Lo studio dice che i mammut vagavano in lungo e in largo, forse fino alla morte

Illustrazione di un mammut lanoso maschio adulto.

Per gentile concessione dell’Università dell’Alaska Fairbanks

Durante l’ultima era glaciale, i mammut lanosi erano tra le più grandi creature a camminare nel paesaggio nordamericano. Ora, un team di ricercatori americani e canadesi ha scoperto che gli animali elefanti prendono molto sul serio la parte “camminare” di una descrizione del lavoro.

Sulla base di un’analisi della zanna di un singolo mammut lanoso adulto trovato in Alaska, gli scienziati hanno determinato che l’animale ha percorso circa 70.000 chilometri nel corso della sua vita, un viaggio lungo circa il doppio del giro del mondo.

“La portata è sbalorditiva. Certamente si è spostata in un’enorme mega-area”, ha affermato Clement Patai, professore associato di Scienze della Terra e dell’Ambiente presso l’Università di Ottawa e uno degli autori dello studio.

La storia continua sotto l’annuncio

Il dottor Bataille ha affermato che l’alto grado di mobilità potrebbe essere stato parte della strategia di accoppiamento del mammut. In confronto, anche gli elefanti africani possono viaggiare molto, ha aggiunto, e i maschi di solito lasciano i gruppi in cui sono nati una volta raggiunta la maturità sessuale.

Tuttavia, il Dr. Patai e colleghi notano che la necessità di una così ampia gamma di vagabondaggi potrebbe alla fine aver accelerato l’estinzione delle specie una volta che il clima si riscalda e circonda i mutevoli modelli di vegetazione. Questo, a sua volta, li renderà più vulnerabili ai predatori, compresi i cacciatori umani.

Lo studio è iniziato nel 2018 quando Matthew Waller, direttore della Stable Isotope Facility presso l’Università dell’Alaska Fairbanks, ha invitato il dott. Patai e altri colleghi a unirsi allo sforzo di estrarre informazioni da un fossile gigante scoperto nel 2010 sul lato nord del Brooks Fiume. Una catena montuosa, a poche centinaia di chilometri dall’Oceano Artico. Il fossile risale a 17.000 anni, a un’epoca in cui gran parte dell’Alaska era una pianura erbosa priva di ghiacciai collegata alla Siberia dal Bering Land Bridge.

READ  Fitness: come adottare misure per migliorare il tuo allenamento a casa

Matt Waller, direttore della Stable Isotope Facility in Alaska, si inginocchia tra un gruppo di zanne di mammut al Museo dell’Università dell’Alaska nel nord.

JR Anchita / Per gentile concessione dell’Università dell’Alaska Fairbanks

I ricercatori hanno chiamato il loro campione “Kake”, dal nome di un sistema fluviale vicino a dove è stato trovato.

Usando zanne di mammut aperte, hanno ottenuto misurazioni dettagliate degli isotopi di ossigeno e stronzio intrappolati nella dentina. I mammut hanno ottenuto gli isotopi, che variano a seconda della geologia locale, attraverso la vegetazione e l’acqua che hanno consumato nel corso della loro vita. Con i canini che crescono a una velocità di circa cinque-sei centimetri ogni anno, hanno registrato cambiamenti nei livelli di isotopi, che rivelano quando e quanto spesso l’animale si è spostato tra siti di diversa geologia.

Il team ha anche testato i livelli di isotopi nei roditori raccolti in varie parti dell’Alaska come parte delle collezioni del museo. Ciò ha permesso loro di abbinare le misurazioni degli isotopi mammut alle posizioni geografiche. Infine, hanno utilizzato un software di intelligenza artificiale per ricostruire i possibili percorsi che il mammut avrebbe potuto seguire, lavorando a ritroso dal sito in cui è morto all’età di 28 anni.

I risultati indicano che il Kik ha iniziato la sua vita nel bacino del fiume Yukon nell’Alaska centrale. I ricercatori hanno detto che come evento si stava muovendo regolarmente in un andamento nord-sud, durante un periodo in cui era probabile che facesse parte di una mandria. Intorno ai 16 anni, i suoi movimenti sono passati a percorrere distanze più lunghe, spesso concentrandosi su determinate aree di base in cui è rimasta per periodi di tempo prima di partire per nuovi pascoli.

“Decolla e prosegue su questi voli di 500-600 chilometri alla volta, passando da un’area centrale all’altra”, ha affermato il dott. Bataille. Lo studio ha scoperto che alcuni dei luoghi in cui il mammut è stato frequentato oggi da branchi di stambecchi migratori.

Jeffrey Rasick, coautore dello studio e archeologo del National Park Service statunitense con sede a Fairbanks, ha affermato che i dati suggeriscono che Kik ha seguito una sequenza prevedibile di movimenti. Se tipico dei mammut dell’Alaska, fornirebbe un grande incentivo per i cacciatori che si spostano nella regione dall’Asia per individuare luoghi in cui possono aspettarsi in modo affidabile di incontrare la loro preda in determinati periodi dell’anno, piuttosto che inseguirli per un determinato periodo di tempo. Vasti paesaggi.

“Questo sarebbe un ambiente ideale per intercettare un pasto di grandi dimensioni come un mammut”, ha detto.

Vincent Lynch, un biologo evoluzionista dell’Università di Buffalo che non è stato coinvolto nello studio, ha affermato che mentre non è sorprendente trovare animali che si muovono su grandi distanze, è tutt’altra cosa dimostrare che ciò accade in una specie che non esiste più. .

“Questo è il trucco che rende interessante questo studio”, ha detto. “Ci aiuta a ricostruire meglio il comportamento e l’ecologia dei mammut in un modo davvero interessante per una specie estinta”.

Il dottor Lynch, che ha studiato la genetica dell’ultimo gruppo conosciuto di mammut lanosi, morto circa 4.000 anni fa, ha affermato che era una questione aperta se il movimento su larga scala fosse un difetto.

“Tendiamo a pensare che specie ampiamente distribuite e mobili… potrebbero essere più in grado di trovare nuovi habitat se l’ambiente cambia. Ma i mammut possono trovare rifugio in un mondo in via di riscaldamento?”, ha detto.

Un’ovvia limitazione dello studio è che le sue conclusioni dipendono interamente dai movimenti di un singolo individuo. Il dottor Patai ha detto che lui e i suoi colleghi hanno in programma di eseguire un’analisi simile su un campione di mammut femmine per il confronto.

punto fermo della squadraNS lei era È stato pubblicato giovedì sulla rivista Science.

Le nostre newsletter sugli aggiornamenti mattutini e serali sono state scritte dagli editori di Globe, fornendo un riassunto conciso dei principali titoli della giornata. Registrati oggi.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x