Olimpiadi di Tokyo: la giocatrice di Kanwi Hannah Craig spera che una nuova prospettiva la aiuti a candidarsi per l’ultimo posto ai Giochi

Hannah Craig è arrivata decima alle Olimpiadi del 2012 a Londra

Hannah Craig pensa che la sua nuova prospettiva sul canottaggio potrebbe rafforzare la sua offerta per le Olimpiadi di Tokyo.

Il Citizen Armoy, giunto in finale alle Olimpiadi del 2012 a Londra, correrà giovedì nella classe K1 agli Europei in Italia.

Dopo essersi allontanato dallo sport dopo aver perso Rio nel 2016, Craig spera di ottenere l’ultimo posto mostrato nelle ultime partite.

“Per me personalmente, non ci sono affari in sospeso”, ha detto.

“È stata davvero una buona prestazione da parte mia a Londra, il modo in cui ho remato in semifinale era esattamente come volevo pagaiare ed è ancora una delle mie migliori piste di sempre.

“Potendo farlo in un contesto olimpico, non potevo sognare un miglioramento quindi non mi sento come se il mio lavoro sia incompleto verso le Olimpiadi.

“Guadagni prospettiva quando fai un passo indietro e penso che a volte quando ci sei dentro, la visione a tunnel entra davvero in gioco. Puoi diventare ossessionato dai piccoli dettagli e dai guadagni marginali, tutte quelle cose, e alla fine quando fai un passo indietro ti rendi conto di ciò che è importante per te. “

“Ti rendi conto che ciò che conta sono cose come l’autoefficacia, la fiducia nella tua esperienza, la fiducia nel tuo allenamento, la fiducia nel processo, la fiducia nel tuo corpo e tutte le cose che hai ottenuto.

“Penso che quando torni, ci sia un’opportunità per cambiare il modo in cui gestisci le cose. Se questo cambia il risultato o meno, resta da vedere, ma hai l’opportunità di cambiare il modo in cui lo fai e come lo gestisci e fare in modo che cambi qualcosa che era molto importante per me. “

Hannah Craig
Craig ha trascorso l’ultima estate in Francia per valutare se voleva provare ad arrivare a un’altra Olimpiade

Craig, che ha due figli piccoli, si è trasferita in Francia con la sua famiglia alla fine dello scorso anno per aiutare a preparare il Campionato Europeo, che si svolgerà da giovedì a domenica questa settimana a Ivrea.

Dopo aver terminato 13 ° nella Coppa del Mondo femminile K1 a Pau lo scorso novembre, la 38enne ha cambiato la forma della sua barca, che ritiene abbia fornito sia opportunità che sfide.

“Ogni volta che cambi la forma della barca, cambi la sfida, perché ogni forma di barca è diversa e questa forma è completamente diversa da quella che avevo prima”, ha spiegato.

“Ciò ha significato molti aggiustamenti tecnici. So come si pagaia ma ho dovuto imparare di nuovo molti elementi per adattarmi e ottenere il massimo da questa barca. È stata un’opportunità per affrontare una nuova sfida e io davvero piaciuto.”

“Ho trascorso ben due anni nella barca che possedevo prima e la conoscevo a memoria, questa barca vera in cui sono stato per 10 settimane dopo aver cambiato forma a novembre. È così divertente.

“Supponiamo che mi piacerebbe essere più lontano, ma sono in un posto migliore di quanto non fossi sulla barca in cui mi trovavo prima. I progressi sono in aumento e quando stai facendo progressi in salita, vuoi solo che continui.”

READ  Juan Pablo Montoya: "La Formula 1 è diventata più divertente"

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x