Le Pen, che ha stabilito un record nel sondaggio, propone di vietare il velo | Notizie dell’Unione europea

La leader francese di estrema destra Marine Le Pen ha proposto di vietare il velo islamico in tutti i luoghi pubblici, mentre cerca di basarsi sull’ultimo sondaggio record che l’ha avvicinata al presidente Emmanuel Macron.

La politica del velo, che sarà contestata in tribunale e quasi certamente incostituzionale, ha visto il 53enne tornare a un tema familiare della campagna 15 mesi dopo le elezioni presidenziali del 2022 nel Paese.

“Considero il velo un indumento islamico”, ha detto Le Pen ai giornalisti in una conferenza stampa venerdì, dove ha proposto una nuova legge per bandire le “ideologie islamiche” che ha definito “totalitarie e assassine”.

Da quando ha assunto la guida del partito di estrema destra in Francia da suo padre, Le Pen ha corso due volte per la presidenza francese, perdendo gravemente nel 2017 contro il nuovo arrivato Macron in una sconfitta che ha richiesto mesi per riprendersi.

Ma recenti sondaggi mostrano che è più vicino che mai al suo premio finale e ha portato a una raffica di nuove speculazioni sul fatto che il populista anti-UE e anti-immigrazione possa finalmente entrare nel Palazzo dell’Eliseo.

https://www.youtube.com/watch?v=Il2GbD4mrk

Nonostante le recenti battute d’arresto nei confronti di altri ideologi come Donald Trump e Matteo Salvini in Italia, un sondaggio all’inizio di questa settimana ha mostrato che è molto vicina a Macron.

Le Parisien ha riferito che un sondaggio online di Harris Interactive ha indicato che se il ballottaggio presidenziale finale si fosse svolto oggi, Le Pen otterrebbe il 48%, mentre Macron sarebbe rieletto con il 52%.

“È un sondaggio, è un’istantanea del momento, ma quello che mostra è che l’idea di Fawzi è un’idea credibile e persino ragionevole”, ha detto Le Pen in conferenza stampa.

READ  Ucraina e America lanciano manovre nel Mar Nero nonostante le proteste russe | Notizie militari

La prospettiva di una corsa serrata ha sollevato un campanello d’allarme nel mainstream politico francese mentre la doppia crisi sanitaria ed economica causata dalla pandemia di coronavirus si è diffusa in tutto il paese.

“È la percentuale più alta mai raggiunta”, ha detto Jean-Yves Camus, professore francese di scienze politiche specializzato nell’estrema destra, aggiungendo che “è troppo presto per prendere i sondaggi al valore nominale”.

Ha detto che Le Pen stava approfittando della frustrazione e della rabbia per la pandemia, poiché la Francia era sull’orlo di un terzo blocco, ma ha anche decapitato un insegnante di francese lo scorso ottobre.

“Ha avuto una grande influenza sull’opinione pubblica”, ha detto Camus. “Sotto questo aspetto, Marine Le Pen ha un vantaggio: il suo partito è ben noto per la sua posizione di denuncia dell’islamismo”.

Islam in Francia

La decapitazione di Samuel Patty in una città a nord-ovest di Parigi ha scatenato aspri dibattiti in Francia sull’immigrazione, ponendo la rigida forma di laicità del paese sotto il controllo internazionale.

Un insegnante di liceo è stato aggredito per strada da un ragazzo di 18 anni dopo aver mostrato agli alunni vignette satiriche del Profeta Muhammad durante una lezione di educazione civica sulla libertà di espressione.

In risposta alla morte di Patti, il governo Macron ha chiuso un certo numero di organizzazioni ritenute islamiche e ha redatto una legge inizialmente chiamata “Anti-Secession Bill”, che avrebbe eliminato i finanziamenti stranieri per le organizzazioni islamiche.

Se rieletto dopo una campagna che dovrebbe concentrarsi sull’occupazione, l’epidemia e il posto dell’Islam in Francia, il 43enne Macron sarà il primo presidente da Jacques Chirac nel 2002 a vincere un secondo mandato.

READ  Kamala Harris ricorda come Beau Biden l'ha sostenuta durante una battaglia con i Banks

Con il sistema presidenziale, i primi due candidati al primo turno di votazioni avanzano al ballottaggio in cui il vincitore deve raccogliere più del 50 percento.

Il commentatore politico veterano Alan Duhamel ha detto a BFM news questa settimana che la vittoria di Le Pen “era improbabile tre anni e mezzo fa”.

“Ma oggi non dirò che questo è possibile, ma dirò, senza alcun piacere, che mi sembra possibile”.

Una replica della competizione Macron-Le Pen del 2017, che tutti i sondaggi mostrano attualmente come il risultato più probabile, potrebbe aumentare il tasso di astensione e delusione per il sistema politico francese.

L’affluenza al secondo turno nel 2017 è stata del 74,6%, il livello più basso dal 1969, perché molti elettori di sinistra si sono rifiutati di votare.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x