Migranti, 3mila congelati in Bosnia. UNHCR: “Le vite umane sono in pericolo”. Di Maio: “L’Unione Europea si attiva, corridoi umanitari o ridistribuzione”

“Siamo molto preoccupati Condizioni rischiose Dove sono Migranti e richiedenti asilo Quelli che hanno perso il loro rifugio e gli altri che sono rimasti Bloccato lungo il confine In edifici abbandonati e campi improvvisati in questo periodo dell’anno. Con forte Nevicata Temperature moderne e sotto zero Sicurezza, salute e protezione Di queste persone sono in pericolo immediato. Se non agisci con estrema urgenza, Mettono a rischio le loro viteÈ la tua nuova chiamataUNHCR, L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, a intervenire a favore Circa 3mila rifugiati Congelato nel nord-ovest della Bosnia ed Erzegovina, al confine con la Croazia, dopo La città delle tende A partire dal Lipa È stato dato alle fiamme.

Il campo di accoglienza era stato evacuato il 23 dicembre primaOrganizzazione internazionale per le migrazioni, Dato che le autorità bosniache non hanno mantenuto la promessa di prepararle ad affrontare il rigido inverno. Successivamente gli stessi immigrati l’hanno bruciato, Come è successo a settembre sull’isola Gay. Ora circa 3.000 profughi dalla rotta balcanica vagano all’aperto esposti al freddo invernale, dormendo nelle foreste e in rifugi improvvisati a temperature sotto lo zero. Rappresentante dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni in Bosnia Peter van der Auverart Parla di Asilah “La catastrofe umanitaria“.

il network Rivolto ai Balcani, Costituito da più di 36 organizzazioni e individui impegnati nella difesa dei diritti delle persone e dei principi fondamentali su cui si basano la costituzione italiana e gli standard internazionali, in un memorandum emesso da Amnesty International che chiede “un intervento immediato e urgente da parte dell’Unione Europea, della comunità internazionale e della popolazione locale nell’area di Bihac, e un sistema a lungo termine che ne garantisca il rispetto I migranti, i richiedenti asilo e i rifugiati hanno diritti umani fondamentali “.

READ  Le autorità hanno arrestato una donna che secondo l'FBI potrebbe aver tentato di vendere il computer rubato di Nancy Pelosi

Questa mattina il Ministro degli Affari Esteri, Luigi Di Maio, In un messaggio inviato a Stampa Parla di “un’immagine inquietante di ciò che sta accadendo alle porte dell’Europa”. “Stiamo seguendo da vicino – e conferma al Presidente della Farnesina – la situazione che si è venuta a creare dopo la chiusura del campo di accoglienza in Libia. Siamo preoccupati per la situazione umanitaria dei migranti e dei richiedenti asilo a cui attualmente è negata la residenza e l’accesso ai servizi di base, e come nostro Ministero degli Affari Esteri. Allocare fino a 500.000 euro alla Croce Rossa Correndo a terra. Inoltre, abbiamo chiesto alla Commissione dell’Unione europea di adottare misure per alleviare le sofferenze delle persone interessate. D’altra parte, è inconcepibile che gli esseri umani in questo inverno freddo e ostile saranno costretti a soffrire e sopravvivere. me ne serve uno Risposta unitaria Alla questione dell’immigrazione “. Le autorità della Bosnia ed Erzegovina, sia centrali che locali, devono” determinare rapidamente una soluzione “, ma” l’Unione europea ha anche un’enorme responsabilità morale “. Corridoi umanitari “Sono la strada da percorrere. Ecco ridistribuzione Un’altra è l’utilizzo delle quote, compreso il personale (che combina le capacità professionali dei richiedenti asilo con le esigenze dei singoli Stati membri). Tutti gli altri sono morti come sono già morti, perché privi della loro anima. Sono i cadaveri di queste tremila persone che sono sempre in fuga “.

Elva Johansson Con il Commissario europeo per gli affari interni ha parlato questa mattina Zoran TegiltigaPresidente del Consiglio bosniaco, dopo un colloquio di ieri con Mustafa Rosenic, Primo Ministro del Canton Una Sana. “È chiaro che la soluzione pratica e immediata è riaprire il centro di accoglienza Al-Bireh”, ha detto, accogliendo la decisione del governo questa mattina di confermare la scelta preferita per la birra. Questo centro ce l’ha Riscaldamento, elettricità e acqua corrente Può ospitare 1500 persone. Grazie ai finanziamenti dell’UE, fatti e promessi, questa è una soluzione immediata e chiara per alleviare le sofferenze di chi è intrappolato nella neve ”. L’Unione Europea rilancia quindi l’appello“ alle autorità nazionali e locali bosniache a lavorare insieme per fornire il riparo che queste persone meritano ”.

READ  Corona virus, quattro milioni di visoni saranno estratti e inceneriti in Danimarca

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x