentirà bene domani e nei giorni a venire”.

READ  18 dei primi 10 studenti guadagnano onori accademici americani

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x