Lo splendido Fisichella: l'ultimo grande pilota italiano di F1 era “troppo gentile”?

Lo splendido Fisichella: l'ultimo grande pilota italiano di F1 era “troppo gentile”?

Sabato prossimo, 6 aprile 2024, sarà l'anniversario della vittoria del Gran Premio di Formula 1 di Giancarlo Fisichella, poiché la gara si disputò a Interlagos in quella data 21 anni fa. Questa è stata anche la quarta e ultima vittoria della Jordan in Formula 1, ed è stata opportunamente celebrata in occasione del 200esimo Gran Premio della squadra.

È stata una gara complicata sotto molti aspetti. Ricordo che ero seduto nel media center di Interlagos mentre la pioggia batteva sul tetto di lamiera così forte che non potevo più sopportarlo. Cominciò a perdere copiosamente, e presto quelli di noi le cui scrivanie erano situate in una cavità poco profonda nel pavimento irregolare di linoleum dovettero toglierci scarpe e calzini e scrivere i nostri resoconti di gara a piedi nudi in pochi centimetri di fredda acqua piovana. Il mio ufficio si trovava in un tale recesso, e anche se la pioggia cessò presto e la superficie della pista divenne umida anziché bagnata, la sala stampa rimase in parte sott'acqua, e di tanto in tanto mi giravo alla finestra per guardare cosa succedeva. SU. Le auto serpeggiavano lungo il tratto di pista compreso tra la curva 2 (S do Senna) e la curva 3 (Curva do Sol), dove un piccolo ruscello scorreva ancora lateralmente. Uno dopo l'altro, Justin Wilson (Minardi), Juan Pablo Montoya (Williams), Antonio Pizzonia (Jaguar), Michael Schumacher (Ferrari), Jos Verstappen (Minardi), Jenson Button (BAR) e Mark Webber (Jaguar) stanno tutti surfando Oppure girano. Lì, anche se Weber è riuscito a tornare alla ribalta in modo unico.

A quel punto, Kimi Raikkonen era in testa alla gara davanti a Fisichella, ma nonostante il fatto innegabile che in una normale domenica pomeriggio del 2003, la veloce McLaren MP4-17D di Kimi fosse significativamente più veloce della lenta Jordan EJ13 di Giancarlo, le McLaren cominciavano a sembrare logore. non erano sicuramente le Jordan Bridgestones. Al 53esimo giro, Fisichella ha superato Raikkonen entrando nella lunga, accidentata, in discesa, tagliata alla cieca, a quattro velocità, Mergulio, la curva a sinistra veloce che Alan McNish descrisse quando la provò per la prima volta nel 2002 con rabbia su una Toyota. La TF102 era considerata “la curva più difficile della Formula 1” e ha preso il comando. Un giro dopo, alla curva 15, la Arquibancadas, la velocissima curva a sinistra prima dell'inizio del rettilineo d'arrivo, Webber si è girato forte. Fisichella e Räikkönen si sono fatti strada in punta di piedi attraverso parti della Jaguar rotta e poi si sono diretti verso la pit lane per fare rifornimento. Nel rettilineo posteriore, Fernando Alonso, distratto dai box che gli facevano domande sulle gomme, si è schiantato con la sua Renault a 274 km/h (170 mph) contro una ruota vagante che si era separata dalla Jaguar di Webber, e aveva uno shunt enorme, da cui ha avuto la fortuna di uscire solo con molteplici contusioni. La gara è stata interrotta dalla bandiera rossa, Raikkonen è stato dichiarato vincitore per errore e Fisichella si è così classificato secondo.

READ  Matteo Guendouzi afferma di aver ricevuto un'accoglienza più calorosa alla Lazio che all'Arsenal, poiché mira a trivellare i Gunners dopo un'amara uscita a seguito di una lite con Mikel Arteta.
Giancarlo Fisichella Jordan festeggia sul podio del trofeo del Gran Premio del Brasile 2003

Lo sconfitto Fisichella è salito sul podio in Brasile dopo essersi visto inizialmente scendere al secondo posto

Immagini Getty

Ho avuto un lungo colloquio con Giancarlo a Interlagos tre giorni fa. Questo non era raro, perché l'ho valutato molto bene e abbiamo comunicato molto bene. Dopo la gara, ho viaggiato dalla pista al Transamerica Hotel di San Paolo con il direttore tecnico della Jordan Gary Anderson e il team manager Tim Edwards. Non sapevano se essere molto contenti del secondo posto o molto tristi per il fatto che i commissari di gara della FIA avessero negato loro il primo posto. Quindi il nostro viaggio è stato leggero in chat. Quando siamo arrivati, sono saltato giù mentre parcheggiavano l'auto a noleggio, che, guarda caso, era un enorme camioncino Dodge Ram a doppia cabina. Entrando nell'atrio mi sono imbattuto in Giancarlo. Gli ho messo la mano sulla spalla e, dopo aver esitato qualche secondo, ho detto: cosa posso dire?

Lui rispose: “Niente”. “Per due minuti sono in paradiso. Poi dicono che forse non ho vinto e…” La sua voce si spense. Si forzò un sorriso malizioso. Non c'era altro da dire. Ma fortunatamente, quel triste incontro è diventato un non-problema quando l’errore dei commissari di gara della FIA è stato corretto, cinque giorni dopo, in un’udienza della corte d’appello a Parigi. Nella gara successiva sul circuito ha avuto luogo un'improvvisata rievocazione del podio, con Imola e Raikkonen che hanno consegnato la Coppa del Brasile a Fisichella mentre un vivace Eddie Jordan e Ron Dennis guardavano.

A quei tempi consideravo Giancarlo il secondo miglior pilota al mondo. Ciò potrebbe sorprenderti, dato che (1) i suoi ultimi tre anni in Formula 1 sono stati piuttosto scialbi – il suo impressionante secondo posto con la Force India a Spa nel 2009 è stata una gloriosa eccezione – e (2) non è solo il numero uno di quell'epoca , Michael Schumacher, ma anche suo fratello Ralf Schumacher, il compagno di squadra Rubens Barrichello, Juan Pablo Montoya, Kimi Raikkonen, David Coulthard, Fernando Alonso, Jacques Villeneuve e Jenson Button correvano tutti in Formula 1 nel 2003.

Giancarlo Fisichella Premi F1 2003Giancarlo Fisichella Premi F1 2003

L'italiano suona il campanello del “autista dell'autista”.

Immagini Getty

Ma considera questo. Meno di tre mesi prima del Gran Premio del Brasile del 2003, al National Exhibition Centre di Birmingham si tenne il primo Gran Premio di Formula 1: una festa da ballo abbagliante con il singolo di successo del 2002. Canzone sfacciata (toccami il culo) È stata cantata dalle Cheeky Girls che personalmente sarei stata felice di vedere continuare con o senza il supporto di quelle sorelle gemelle rumene poco vestite, ma ciò non è accaduto. Uno dei premi, senza dubbio il più ambito dai piloti, è stato il Drivers' Driver Award, assegnato tramite scrutinio segreto al quale hanno partecipato tutti. Il vincitore è stato Fisichella.

Quando a Villeneuve è stato chiesto di commentare la vittoria di Fisichella nel titolo piloti, ha detto: “Sì, c'è una persona che penso sia molto, molto veloce: Giancarlo. Ha un talento davvero speciale”. Quando fu posta la stessa domanda a Button, lui rispose: “Quando eravamo insieme alla Benetton nel 2001, Giancarlo era molto più bravo di me nella preparazione. Si presentava ad ogni gara, preparava la macchina e più o meno eguagliava la sua finale”. ” In questo modo, è stato sempre molto veloce. E in effetti lo era. Dei 17 Gran Premi che componevano la stagione 2001 di Formula 1, Fisichella è stato il più veloce in qualifica per 13 volte.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x