L'Italia inizia a indagare su un'azienda per truffe sul lavoro falso

L'Italia inizia a indagare su un'azienda per truffe sul lavoro falso

Si prevede che la Procura Generale italiana avvierà un'indagine sulle presunte attività di reclutamento illegale di una società di consulenza sull'immigrazione con sede a Milano che avrebbe ingannato quasi 300 persone filippine in cerca di lavoro lo scorso anno.

Il Consolato Generale delle Filippine a Milano ha dichiarato di aver presentato 92 denunce per frode contro i titolari di Alpha Assistenza SRL.

Ha affermato che presenterà altri 10 reclami “una volta che i denuncianti presenteranno i documenti giustificativi necessari”.

“Il Consolato, attraverso il suo avvocato Bruno De Blasi, ha informato oggi la Procura della Repubblica che potrà procedere con le indagini d'ufficio presentando 92 denunce su 102 nei confronti dei titolari di Alpha Assistenza SRL”, si legge nel comunicato consolare. Aggiungendo che si aspetta che “le indagini inizino presto”.

L'indagine, che potrebbe richiedere “almeno sei mesi” al consolato, arriva più di un mese dopo che De Blasi aveva inizialmente presentato 11 denunce contro i proprietari dell'Alfa Assistenza Criselle, Dian Respicio e Frederic Dotaro.

Il caso contro la società deriva dalle accuse secondo cui avrebbe raccolto ingenti somme di denaro da parenti e colleghi in Italia per almeno 278 filippini nelle Filippine, ma non avrebbe mantenuto la promessa di fornire loro posti di lavoro nell'ambito del programma italiano “Decreto Flussi”.

Ogni filippino avrebbe pagato fino a 180.000 sterline per ottenere un lavoro in Italia.

Nell'ottobre dello scorso anno, il console generale filippino Elmer Cato ha affermato che il consolato “collabora strettamente” con le autorità italiane dal 4 settembre 2023, quando ha ricevuto per la prima volta segnalazioni di parenti e rappresentanti di filippini che erano stati indotti a pagare denaro per quello che si è rivelato essere essere posti di lavoro inesistenti in Italia. .

READ  Anteprima: San Marino vs Albania

Catone ha detto che l'anno scorso ha incontrato anche il governatore Renato Saccone, il massimo rappresentante del governo federale italiano a Milano, dove quest'ultimo lo ha informato della formazione di un gruppo di lavoro per assistere il consolato nell'archiviazione di casi appropriati contro le persone coinvolte.

La task force lavorerà anche con gli avvocati forniti dall’Amministrazione dei Lavoratori Migranti e dal Dipartimento di Stato nel perseguire i casi.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x