Multato squalificato per post ‘odioso e razzista’ dopo la finale di Euro | calcio

Un uomo è stato multato e condannato alla reclusione con sospensione della pena dopo aver inviato un volantino “odioso e razzista” contro i calciatori neri che hanno sbagliato i calci di rigore nella sconfitta dell’Inghilterra nella finale di Euro 2020.

Hugh Laidlaw, 50 anni, ha pubblicato una foto e commenti offensivi poco dopo la sparatoria di luglio 2021 sulla pagina Facebook di Metal Detecting UK. Il Pubblico Ministero (CPS) ha affermato che altri utenti di Internet erano così offesi da denunciarlo alla polizia.

Laidlaw, di Reading, nel Berkshire, ha poi detto alla polizia di aver erroneamente condiviso quello che all’epoca pensava fosse un post divertente dopo aver bevuto qualche drink.

Poi ha cercato di fingere che il suo account fosse stato violato per prendere le distanze dal palo.

Laidlaw è stata condannata a otto settimane di reclusione con sospensione della pena dopo essere stata dichiarata colpevole di aver inviato un messaggio offensivo tramite una rete di comunicazione pubblica presso la Reading Magistrates Court lunedì.

È stato anche condannato a pagare una multa di £ 1.000, costa £ 775 e una tassa aggiuntiva di £ 128.

L’Inghilterra ha pareggiato 1-1 nella finale di Euro 2020 con l’Italia, ma ha perso 3-2 ai rigori dopo che Marcus Rashford, Jadon Sancho e Bukayo Saka hanno sbagliato i rigori cruciali ai calci di rigore.

Dopo l’udienza di lunedì, il procuratore capo Benjamin May ha dichiarato: “Il post odioso e razzista di Hugh Laidlaw è stato un attacco diretto ai giocatori dell’Inghilterra, con i quali era condiviso disgustato e sconvolto.

“Gli abusi razzisti non saranno tollerati e, come ha dimostrato questo caso, quando i contenuti offensivi vengono segnalati alla polizia e i nostri test legali vengono superati, possiamo assicurare con successo gli autori alla giustizia”.

READ  San Marino-Scozia 0-2: Kenny McClain e Johnny Russell segnano una vittoria poco entusiasmante | notizie di calcio

“Negli ultimi anni e mesi, i crimini ispirati dall’odio legati agli eventi sportivi sono aumentati”, ha affermato Douglas Mackay, procuratore sportivo capo del CPS.

“In CPS, svolgiamo un ruolo fondamentale nell’affrontare questi crimini e nel rendere il nostro sport nazionale inclusivo e sicuro da guardare. Non c’è posto per l’odio nel calcio e crimini di odio come questo hanno un enorme impatto sulle vittime”.

Il CPS ha affermato che sta lavorando con la polizia, i club e le organizzazioni tra cui la Premier League, la English Football League e la Football Association per aiutarli a capire quale tipo di prove è necessario per supportare potenziali accuse e proteggere i giocatori quando vengono fatte accuse di un crimine. .

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x