L’integrazione di vitamina D non influisce sulla gravità della psoriasi negli individui carenti di vitamina D Le ultime novità per medici, infermieri e farmacisti

L’integrazione di vitamina D non influisce sulla gravità della psoriasi negli individui carenti di vitamina D  Le ultime novità per medici, infermieri e farmacisti

L’integrazione con vitamina D non riesce a ridurre la gravità della psoriasi per gli individui con 25-idrossivitamina D (25).[OH]D) livelli <24 ng/mL, come riportato in uno studio.

Lo studio ha incluso 122 individui (età media 53,6 anni, 37,7% donne, indice medio di gravità dell’area della psoriasi). [PASI] Punteggio 3.1) di una popolazione generale a Tromsø, Norvegia, con psoriasi a placche attiva media 25(OH)D nel siero di 14,9 ng/mL. Questi partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere vitamina D (n = 60; dose di carico di colecalciferolo di 100.000 UI, seguita da 20.000 UI/settimana) o placebo (n = 62) per 4 mesi.

Un totale di 120 partecipanti hanno completato lo studio, con una media media di 25(OH)D più alta nel gruppo vitamina D rispetto al gruppo placebo entro la fine del trattamento (29,7 vs 12,0 ng/mL). Tuttavia, la variazione del punteggio PASI non differiva significativamente tra i due gruppi (differenza aggiustata, 0,11, intervallo di confidenza al 95% [CI]da 0,23 a 0,45).

Allo stesso modo, non ci sono state differenze significative tra i gruppi nella variazione del punteggio di valutazione globale dei medici (odds ratio aggiustato, 0,66, IC 95%, 0,27-1,63), PASI autosomministrato (differenza aggiustata, 0,60, IC 95%, da -1,76 a 0,55) e l’indice dermatologico della qualità della vita (differenza aggiustata, 0,86, IC 95%, da -1,9 a 0,19). Non sono stati documentati effetti negativi dell’intervento.

La mancanza di effetti misurabili può essere spiegata dai punteggi basali più bassi e da un grado di aumento dei livelli di 25(OH)D inferiore al previsto nel gruppo di intervento sulla base di precedenti dati sperimentali della stessa popolazione di origine.

READ  Magnetizzazione indotta da chirali da precursori dell'RNA

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x