Opera ottiene un cenno per il caffè come candidata al Patrimonio immateriale dell’UNESCO

L’opera è nata in Italia, è stata cantata da patrioti italiani e alcuni dei più grandi brani del mondo provenivano dalla penisola.

Ora la Roma vuole credito dove il credito è dovuto.

Patria di Scarlatti e Verdi, l’Italia ha fatto un’offerta all’UNESCO – l’agenzia culturale delle Nazioni Unite – per riconoscere l’arte del canto lirico italiano nella sua lista del Patrimonio Immateriale dell’Umanità. Una decisione è dovuta alla fine dell’anno.

“L’opera è nata in Italia”, ha detto Stephane Lesnar, il direttore francese del Teatro San Carlo di Napoli, che ha aperto nel 1737 e sostiene di essere il più antico teatro d’opera del mondo.

Dopo varie sperimentazioni con il teatro musicale nel Cinquecento, l’opera apparve intorno al 1600 a Firenze, con la fondazione di un’accademia che promuoveva un innovativo connubio tra testo cantato e musica.

Il primo grande compositore d’opera è l’italiano Claudio Monteverdi, che visse dal 1567 al 1643 – e quello fu solo l’inizio.

“Se guardi alla storia dell’opera nel diciottesimo secolo”, disse Lesnar, “troverai 400 nuovi compositori durante quel secolo” nella sola Napoli. La città meridionale era, all’epoca, capitale di un regno retto dai Borboni.

Ma perché l’opera italiana dovrebbe essere un partecipante più legittimo nella Hall of Fame dell’UNESCO rispetto alle sue controparti francesi o tedesche?

Per Lesnar, che ha guidato anche la Scala a Milano e l’Opera di Parigi prima di subentrare al Napoli nel 2020, non c’è dibattito.

Tutte sedie di velluto rosso, luci scintillanti e dorature, ha detto in un’intervista a Palazzo San Carlo: “Cantare in italiano… ispira le più grandi passioni negli amanti dell’opera”.

READ  L'Italia riapre la sua ambasciata a Kiev

Nel backstage degli spogliatoi, il baritono italiano Gabriele Viviani si esercita nei suoi esercizi vocali prima di salire sul palco del Teatro Puccini Tosca.

“Senza prendere nulla dai miei colleghi, né dai compositori francesi o tedeschi… Penso che la canzone italiana abbia qualcosa in più, che è la capacità di esprimere sentimenti in un modo che nessun altro può”.

Dopo pochi minuti, il pubblico si è riversato nella hall, chiacchierando prima di prendere posto per iniziare lo spettacolo.

Verdi a Odessa

Sumiko, una donna giapponese di New York che si fa largo tra la folla in kimono, è venuta a Napoli appositamente per questa esibizione ed è entusiasta della candidatura dell’Italia all’UNESCO.

“I sentimenti che questi compositori ci danno sono universali”, ha detto. “Trascendono la storia. Trascendono i confini”.

Per il ministro della Cultura Dario Franceschini, l’opera è una delle “forme di espressione culturale più autentiche e autentiche” italiane e si è diffusa nel mondo.

Ha ricordato le scene commoventi della città ucraina di Odessa a marzo, quando la gente del posto è scesa in strada per cantare Virginia, PenseroCoro degli schiavi ebrei sexy di Verdi Nabucco.

Ha descritto questo come “un’ulteriore prova che il canto lirico italiano è parte integrante del patrimonio culturale mondiale, fornendo luce, forza e bellezza nelle ore più buie”.

Virginia, Penseroche era anche un inno ai patrioti italiani che combatterono contro l’occupazione austriaca nel XIX secolo, illustra anche il sostegno popolare all’opera.

Lesnar ha osservato che “nel diciannovesimo secolo, quando arrivavo in una qualsiasi città italiana, tutti gli abitanti cantavano l’opera. Era normale”.

READ  Alisson e Solskjaer appaiono nei momenti migliori per ogni club della Premier League nel 2021

“L’Italia è diversa, i teatri italiani sono diversi… e se vai nei paesi – non sono nemmeno città – troverai dei piccoli teatri”.

Ancora oggi ci sono circa 60 teatri d’opera in tutta Italia – un record mondiale – mentre cantanti lirici come Luciano Pavarotti sono stati premiati nel 20° secolo come star eccezionali.

Lesnar ha detto che la musica lirica in Italia “non è solo per l’élite”, anche se ha detto che “la maggior parte del pubblico non può pagare determinati prezzi dei biglietti e sono stati abbandonati”, un “errore fatale”.

Questa è la tendenza che il San Carlo sta cercando di contrastare, prenotando biglietti scontati per i giovani. – Agenzia di stampa Francia

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x