― Advertisement ―

spot_img
HomesportMondiali U-23: l'agente di viaggio ha fatto ciò che la federazione indiana...

Mondiali U-23: l’agente di viaggio ha fatto ciò che la federazione indiana di wrestling non poteva: il nuovo espresso indiano

Servizio di notizie espresso

Chennai: Anche quando l’ambasciata spagnola ha negato le domande di visto a 21 lottatori indiani selezionati per partecipare al Campionato del mondo U-23, un agente di viaggio privato è stato in grado di acquistare lo stesso lottatore per una donna. Anche quello in meno di una settimana.

Il 4 ottobre la Indian Wrestling Federation (WFI) ha richiesto il visto per la squadra indiana di 30 lottatori e il loro personale di supporto.

Scioccato dal trattamento riservato ai lottatori indiani dal paese ospitante, il presidente della WFI Brij Bhushan Charan Singh ha inviato una lettera all’organo di governo mondiale UWW (United World Wrestling) e alla Federazione spagnola.

Singh, un membro del Parlamento del BJP di Kaizerganj, Uttar Pradesh, ha anche scritto al governo spagnolo richiamando la sua attenzione sul fatto che un agente speciale è stato in grado di ottenere un visto anche quando un’unità UWW non poteva. .

Priyanka di Haryana ha sconfitto il compagno Bhavna nelle prove da 76 kg. Ma in seguito è stata ferita, costringendola a ritirarsi. La situazione significava che i parenti di Bhavna volevano che lei sostituisse Priyanka.

“Loro (i parenti di Bhavna) hanno parlato con la federazione, ma a quel punto la domanda di visto era stata inviata. Quindi hanno proceduto a titolo personale con l’assistenza di un agente di viaggio. Ciò che ci ha scioccato è stato che anche come lottatori, WFI ha raccomandato al L’assistente segretario del WFI Vinod Tomar, ha detto al quotidiano, si sono rifiutati il ​​visto, i parenti della donna sono stati in grado di ottenere lo stesso per lei e anche quello entro quattro giorni.

READ  L'ultimo infortunio di Chiellini in Italia in vista delle qualificazioni ai Mondiali - New Indian Express

I lottatori (10 tra wrestling maschile, greco-romano e wrestling femminile) sono stati selezionati dopo le prove per competere nell’evento, iniziato lunedì a Pontevedra. Solo nove di loro (sei greco-romani, due donne e una libera) sono stati autorizzati a partecipare dall’ambasciata spagnola.

Questo è stato il motivo del rifiuto citato dall’ambasciata, che è stato accolto con la massima critica. “Vi sono ragionevoli dubbi sul fatto che tu intenda lasciare il territorio degli Stati membri prima della scadenza del visto”, si legge nella lettera di rifiuto inviata ai 21 lottatori.

Tomar ha detto che il capo del WFI ha scritto la lettera, con l’approvazione del visto Bhavna allegata, al governo spagnolo. Tomar ha aggiunto che “il presidente del sindacato ha scritto che l’incidente indicava una possibile corruzione nell’ambasciata e ha chiesto al governo di indagare”.

Allo stato attuale, solo nove lottatori del paese possono competere in questo evento. Ha firmato da Tomar: “Ci aspettavamo una risposta dal governo spagnolo, ma finora non è apparso alcun segno positivo. Quindi ora solo nove lottatori, le cui domande di visto sono state accettate, gareggeranno lì”.

Ironia della sorte, però, Visa Bhavna, che secondo Tomar non ha mai rappresentato il Paese a un meeting internazionale, ha dovuto aspettare il suo debutto perché il suo nome non era nella lista degli iscritti inviata dal WFI.