L’India solleva con l’Italia la questione del sabotaggio delle ambasciate da parte dei Khilafi

L’India ha sollevato con forza con le autorità italiane la questione degli agenti del Khilistan che sabotano la missione indiana a Roma, pur lodando come il Regno Unito ha gestito la situazione. L’incidente di atti vandalici contro l’ambasciata indiana a Roma è avvenuto prima della Festa della Repubblica.

Le bandiere del Golfo sono state alzate di notte e elementi antisociali hanno scritto “Khalistan Zindabad” sui muri. Quindi il video è stato filmato da loro e utilizzato per la pubblicità sui social media.

In segno di protesta, l’India ha confermato che questo “è stato un atto di sabotaggio da parte di estremisti khalistani nella furtività notturna”, mentre fonti del governo indiano hanno indicato che “abbiamo affrontato questo incidente specificamente con le autorità italiane e abbiamo espresso le nostre preoccupazioni”.

L’India ha ricordato che “la sicurezza e la protezione dei diplomatici e degli edifici diplomatici indiani è responsabilità delle autorità italiane”, esprimendo fiducia che “le autorità italiane prenderanno misure contro gli autori e impediranno che simili incidenti si ripetano in futuro”. Nuova Delhi ha costantemente sollevato le sue preoccupazioni con le autorità italiane e lo ha fatto di recente prima della Festa della Repubblica.

I Khilafiti, sostenuti in particolare da gruppi fuorilegge come Sikh for Justice (SFJ), erano attivi in ​​molti paesi dell’Europa occidentale e del Nord America. Prima della Festa della Repubblica, SFJ e il suo leader Gorbatwant Singh Banu hanno chiesto la rimozione della bandiera indiana dal Forte Rosso e hanno annunciato “2,5 mila dollari” per essa.

Dicembre ha assistito alle proteste di elementi khalilisti davanti all’Alto Commissariato indiano a Londra e al consolato di Birmingham. A quel tempo, la polizia metropolitana di Londra fu pronta ad agire, arrestando 13 per aver violato i protocolli epidemici. Durante la protesta, Paramjeet Singh Bama era presente, ed è sulla lista dei ricercati della NIA.

READ  Cosa sapere su un altro popolare Spritz italiano

Fonti del governo indiano hanno elogiato la Greater London Police “per il loro ruolo attivo nel prevenire qualsiasi incidente indesiderato nell’Alto Commissariato indiano a Londra”.

Le forti misure prese dal Regno Unito dal 2019 hanno impedito qualsiasi azione indesiderata dei kilinisti a Londra di fronte alla missione indiana. L’anno 2019 ha visto grandi proteste della diaspora pakistana che ha sfondato la finestra dell’Alto Commissariato indiano a Londra.

L’India era in contatto con diverse capitali mondiali per quanto riguarda la sicurezza e la protezione delle sue sedi diplomatiche prima della Festa della Repubblica. Martedì, la Repubblica dell’India ha assistito ad alcuni incidenti compiuti dai Khilistaniani di fronte alla missione indiana a Washington. A dicembre, elementi khalistani hanno deturpato una statua del Mahatma Gandhi a Washington, scatenando la condanna di Nuova Delhi e del governo degli Stati Uniti.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x