Le Zone Economiche Speciali possono rilanciare il Sud Italia?

Le Zone Economiche Speciali possono rilanciare il Sud Italia?

Le otto zone economiche speciali italiane si preparano a fondersi in un unico progetto a partire dal 2024

– La Zona Economica Speciale Ionica punta sui poli logistici del Porto di Taranto e dell'Aeroporto di Grotaglie per attrarre nuovi investitori

I pareri erano divisi sulla questione se un'unica zona economica speciale per tutto il Sud avrebbe aumentato le possibilità di successo

Taranto, Italia

A un anno dal loro avvio, le otto zone economiche speciali italiane scommettono su nuove opportunità di crescita e di investimento nelle regioni meridionali del Paese, preparandosi a convergere in un unico progetto a partire dal 2024.

Il programma delle Zone Economiche Speciali è stato definito un “New Deal” per l’Italia meridionale, che ricorda il piano di ripresa post-Grande Depressione degli Stati Uniti degli anni ’30.

I suoi obiettivi principali sono attrarre investimenti nazionali ed esteri per migliorare la produttività regionale, stimolare lo sviluppo economico e integrare ulteriormente l’Italia meridionale nelle rotte commerciali globali.

L’anno scorso, le otto regioni hanno lanciato i propri “sportelli unici” digitali, che consentono agli investitori di aggirare più di 30 licenze tipicamente necessarie per avviare nuovi progetti industriali.

La riduzione della famigerata burocrazia italiana è il primo dei due vantaggi concessi a tutti gli investitori della SEZ. La seconda prevede esenzioni fiscali che vanno dal 20% per le piccole imprese al 10% per le grandi aziende, con un massimo di 100 milioni di euro (più di 105 milioni di dollari) per progetto.

Un'area promettente, la Zona Economica Speciale Interregionale Ionica, che si estende nelle regioni meridionali della Puglia e della Basilicata, si stava concentrando sui suoi principali hub logistici: il porto di Taranto e l'aeroporto di Grotaglie.

READ  Strategia Brexit criticata da Justin Webb che ha affermato che il Regno Unito dovrebbe avere una maggiore crescita economica | politica | Notizia

Negli ultimi sei mesi, la ZES ionica ha ricevuto proposte per 22 progetti per un valore di oltre 40 milioni di euro, con la creazione di 250 nuovi posti di lavoro.

“Altri 40 progetti sono in fase avanzata – ha spiegato la commissaria Floriana Gallucci, che ha curato il progetto per conto del governo – e si prevede che creeranno 2mila posti di lavoro, soprattutto nei settori della logistica, dell'automotive, dell'edilizia e dell'agroalimentare”.

A luglio, il ministro degli Affari europei Rafael Vito ha chiesto e ottenuto l'approvazione dell'Unione europea per unificare le otto regioni in un'unica zona economica speciale, che comprenderebbe tutto il cosiddetto “mesogiorno” o regione meridionale dell'Italia.

Secondo Vito, un unico progetto eviterebbe ritardi e frammentazioni, e consentirebbe alle regioni di sfruttare appieno le opportunità finanziarie offerte dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRRP), il piano post-pandemia legato al Next Generation EU.

“La zona economica speciale unica rappresenta una straordinaria opportunità per rilanciare il sud come collegamento tra il nord Europa e il Mediterraneo allargato”, ha detto Gallucci ad Anadolu.

Il Porto di Taranto è al centro del progetto Zona Economica Speciale, che mira a sfruttare la sua posizione geografica ideale per diventare un hub logistico e multimodale per i mercati asiatico, comunitario e statunitense, nonché del Mediterraneo e del Nord Africa.

“I porti garantiscono tutti i servizi necessari alle aziende che scelgono di stabilirsi qui per avviare le proprie attività di import ed export, e diventano essenziali per garantire l’efficacia degli investimenti esteri nel campo della logistica”, ha affermato Sergio Preti, Presidente dello Ionio. Autorità di sistema dei porti marittimi.

READ  Fat Tony sta aprendo un nuovo enorme ristorante italiano a Stroud

Investitori turchi

Tra i maggiori attori internazionali nella regione, l'operatore portuale turco Yelport ha un contratto di concessione di 49 anni per la gestione di un terminal multiuso nel porto di Taranto.

Il porto di Taranto ha iniziato a servire il corridoio principale tra Turchia, Italia e Tunisia all'inizio di luglio 2020. Il settore Taranto-Tunisia costituisce il collegamento essenziale della rotta di trasporto dall'Europa all'Africa del corridoio, collegando la costa nordafricana ai principali centri manifatturieri centri in Italia. Germania e Nord Europa attraverso i sistemi ferroviari europei ad alta velocità.

L’integrazione tra il Porto di Taranto e l’Aeroporto di Grotaglie – centro di eccellenza per le attività aeronautiche – è un altro progetto chiave volto ad attrarre investitori internazionali.

“L'Aeroporto di Grotaglie è il primo spazioporto in Italia e funge da piattaforma cargo non solo per il settore aeronautico, ma anche per altre attività, come l'agricoltura”, ha affermato Antonio Vasile, Presidente di Aeroporti della Puglia.

Non tutti, però, credono che la creazione di un'unica zona economica speciale per l'intera regione meridionale aumenterà le possibilità di successo del progetto.

«La macchina aveva appena iniziato a funzionare e stava dando i primi risultati», racconta ad Anadolu Mattia Giorno, assessore alle infrastrutture del Comune di Taranto.

“Spostare tutto a Roma, dove tutto si ferma di brutto, è come mettere un freno ai progetti della ZES. Non è certo la soluzione”.

Secondo Adriano Gianola, presidente dell'Associazione italiana per lo sviluppo industriale del Sud (Svimez), l'ampliamento delle zone economiche speciali alle otto regioni potrà avere successo solo se si baserà su un piano strategico forte.

Gianola ha osservato che il consolidamento significherebbe coprire un’area 100 volte più grande di quella attuale, richiedendo risorse aggiuntive e una governance integrata.

READ  L'ex presidente della Banca centrale europea ha accettato il mandato per formare il governo, il governo e l'economia dell'Italia

“Affinché questa formula abbia successo, deve risultare attraente per molti investitori, che mirano non solo a sfruttare le agevolazioni fiscali, ma anche ad avviare un vero processo di sviluppo nelle regioni”, ha affermato in una recente audizione parlamentare.

Il sito web dell'Agenzia Anadolu contiene solo una parte delle notizie fornite agli abbonati dell'AA News Broadcast System (HAS), in forma breve. Vi preghiamo di contattarci per le opzioni di abbonamento.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

| La Tribuna | 2021 Tutti i diritti riservati

Read also x