L’Italia informa la Cina che uscirà dall’accordo sugli investimenti sulla Belt and Road

L’Italia informa la Cina che uscirà dall’accordo sugli investimenti sulla Belt and Road

(Bloomberg) – Il governo del primo ministro italiano Giorgia Meloni ha formalmente detto alla Cina che uscirà dalla Belt and Road Initiative, assestando un nuovo colpo all’ambizione di Pechino di espandere il massiccio programma di investimenti.

Il ministro degli Esteri Antonio Tajani, durante un evento organizzato mercoledì a Roma dall’agenzia di stampa Adenchronos, ha affermato che l’accordo “non ha prodotto i risultati sperati” e non è più una “priorità”. Ha aggiunto che i paesi che non hanno partecipato all’accordo “hanno ottenuto risultati migliori”.

La Meloni lavora da mesi per aprire la strada diplomaticamente per porre fine al programma di firma del presidente cinese Xi Jinping. L’Italia è stato l’unico Paese del G7 ad aderire all’accordo, lanciato dieci anni fa per rafforzare i legami economici ed espandere l’influenza della seconda economia mondiale.

L’Italia, come gran parte dell’Europa, si è trovata nel mezzo con l’aumento delle tensioni tra Washington e Pechino, esacerbate dal sostegno della Cina alla Russia dopo l’invasione dell’Ucraina. L’annuncio arriva mentre i leader dell’Unione Europea sono programmati per visitare la Cina con il messaggio che il tempo sta per scadere perché Pechino possa affrontare la sua lista di lamentele economiche prima che il blocco sia costretto a rispondere.

I paesi europei stanno lottando per bilanciare il desiderio di impegnarsi con la Cina sul commercio e sugli investimenti, mentre sono alle prese con accuse di coercizione economica e preoccupazioni sui diritti umani, nonché con i rischi associati all’eccessiva dipendenza dalle forniture provenienti dalla Cina.

La partecipazione dell’Italia, iniziata nel 2019, doveva concludersi il 22 marzo e l’Italia aveva tempo fino alla fine dell’anno per decidere se rinnovare o meno la propria partecipazione.

READ  I borghi italiani offrono migliaia per invogliare i tuoi figli a trasferirsi e avviare attività commerciali

Abbandonare il programma lanciato dalla Cina – per costruire infrastrutture ed espandere la propria influenza in Asia, Africa ed Europa dell’Est – rischia di far arrabbiare Pechino. L’ambasciatore cinese in Italia, Jia Jade, ha avvertito che ci sarebbero “conseguenze negative” se l’Italia decidesse “incautamente” di ritirarsi.

Interrogato sulla decisione dell’Italia in una regolare conferenza stampa a Pechino giovedì, il portavoce del Ministero degli Esteri Wang Wenbin ha descritto l’iniziativa come “il bene pubblico internazionale più popolare”.

Ha aggiunto: “La Cina si oppone fermamente ai tentativi di distorcere e sabotare la cooperazione nel quadro della Belt and Road”.

Tajani ha assicurato che Roma intende continuare a rafforzare le relazioni bilaterali tra i due Paesi.

La Global Infrastructure and Trade Initiative della Cina ha attirato circa mille miliardi di dollari nel decennio dal suo lancio nel 2013. Ma lo slancio è diminuito negli ultimi anni poiché la pandemia e il rallentamento della Cina hanno sconvolto l’economia globale. Pechino è stata anche accusata di essere un prestatore irresponsabile che spinge i paesi al default.

–Con l’assistenza di Philip Glaman.

(Aggiornamenti con commento del Ministero degli Esteri cinese)

©2023 Bloomberg L.P

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x