Orizzonti 2022: Un pilastro di un anno assurdo

L’economia va a gonfie vele. Tuttavia, la grande domanda politica per il 2022 è se i responsabili politici torneranno agli accomodamenti se l’inflazione rimane alta, ma la crescita vacilla in modo significativo. Ci sono dei rischi all’orizzonte. Questa quinta ondata di infezione si aggiunge ai rimanenti sconvolgimenti delle ondate precedenti.

Le strozzature nell’offerta permangono e possono essere esacerbate da una carenza di lavoratori. I prezzi dell’energia sono aumentati a causa del freddo e dei vincoli geopolitici sull’offerta. I prezzi del GNL in Europa sono triplicati, all’equivalente del greggio a 250 dollari al barile. Questi problemi dal lato dell’offerta aggiungono pressione sull’inflazione a causa della forte domanda, che è stata alimentata dalle passate esplosioni finanziarie e dalla frustrazione dei consumatori per la perdita della libertà “prima”. Al momento, la Federal Reserve e la Banca Centrale Europea sono in calo, anche se in misura diversa.

La cosa buona è che le aspettative di inflazione sono in calo da metà novembre, rivelando che i mercati sono consapevoli della variabile Omicron per ridurre l’entusiasmo della domanda più che esacerbare le interruzioni dell’offerta. In Europa, i prezzi del gas quasi certamente si attenueranno dai livelli massimi una volta che l’inverno sarà arrivato.

La spesa fiscale sarà inferiore rispetto al 2020-2021, riducendo la pressione sui prezzi ma con meno venti contrari alla crescita perché le famiglie hanno fornito molti stimoli. In Europa, le rimesse finanziate dal sindacato aumenteranno quest’anno la spesa pubblica, di circa l’1% del PIL in Italia e Spagna. Il Giappone, dove l’inflazione non è un problema, quest’anno beneficerà di un ampio piano di spesa fiscale, al 10% del PIL.

READ  Leader sindacale ucciso in Italia quando le truppe hanno picchettato il camion delle truppe

Ciò può portare a una dilatazione permanente in questa fase di recupero. La domanda repressa è amplificata da alcune componenti insolite.

Gli ammortizzatori ad alto risparmio si traducono in proficue spese in conto capitale e piani di consumo quando la pandemia lo consente. Poiché le imprese e le famiglie sono ricche di liquidità, la domanda di credito è stata molto bassa. Questa non è la solita espansione a leva che le banche centrali devono rallentare aumentando i termini di finanziamento. Negli Stati Uniti, le aziende stanno riducendo l’indebitamento e in Europa la crescita del credito aziendale è stata praticamente inesistente. In entrambe le aree, i consumatori per lo più prendono in prestito per acquistare una casa. Le banche sono ben capitalizzate e pronte a prestare, fornendo riserve aggiuntive a cui il settore privato può accedere quando necessario.

Qualsiasi aumento dei tassi, nel peggiore dei casi, influenzerà i mercati finanziari e il sentimento – e temporaneamente. Il canale del credito è più debole e la ripresa sarà forte. La parola chiave nel messaggio ottimista di dicembre della Fed era “opzionale” se le prospettive di crescita sono deluse: le future linee guida politiche in tempi incerti richiedono nuovi concetti. Mentre la politica deve adeguarsi a una ripresa in corso, è probabile che le condizioni finanziarie rimarranno favorevoli nel 2022. La Fed ha dimostrato di preoccuparsene: ha accelerato l’inasprimento, anche per poter fare poco in seguito.

La fine del programma di acquisto di obbligazioni pandemiche della Banca centrale europea non deve essere intesa come un frettoloso inasprimento. Dovrebbe essere vista come la fine dell’emergenza, allo stesso modo in cui lo straordinario impulso fiscale svanirà in tutto il mondo, impedendo al Giappone di affrontare una situazione diversa. I mercati si renderanno conto che la riserva politica rimane. Piccoli aumenti dei tassi di interesse sosterranno la crescita in un modo insolito: ci sarà una maggiore propensione per le banche a concedere prestiti.

READ  L'Italia celebra Ennio Morricone con una nuova moneta

Lo scenario centrale del 2022 è quello in cui i timori di inflazione non interromperanno la ripresa. La crescita in Europa e negli Stati Uniti si manterrà al di sopra del trend e sarà leggermente più rapida nei primi rispetto ai secondi. Oltre a rimanere indietro rispetto agli Stati Uniti nelle tendenze pre-crisi, l’Europa deve far fronte a un mix più gestibile di crescita e inflazione. Le interruzioni dell’approvvigionamento e la carenza di manodopera sono meno gravi e la politica rimane favorevole. Il sostegno politico e i progressi medici in entrambi i paesi estenderanno il ciclo economico per espandersi, nonostante un temporaneo rallentamento, senza attraversare una recessione, come nel ciclo economico standard.

La politica resta un grosso rischio. Oltre ai soliti, imprevedibili eventi geopolitici che potrebbero sconvolgere il mondo quest’anno, ci sono le elezioni presidenziali in Europa e le elezioni di medio termine negli Stati Uniti. In Francia e in Italia, ci sono una serie di personalità che creano divisioni che possono indurre gli operatori storici a fare pubblicità sciocche. I timori virali continueranno ad emergere finché le vaccinazioni non saranno completate a livello globale.

La sequenza di rallentamenti e recuperi può dare un senso di Groundhog Day, causando la riapertura e l’arresto del commercio in uno spiacevole déjà vu. Come diceva Albert Camus, bisogna immaginare Sisifo felice.

Agnes Pelech è Chief European Strategist presso Barings Investment Institute.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x