Le tempeste solari colpiscono le bussole delle profondità marine: UVic

Le tempeste solari colpiscono le bussole delle profondità marine: UVic

Ocean Networks Canada, che gestisce osservatori di acque profonde, ha scoperto i disturbi durante i controlli di qualità.

Secondo l’Università di Victoria, le massicce tempeste solari che hanno scatenato la spettacolare aurora boreale lo scorso fine settimana hanno portato anche a significativi movimenti della bussola nell’oceano al largo dell’isola di Vancouver e nell’Oceano Atlantico.

Ocean Networks Canada, un’iniziativa UVic che gestisce osservatori di acque profonde in tre oceani in tutto il paese, ha scoperto i disturbi durante le ispezioni di controllo qualità. La rete utilizza bussole per guidare gli strumenti che misurano le correnti oceaniche.

La distorsione temporanea del campo magnetico terrestre è stata registrata su piattaforme strumentali sparse a 2,7 chilometri sotto la superficie dell'oceano.

I disturbi magnetici sono probabilmente alcune delle registrazioni più distanti mai catturate, hanno detto i ricercatori.

Lo spostamento magnetico più significativo ha spostato la direzione della bussola in un intervallo compreso tra +30 e -30 gradi ed è stato registrato a una profondità di 25 metri nel sito sottomarino di Folger Passage, che fa parte dell'Osservatorio offshore di Nettuno collegato in rete. Costa dell'isola di Vancouver.

Gli scienziati affermano che i disturbi geomagnetici potrebbero comportare rischi per le reti elettriche, le reti satellitari e i sistemi di navigazione e influenzare le capacità di navigazione degli animali.

Kate Moran, presidente e amministratore delegato di Ocean Networks Canada, ha affermato che l'entità dei dati registrati nelle acque profonde mostra l'entità del brillamento solare nell'ultimo fine settimana e che i dati potrebbero essere utili per comprendere meglio l'estensione geografica e l'intensità delle tempeste solari. .

Alex Slonimer, uno specialista di dati scientifici, stava completando un controllo quotidiano dei dati alla fine di marzo quando notò per la prima volta un'anomalia nei numeri.

READ  Il telescopio Hubble aiuta a trovare sei galassie morte dell'universo primordiale

Inizialmente si pensò ad un terremoto, ma i cambiamenti continuarono per molto tempo e contemporaneamente in luoghi diversi. “Poi ho verificato se si trattava di un brillamento solare, poiché il sole era stato attivo di recente”, ha detto.

Una tempesta solare più grande avvenuta lo scorso fine settimana ha migliorato l’osservazione, poiché i picchi nelle direzioni della bussola sono strettamente collegati ai picchi dell’attività visibile nell’aurora boreale.

Ocean Networks Canada “potrebbe fornire una finestra aggiuntiva molto utile sugli effetti dell'attività solare sul geomagnetismo terrestre”, ha affermato Justin Albert, professore di fisica presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell'Uvic, aggiungendo che i prossimi due anni saranno caratterizzati dal picco dell'attività solare. Il ciclo solare dura 11 anni.

“Dopo un decennio di relativa inattività, è probabile che gli eventi di aurora come lo scorso fine settimana diventino più frequenti nei prossimi due anni, anche se le fluttuazioni solari rendono impossibile una previsione accurata di tali eventi”.

[email protected]

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x