Macron dice ai leader del partito: “Non ci sono limiti” al sostegno all’Ucraina

Macron dice ai leader del partito: “Non ci sono limiti” al sostegno all’Ucraina

PARIGI: La Francia non escluderà alcuna opzione per sostenere l'Ucraina due anni dopo l'invasione russa, ha detto giovedì (7 marzo) il presidente Emmanuel Macron, secondo i leader di diversi importanti partiti politici francesi.

Parlando dopo l’incontro di due ore e mezza, i leader del partito hanno affermato che i colloqui con Macron li hanno allarmati, con alcuni che lo accusano di sfruttare il conflitto per rafforzare la posizione della sua coalizione in vista delle cruciali elezioni europee di quest’estate.

La settimana scorsa, il presidente ha sorpreso molti in Europa rifiutandosi di escludere l’invio di forze di terra occidentali in Ucraina, in riferimento alla linea dura della Russia.

All’inizio di questa settimana, Macron ha esortato gli alleati dell’Ucraina a non essere “vigliacchi” nel sostenere l’ex paese sovietico nella lotta contro l’invasione russa.

Giovedì alcuni leader del partito hanno affermato che Macron sostiene un approccio “senza confini” per affrontare il presidente russo Vladimir Putin.

La leader del Partito dei Verdi Marine Tondillier ha raccontato che Macron ha affermato che Putin “chiaramente non ha limiti”.

Ha detto che è “molto preoccupante” vedere Macron dire alla riunione che “dobbiamo dimostrare che non abbiamo limiti”.

Jordan Bardella, capo del partito di estrema destra Rassemblement National, ha dichiarato di aver fatto appello a Macron “perché non entri in guerra con la Russia”.

Bardella ha detto che il pensiero del presidente non prevede “nessun limite e nessuna linea rossa”.

Il peso massimo di estrema sinistra Manuel Bombard ha aggiunto: “Sono arrivato ansioso e me ne sono andato ancora più ansioso”.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto giovedì da Mosca che Macron “continua ad aumentare il livello del coinvolgimento diretto della Francia” nella guerra in Ucraina.

READ  Kilauea, uno dei vulcani più attivi al mondo, inizia a eruttare dopo una pausa di 3 mesi

“Solidarietà totale”

Il parlamento francese avrà l'opportunità di votare sulla strategia del Paese in Ucraina, compreso il trattato di sicurezza bilaterale firmato con Kiev il mese scorso.

Martedì prossimo si svolgeranno i dibattiti e le votazioni non vincolanti nella Camera bassa dell'Assemblea nazionale e mercoledì al Senato.

Giovedì Macron ha incontrato anche la presidente della Moldavia Maia Sandu e ha promesso il “sostegno fermo” della Francia al suo ex paese sovietico mentre aumentano le tensioni tra Chisinau e i separatisti filo-russi.

Durante l’incontro, le due parti hanno firmato un accordo bilaterale di difesa, nonché una “tabella di marcia economica”, anche se non sono stati forniti dettagli.

Più tardi giovedì, la Francia ospiterà anche una videoconferenza per circa 30 paesi, tra cui l’Ucraina, che darà seguito alle iniziative discusse al vertice internazionale ucraino ospitato da Macron la scorsa settimana.

Prima dell'incontro di giovedì con l'opposizione, Macron ha parlato mercoledì sera all'Eliseo con i suoi predecessori François Hollande e Nicolas Sarkozy.

Parlando ai giornalisti dopo i colloqui, Hollande ha chiesto maggiori aiuti all'Ucraina e all'unità europea.

“L'unica risposta possibile è mostrare la nostra piena solidarietà agli ucraini e fornire loro tutto il sostegno di cui hanno bisogno, senza partecipare noi stessi ad alcun combattimento”, ha detto Hollande.

Rispondendo alla domanda sulla possibilità di inviare truppe, l’ex presidente socialista ha detto: “La mia posizione sulle questioni militari è: meno diciamo, meglio è”.

Una battaglia elettorale

La portavoce del governo Prisca Thevenot ha detto mercoledì che è “assolutamente chiaro” che il Fronte Nazionale non è in linea con l’appello di Macron a fare tutto ciò che è in suo potere per garantire la sconfitta della Russia.

READ  La Disney sostiene nella causa che il governo nominato da DeSantis non ha rilasciato documenti pubblici

Il primo ministro Gabriel Attal ha accusato il Fronte nazionale di “sostenere la Russia più dell'Ucraina”.

Il Fronte Nazionale è il più grande partito di opposizione alla Camera dei Rappresentanti francese e nei sondaggi d'opinione europei precede la coalizione di Macron con un ampio margine in vista delle elezioni previste per il 9 giugno.

La maggior parte degli alleati europei di Macron hanno affermato che non invieranno truppe in Ucraina, mentre i funzionari francesi hanno insistito sul fatto che tali forze potrebbero essere inviate per sostenere operazioni come lo sminamento piuttosto che per combattere le forze russe.

In una chiara risposta a Macron, Putin ha avvertito del “reale” pericolo di una guerra nucleare e ha affermato: “Abbiamo anche armi che possono colpire obiettivi sul nostro territorio”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x