Un restauratore greco si prende cura dei manufatti della chiesa di Istanbul che “ vive attraverso i secoli ”

Il restauratore greco Venizelos Gavrilakis utilizza microscopi, tamponi di cotone e un tocco delicato per riportare in vita i manufatti nelle chiese di Istanbul, dove sono aumentate le preoccupazioni sulla conservazione della sua storia bizantina.

Da quando si è trasferito da Salonicco otto anni fa, ha detto, Gavrilakis, 44 anni, ei suoi colleghi hanno conservato icone, affreschi e dipinti nelle 25 chiese greco-ortodosse della città. Il loro ultimo lavoro di recupero di artefatti, inclusa una rappresentazione del XVI secolo della Trasfigurazione di Gesù Cristo, ha richiesto più tempo del previsto a causa delle restrizioni associate al Coronavirus.

Durante la storia islamica cristiana bizantina e poi ottomana, prima della moderna repubblica turca, molte di queste opere religiose e culturali furono danneggiate o perse in guerra o abbandono, o alterate da pittori meno abili. Dando una garanzia a vita per il suo lavoro, Javrilakis ha detto che il restauro mira a inviare un messaggio di unità e longevità in un momento in cui la pandemia ha costretto molti fedeli ad allontanarsi temporaneamente.

“L’epidemia passerà, per combatterla, dobbiamo rimanere tutti uniti spiritualmente”, ha detto Gavrilakis. “Il nostro lavoro su questi manufatti preziosi e senza tempo sarà sempre a disposizione delle persone per vederli e trarne ispirazione e potere”. La decisione della Turchia dello scorso anno di convertire la famosa Basilica di Santa Sofia e la Chiesa di Chora, un altro punto di riferimento bizantino locale, in moschee, ha attirato le critiche di alcuni leader ecclesiastici e dei paesi occidentali. Alcuni esperti hanno anche espresso la preoccupazione che la conversione possa danneggiare gli affreschi e altri manufatti di Hagia Sophia nel VI secolo.

READ  Lo 0-0 dell'Inghilterra contro San Marino dimostra che la FIFA deve ripensare la Coppa del Mondo

Gavrilakis si è formato in Italia e in Grecia, avendo lavorato in più di 40 chiese nel nord. L’icona più antica di Istanbul che lui e il suo team, chiamati Ieri Parakatathiki Labs, hanno restaurato è un’immagine Fayum del 2 ° o 3 ° secolo a.C. Ha detto in un’intervista: “Ricorda alle persone le possibilità illimitate della mente umana che può creare cose così meravigliose che vivono attraverso i secoli”. (Scritto da Ezge Erkoyon; Montaggio di Jonathan Spicer e Giles El Jud)

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse e generata automaticamente da un feed condiviso.)

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x