L’Egitto scopre il più antico birrificio su larga scala del mondo | Notizie dal Medio Oriente

Un team egiziano-americano scopre un birrificio ad alto rendimento che si ritiene abbia più di 5.000 anni.

Il ministero egiziano del turismo ha dichiarato sabato che un team di archeologi ha scoperto un birrificio che si ritiene abbia più di 5.000 anni in un sito funerario nel sud dell’Egitto.

Il ministero ha affermato in un comunicato sulla sua pagina Facebook, che il sito, che contiene diverse “unità” composte da circa 40 vasi di ceramica disposti su due file, è stato scoperto a North Abydos, Sohag, da un team congiunto egiziano-americano.

È probabile che la storia del birrificio risalga al regno di re Narmer, ha citato il Segretario generale del Consiglio supremo delle antichità in Egitto, Mostafa Waziri, come dicendo, aggiungendo che crede che la scoperta sia “la più antica birreria di produzione nel mondo “.

Narmer, che governò più di 5.000 anni fa, istituì la prima dinastia e unì l’Alto e il Basso Egitto.

La dichiarazione afferma che gli archeologi britannici hanno scoperto per la prima volta l’esistenza del birrificio all’inizio del XX secolo, ma la sua posizione esatta non è stata determinata.

Ha aggiunto che il team congiunto egiziano-americano “è stato in grado di individuarlo e rivelarne il contenuto”.

Secondo Waziri, la fabbrica consisteva in otto grandi aree che venivano utilizzate come “unità di produzione della birra”.

Ogni settore contiene circa 40 vasi in ceramica disposti su due file.

Una miscela dei grani e dell’acqua utilizzata per produrre la birra è stata riscaldata in ciotole, con ogni abbeveratoio tenuto in posizione da colonne di argilla poste verticalmente ad anelli.

READ  Esercito: il presidente ciadiano Idriss Deby Itno è stato ucciso dopo 30 anni al potere
Una foto rilasciata dal Ministero egiziano del turismo e delle antichità il 13 febbraio 2021 mostra i resti di una fila di navi utilizzate per la produzione di birra. [Egyptian Ministry of Antiquities / AFP]

Rituale reale

L’archeologo Matthew Adams della New York University, che guida la missione congiunta con Deborah Fishhak della Princeton University, ha detto che gli studi hanno dimostrato che la birra è stata prodotta su larga scala, con circa 22.400 litri prodotti alla volta.

La dichiarazione lo cita come dicendo: “Forse un birrificio è stato costruito in questo luogo appositamente per provvedere ai rituali reali che si svolgevano all’interno delle strutture funebri dei re d’Egitto”.

“Le prove dell’uso della birra nei rituali sacrificali sono state trovate durante gli scavi in ​​queste strutture”, afferma il comunicato.

Le prove per la produzione di birra nell’antico Egitto non sono nuove e scoperte precedenti hanno fatto luce su questa produzione.

Nel 2015, l’Autorità israeliana per le antichità ha annunciato la scoperta di frammenti di ceramica di 5.000 anni fa che gli egiziani usavano per produrre birra in un cantiere edile a Tel Aviv.

Abydos, dove è stata fatta l’ultima scoperta, ha prodotto molti tesori nel corso degli anni ed è famosa per i suoi templi, come il Tempio di Seti I.

Nel 2000, un team di archeologi americani ha scoperto ad Abydos il più antico esempio conosciuto di un antico composto solare egiziano, risalente alla prima dinastia faraonica circa 5.000 anni fa.

L’Egitto ha annunciato diverse nuove importanti scoperte che spera stimoleranno il turismo, un settore che ha subito molteplici colpi, dalla rivolta del 2011 alla pandemia di coronavirus.

Una missione che lavorava vicino ad Alessandria ha recentemente scoperto diverse mummie di circa 2.000 anni che portano amuleti con lingue dorate – che si ritiene siano state poste nella bocca dei morti per garantire la loro capacità di parlare nell’aldilà.

READ  Taiwan registra la più grande incursione mai registrata dell'aeronautica militare cinese | China News

Le autorità si aspettavano che 15 milioni di turisti visitassero l’Egitto nel 2020, rispetto ai 13 milioni dell’anno precedente, ma il virus ha tenuto lontani i vacanzieri.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x