Notizie in tempo reale: il dollaro scende rispetto alle valute asiatiche dopo il calo dei tassi della Fed

Notizie in tempo reale: il dollaro scende rispetto alle valute asiatiche dopo il calo dei tassi della Fed

L’Australia rimuoverà il monarca britannico dalle sue banconote dopo aver scelto di utilizzare un design originale per la sua futura banconota da $ 5 australiani piuttosto che un’illustrazione di re Carlo.

I reali britannici apparvero sulla valuta del paese risalente alla sterlina australiana, che fu la valuta nazionale dal 1910 fino al 1966, quando fu sostituita dal dollaro australiano.

Ma la morte della regina Elisabetta II lo scorso anno ha spinto i sostenitori di una repubblica australiana a chiedere di rimuovere il volto della regina dal promemoria.

La Reserve Bank of Australia ha dichiarato giovedì che King Charles non apparirà sulla futura banconota da A $ 5 poiché le banconote in polimero rosa saranno ridisegnate per includere un’immagine dell’originale.

Jim Chalmers, tesoriere, ha accolto con favore la mossa in quanto ha raggiunto il giusto equilibrio per il paese nell’era post-Elisabetta.

“È un’opportunità importante per riconoscere, nella banconota da cinque dollari australiani, più del nostro patrimonio, storia e cultura indigena che risale a decine di migliaia di anni”, ha affermato. “Sai, non è un segreto che mi piacerebbe vedere l’Australia diventare una repubblica”.

Peter Dutton, leader del Partito Liberale all’opposizione, ha affermato che la decisione di sostituire il ritratto del re sulla moneta farebbe arrabbiare la “maggioranza silenziosa” dell’Australia. “Penso che sia un altro attacco ai nostri sistemi, alla nostra società e alle nostre istituzioni”, ha detto.

READ  Prospettive sull'epidemiologia dell'occlusione dell'arteria coronaria al 2032: focus su Stati Uniti, Germania, Spagna, Italia, Francia, Regno Unito e Giappone - ResearchAndMarkets.com

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x