Preoccupato per il Canada, dove Hong Kong ha iniziato a costringere la doppia cittadinanza a scegliere lo status

Il Canada ha espresso la sua preoccupazione mentre le autorità di Hong Kong intensificano l’applicazione di una legge vecchia di decenni che negherebbe la doppia cittadinanza ai residenti dell’ex colonia britannica, che comprende 300.000 persone in possesso di passaporti canadesi.

Ottawa ha appreso che un cittadino imprigionato a Hong Kong con un passaporto canadese è stato chiesto all’inizio di questo mese di dichiarare se è cinese o canadese, ha detto venerdì Christelle Chartrand, portavoce del Dipartimento degli affari globali. Questa è la prima volta che succede.

Le persone che si dichiarano canadesi possono ora perdere il diritto di residenza per vivere a Hong Kong.

La storia continua sotto l’annuncio

“È l’inizio della fine per le persone di Hong Kong che detengono lo status canadese”, ha detto Richard Courland, un avvocato specializzato in immigrazione a Vancouver.

La politica della doppia nazionalità deriva dalla legge del 1980 nella Cina continentale che è stata poi applicata a Hong Kong quando il Regno Unito ha consegnato la città a Pechino nel 1997. “La legge esiste da anni ma non è sempre stata applicata”, ha detto Mr. Ha detto Corland.

Questa nuova applicazione significa che al Canada verrà negato l’accesso al consolato a qualsiasi residente di Hong Kong che, quando costretto a fare una scelta, dichiari di essere cinese.

La sig.ra Chartrand ha affermato in una dichiarazione che la Cina ha iniziato “ad attuare questa legge … su una scala più ampia e rigorosa”.

La sig.ra Chartrand ha aggiunto che i cittadini canadesi a Hong Kong non sono gli unici a scegliere. “Siamo a conoscenza di più di questi incidenti che coinvolgono la doppia nazionalità di altri paesi”.

READ  Israele raggiunge un accordo con i coloni nell'avamposto della Cisgiordania

Ci sono circa 85.000 cittadini statunitensi e 100.000 cittadini australiani a Hong Kong.

La signora Chartrand ha detto che Ottawa sta cercando di raccogliere maggiori informazioni su questo cambiamento dalle autorità di Hong Kong, che sono state segnalate per la prima volta dal National Post.

La storia continua sotto l’annuncio

“I canadesi che desiderano ricevere i servizi consolari devono presentarsi come canadesi alle autorità in ogni momento”, ha detto.

Il cambiamento arriva quando il Partito Comunista Cinese a Pechino assume un maggiore controllo del centro finanziario costiero. La scorsa estate, il governo cinese ha imposto a Hong Kong una nuova legge globale sulla sicurezza nazionale. Questa legge sulla sicurezza era apparentemente finalizzata alla secessione, al sabotaggio e al terrorismo, ma conteneva crimini vagamente definiti che, secondo i critici, criminalizzano il dissenso e il dissenso.

I paesi occidentali, incluso il Canada, hanno accusato lo stato monopartitico cinese di violare il trattato del 1984 in cui Pechino si impegnava a preservare l’autogoverno locale, i diritti civili e lo stato di diritto a Hong Kong per 50 anni dopo il passaggio di consegne. Dallo scorso giugno, le autorità di Hong Kong, sostenute da Pechino, hanno vietato ai legislatori pro-democrazia di candidarsi alle elezioni. Questo mese, la polizia ha effettuato ampi arresti della maggior parte dei rimanenti esponenti dell’opposizione e attivisti.

Il signor Corland avverte che i 300.000 cittadini canadesi di Hong Kong dovranno alla fine scegliere. Ha detto che credeva che il governo del Partito Comunista Cinese di Hong Kong alla fine volesse liberare la città dai residenti che avevano alleanze con i paesi occidentali.

READ  Otto giovani sono stati trovati morti, soffocati alla festa di Capodanno

Le forze pro-Pechino a Hong Kong incitavano a reprimere la doppia cittadinanza.

Regina Ip, un parlamentare pro-Pechino a Hong Kong, ha scritto una colonna sul South China Morning Post all’inizio di questo mese in cui ha detto che ai residenti dovrebbe essere chiesto di scegliere tra il diritto di risiedere a Hong Kong o la cittadinanza straniera.

La storia continua sotto l’annuncio

Ha detto che Pechino ha adottato da tempo un approccio “un occhio aperto, un occhio chiuso” nei confronti dei cittadini di Hong Kong con doppia cittadinanza, ma ha sostenuto che questo deve cambiare.

“Dopo ventitré anni di estradizione, coloro che prendono una decisione consapevole di andarsene e, implicitamente, di abbandonare Hong Kong, per fare una scelta – la Cina o un paese straniero”, ha scritto.

La Cina e il Regno Unito sono attualmente bloccati in una disputa sul piano di Londra di fornire un percorso verso la cittadinanza britannica per due terzi dei residenti di Hong Kong. I nati prima della consegna possono richiedere un passaporto British Private Overseas (BNO). Il Regno Unito concede ai titolari di BNO il diritto di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito per cinque anni e, infine, richiedere la cittadinanza.

Il governo cinese, indignato per la mossa, ha dichiarato che non riconoscerà più il passaporto BNO come documento di viaggio valido a partire da domenica 31 gennaio.

File da Reuters

Scopri cosa sta succedendo nei corridoi del potere con i titoli e i commenti sulle politiche stabiliti dagli editori di Globe (solo abbonati). Registrati oggi.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x