― Advertisement ―

spot_img

Harper's Bazaar Italia nomina Massimo Russo caporedattore

Milano— La rivista italiana Harper's Bazaar sta mettendo insieme una squadra per guidare il prossimo capitolo della rivista patinata, introdotta nel paese nel 2019. Massimo...
HomeEconomyPanetta in Italia vede il momento per i tagli dei tassi di...

Panetta in Italia vede il momento per i tagli dei tassi di interesse della BCE “avvicinarsi rapidamente” secondo Reuters

©Reuters. FOTO DEL FILE: Una vista della sede della Banca centrale europea (BCE) a Francoforte, in Germania, il 16 marzo 2023. REUTERS/Heiko Becker/File Photo/File Photo

Scritto da Giselda Vagnoni e Valentina Za

GENOVA, Italia (Reuters) – Si sta “avvicinando rapidamente” il momento in cui la Banca centrale europea taglierà i tassi di interesse, e l'adozione di misure graduali e tempestive potrebbe contribuire a limitare la successiva volatilità sui mercati finanziari e sull'economia, ha detto un policymaker senior. di sabato.

Intervenendo all'incontro Asium Forex a Genova, il membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea Fabio Panetta ha affermato che la prossima mossa di politica monetaria dovrebbe riflettere una situazione in cui l'inflazione continua a diminuire e una spirale al ribasso dei salari e dei prezzi è improbabile, mentre l'aumento dei tassi di interesse dimostra che … Ha un impatto più forte sull'economia. economica rispetto al passato.

“Il momento di invertire l’orientamento della politica monetaria si avvicina rapidamente”, ha affermato Panetta, diventato governatore della Banca d’Italia a novembre dopo un periodo come membro del comitato esecutivo della Banca centrale europea.

Ha aggiunto: “Dobbiamo considerare i pro e i contro di un abbassamento dei tassi di interesse rapido e graduale, piuttosto che abbassarli successivamente e con maggiore forza, cosa che potrebbe aumentare la volatilità nei mercati finanziari e nell'attività economica”.

La Banca Centrale Europea ha mantenuto i tassi di interesse al livello record del 4% il mese scorso e ha ribadito il suo impegno a combattere l’inflazione anche se si avvicina il momento di iniziare ad allentare i costi di finanziamento.

Il dibattito ora si concentra sulla questione se la BCE inizierà a tagliare i tassi di interesse già ad aprile o opterà per un ritardo.

READ  Elkan di Stellantis incontra il ministro italiano dell'Economia in mezzo alle tensioni

“Qualsiasi speculazione sui tempi esatti dell’allentamento della politica monetaria sarebbe un esercizio futile e irrispettoso nei confronti del Consiglio direttivo della Bce come organo collettivo”, ha affermato Panetta.

A settembre la Banca Centrale Europea ha completato il ciclo di rialzi dei tassi di interesse più rapido di sempre.

Discutere dell'inflazione

Nelle ultime settimane, i principali policy maker hanno affermato che sono necessarie ulteriori prove del fatto che l’inflazione sia tornata al livello target prima di qualsiasi taglio dei tassi di interesse, nonostante la crescente fiducia che le pressioni sui prezzi si stiano allentando.

“Ciò che dovrebbe essere discusso ora sono le condizioni per avviare l’allentamento monetario, evitando rischi per la stabilità dei prezzi e danni inutili all’economia reale”, ha affermato Panetta.

Affrontando le preoccupazioni sollevate dai politici più aggressivi, Panetta ha affermato che sono emersi rischi al ribasso per le aspettative di inflazione e che le preoccupazioni sul “problema dell'ultimo miglio” del calo dei prezzi appaiono ingiustificate, poiché l'inflazione è scesa con la stessa rapidità con cui è aumentata.

La forte crescita dei salari nominali, che può comportare rischi, è controbilanciata da un calo degli altri costi, tale che i costi di produzione totali delle imprese, il principale motore dell’inflazione, smettono di aumentare.

Con costi stabili e domanda debole, le aziende hanno meno probabilità di trasferire gli aumenti salariali ai consumatori.

Panetta ha minimizzato i rischi di inflazione derivanti dalla crisi del Mar Rosso, affermando che il trasporto marittimo rappresenta solo una piccola parte dei costi totali di produzione.

“Anche in questo caso, la minore domanda e l'aumento delle scorte riducono significativamente la possibilità che l'aumento dei costi di trasporto venga trasferito sui prezzi”, ha affermato Panetta, aggiungendo che non si può escludere un'escalation delle tensioni.

READ  Applausi e lacrime danno il benvenuto a un altro nuovo lavoro a Brunswick