Preparati per il più grande processo penale nella storia moderna del Vaticano | Notizie di economia e commercio

Il cardinale avrebbe incitato un subordinato a mentire all’accusa. Agenti immobiliari e avvocati fanno una rapida mossa al Vaticano n. 2 per convincerlo ad accettare un disastroso affare immobiliare. Analista dell’intelligence, ha acquistato cose da Prada e Louis Vuitton con i soldi del Vaticano che avrebbe dovuto inviare ai ribelli che tenevano in ostaggio una suora cattolica.

I pubblici ministeri vaticani hanno accusato una serie di scandali sorprendenti nel più grande processo penale della storia moderna del Vaticano, che si è aperto martedì in un’aula di tribunale modificata presso i Musei Vaticani. Il cardinale un tempo influente e altri nove accusati di aver dissanguato la Santa Sede attraverso donazioni di decine di milioni di dollari attraverso cattivi investimenti, si occupa di loschi gestori di denaro e servizi cospicui ad amici e familiari. Rischiano pene detentive, multe o entrambe se condannate.

Il processo, che sarà probabilmente rinviato di diversi mesi dopo le prime udienze di martedì e mercoledì, è il culmine di un’indagine di due anni sul progetto immobiliare difettoso da 350 milioni di euro (413,3 milioni di dollari) della Santa Sede a Londra. Quel processo ha esposto le transazioni finanziarie precedentemente segrete del Vaticano e la sua disfunzione strutturale, consentendo a poche persone di fare molti danni alle finanze e alla reputazione del Vaticano, con poca esperienza o supervisione.

Ma il caso dei querelanti indica anche che papa Francesco e i suoi luogotenenti non solo erano a conoscenza di alcune transazioni chiave, ma in alcuni casi le consentivano a titolo definitivo, anche senza documentare o comprendere appieno i dettagli. Data la natura gerarchica della Santa Sede e la necessaria obbedienza dei vassalli ai loro superiori religiosi, rimangono anche interrogativi sul perché alcune persone siano accusate e non altre.

Uno dei governatori vaticani, che fino a poco tempo fa era considerato dai pm il principale sospettato, monsignor Alberto Perlasca, è riuscito a evitare l’incriminazione. L’ufficio di Perlasca ha gestito l’investimento a Londra dall’inizio alla fine e il suo capo lo ha identificato come il principale colpevole interno in un blackout sul costoso esito dell’affare. Ma i pubblici ministeri hanno notato che Berlasca si è ribaltato ed è diventato un testimone importante, in parte dopo essere stato costretto a ritrattare la sua testimonianza resa dall’unico cardinale durante il processo, Angelo Pesciu.

READ  La leggenda culinaria Tommaso Maggiore muore a 73 anni

Francesco, che come monarca assoluto esercita il potere legislativo, esecutivo e giudiziario supremo nella Città del Vaticano, aveva già condannato Piccio in molti modi.

La Basilica di San Pietro in ombra al tramonto in Vaticano [File: Riccardo De Luca/AP Photo]

L’anno scorso, Francesco ha fornito a Piccio la prova di aver inviato 100.000 euro (118.000 dollari) di fondi vaticani a un ente di beneficenza sardo gestito dal fratello di Piccio. Francesco ottenne le dimissioni di Piccio da capo dell’ufficio del santo vaticano e poi lo spogliò dei suoi diritti cardinali, punizione subito annunciata dalla sala stampa vaticana.

Pique, che è accusato di appropriazione indebita e ha fatto pressioni su Perlaska perché si ritirasse, ha negato qualsiasi illecito.

Il capo di gabinetto della Segreteria di Stato vaticana, Becciu, è legato anche a una misteriosa figura anch’essa sotto processo, Cecilia Marugna, da lui nominata nel 2016 consigliere esterno per la sicurezza. I pubblici ministeri sostengono che Marujna ha sottratto 575.000 euro (679.000 dollari) di fondi vaticani che Becchio ha concesso come riscatto per liberare gli ostaggi cattolici. I registri bancari della sua società slovena di facciata mostrano che i bonifici dal Vaticano sono stati utilizzati invece per pagare le bollette nei negozi di lusso e nei boutique hotel. Marugna afferma che il denaro era un legittimo compenso e rimborso per le sue spese legate all’intelligence.

L’operazione immobiliare londinese risale al 2014, quando la Segreteria di Stato Vaticana decise di investire i primi 200 milioni di euro (236,2 milioni di dollari) in un fondo gestito dall’imprenditore italiano Raffaele Mencioni, con metà dei soldi nell’edificio londinese e l’altra metà in un altro edificio. investimenti.

A novembre 2018, l’investimento originale aveva perso 18 milioni di euro (21,2 milioni di dollari), affermano i pubblici ministeri, spingendo il Vaticano a cercare una strategia di uscita pur mantenendo la propria partecipazione nell’edificio nell’elegante quartiere londinese di Chelsea.

READ  I giovani italiani dominano l'Open di Francia. Non hanno idea del perché.

Entra Gianluigi Torzi, un altro broker, che ha aiutato a organizzare un pagamento di 40 milioni di euro (47,2 milioni di dollari) per Mincione.

Ma i pubblici ministeri affermano che Tourzi ha poi ingannato la Santa Sede ristrutturando segretamente 1.000 azioni della nuova holding immobiliare in un modo che gli ha conferito pieni diritti di voto. I pubblici ministeri affermano che Turzi ha poi ricattato il Vaticano per 15 milioni di euro (17,7 dollari) per il controllo dell’edificio che credeva di aver già acquisito.

Il cardinale Angelo Piccio parla ai giornalisti durante una conferenza stampa a Roma [File: Gregorio Borgia/AP Photo]

Mencioni e Torzi, accusati di truffa, riciclaggio, peculato e altre accuse, hanno negato ogni addebito.
Il successore di Becchio, il capo di gabinetto, l’arcivescovo Edgar Peña Parra, ha detto ai pubblici ministeri che Francesco aveva chiarito entro novembre 2018 che voleva perdere meno soldi possibile per assicurarsi finalmente la proprietà dell’edificio e “voltare pagina e ricominciare da capo”. Pina Barra ha detto ai pm che si trattava di un messaggio che Francesco ha ripetuto allo stesso Turzi durante un incontro nel gennaio 2019.

Rendendosi conto che Turzi aveva già il controllo dell’edificio e basandosi sul desiderio di Francesco di andare avanti, Pina Parra ha affermato che il Vaticano aveva due opzioni. Hanno dovuto citarlo in giudizio o pagarlo per 1.000 azioni con diritto di voto che possedeva. Pina Barra ha detto che la preoccupazione del Vaticano è che il suo processo possa durare anni e possibilmente concludersi a favore di Torzi.

“Di queste due opzioni, con la consulenza di avvocati ed esperti, è stata scelta l’opzione 2 perché ritenuta più economica, con rischi contenuti e in un lasso di tempo più accessibile”, ha scritto Pina Barra nella sua testimonianza, vista dall’Associated Press. . “È anche semplicemente in linea con il desiderio del presidente”, ha detto Francis, riferendosi a Francis.

READ  Pirelli italiana ha aumentato la sua guida per l'anno fiscale dopo che l'EBIT del secondo trimestre ha battuto le stime.

Tuttavia, pagare 15 milioni di euro (17,7 dollari) per Torzi è al centro del caso. I pubblici ministeri accusano Torzi di estorcere denaro al Vaticano, e i pubblici ministeri accusano anche l’Agenzia di vigilanza finanziaria del Vaticano di non aver fermato l’accordo. I direttori della supervisione affermano che il Vaticano non aveva altra scelta che pagare Torzi, dato che il Dipartimento di Stato – consapevolmente o inconsapevolmente – ha firmato contratti legalmente vincolanti che hanno concesso a Torzi il controllo dell’edificio.

I pubblici ministeri affermano che il ministro degli Esteri, il cardinale Pietro Parolin, è stato indotto con l’inganno ad accettare il contratto di Turzi da un avvocato che ha redatto un memorandum di una pagina che descrive l’accordo, ma ha omesso i dettagli chiave, inclusa la quota di voto di Turzi. Pina Barra ha detto che il Vaticano si è reso conto solo in seguito che l’avvocato era legato a Torzi. Citando le note private di Parolin, Pina Barra ha affermato che il cardinale ha approvato l’accordo sulla base del briefing dell’avvocato e delle conferme di Berlaska e di un altro chief financial officer del Vaticano, Fabrizio Terrapasi.

Nessuna accusa è stata intentata contro Parolin, Pina Parra e Perlaska. Terabasi è accusato di corruzione, racket, frode e abuso d’ufficio; Nega ogni illecito.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x