L’italiana Eni firma l’accordo sul GNL per la Repubblica del Congo

MILANO (Reuters) – Il gruppo energetico italiano Eni ha firmato un accordo per aumentare le forniture di gas dalla Repubblica del Congo di oltre 4,5 miliardi di metri cubi all’anno, ha affermato giovedì il gruppo energetico italiano.

L’accordo è l’ultima mossa dell’Italia per ridurre la dipendenza dal gas russo, poiché il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e il ministro della Transizione ambientale Roberto Cingolani hanno guidato questa settimana una delegazione italiana in Angola e nella Repubblica del Congo per allineare i contratti di GNL. Leggi di più

Di Maio ha affermato giovedì che la nuova partnership con la Repubblica del Congo ha “un grande potenziale di crescita” nel breve e medio termine.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

L’Italia ottiene il 40% delle sue importazioni di gas dalla Russia e ha reso prioritaria la diversificazione delle sue fonti energetiche da quando l’invasione russa dell’Ucraina ha innescato sanzioni occidentali che hanno aumentato il rischio di interruzioni dell’approvvigionamento.

Eni ha affermato che, in base all’accordo con il Congo, lo sviluppo di un progetto di gas naturale liquefatto che includa Eni sarà intensificato in modo che la produzione possa iniziare nel 2023. A regime avrà una capacità di 4,5 miliardi di metri cubi.

Due fonti che hanno familiarità con la questione hanno detto a Reuters che l’Italia ha firmato mercoledì un accordo separato per acquistare tra 1 miliardo di metri cubi e 1,5 miliardi di metri cubi di gas all’anno dall’Angola.

Anche l’Italia ha firmato accordi simili con Algeria ed Egitto nel tentativo di sostituire i 29 miliardi di metri cubi di gas che riceve ogni anno dalla russa Gazprom. Leggi di più

READ  La quota dell'Irlanda del Fondo Brexit dell'Unione europea, del valore di 5 miliardi di euro, potrebbe essere ridotta con il piano francese

“Stiamo costruendo nuove partnership nel campo dell’energia con molti paesi amici”, ha affermato Di Maio.

Giovedì il ministro per la transizione ambientale Singolani ha dichiarato in un’intervista alla stampa che il governo mira a raggiungere l’indipendenza dalle importazioni di gas russe entro la seconda metà del 2023. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Copertura) di Stephen Geokes e Angelo Amanti Montaggio di David Goodman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x