Quest’anno Apple potenzia i suoi strumenti di intelligenza artificiale con chip server interni

Quest’anno Apple potenzia i suoi strumenti di intelligenza artificiale con chip server interni

(Bloomberg) — Quest’anno Apple offrirà alcune delle sue imminenti funzionalità di intelligenza artificiale tramite data center dotati dei suoi processori interni, come parte di uno sforzo complessivo per dotare i suoi dispositivi di funzionalità di intelligenza artificiale.

L’azienda sta inserendo chip avanzati – simili a quelli progettati per i Mac – nei server di cloud computing progettati per gestire le attività di intelligenza artificiale più avanzate che arrivano sui dispositivi Apple, secondo persone che hanno familiarità con la questione. Le funzionalità più semplici relative all’intelligenza artificiale saranno gestite direttamente su dispositivi iPhone, iPad e Mac, hanno affermato le persone, che hanno chiesto di rimanere anonime perché il piano è ancora nascosto.

La mossa fa parte della tanto attesa spinta di Apple verso l’intelligenza artificiale generativa, la tecnologia alla base di ChatGPT e altri strumenti popolari. L’azienda sta cercando di mettersi al passo con i concorrenti delle principali aziende tecnologiche della regione, ma si sta preparando a sviluppare un’ambiziosa strategia per l’intelligenza artificiale alla Worldwide Developers Conference del 10 giugno.

Il piano di Apple di utilizzare i propri chip ed elaborare attività di intelligenza artificiale nel cloud è in lavorazione da circa tre anni, ma l’azienda ha accelerato i tempi dopo che la mania dell’intelligenza artificiale, alimentata da ChatGPT di OpenAI e Gemini di Google, l’ha costretta a muoversi di più. velocemente.

I primi chip per server AI saranno M2 Ultra, lanciato lo scorso anno come parte dei computer Mac Pro e Mac Studio, anche se l’azienda sta già guardando alle versioni future basate sul chip M4.

Le azioni Apple hanno raggiunto brevemente il massimo della sessione di 184,59 dollari nelle negoziazioni di New York dopo che Bloomberg ha riportato i dettagli. Il titolo è sceso di oltre il 4% nell’anno. Un rappresentante di Apple, con sede a Cupertino, in California, ha rifiutato di commentare.

READ  I rapporti mostrano che non c'è "differenza pratica" tra i modelli PS5 di Sony

Per saperne di più: Apple sta preparando uno strumento di intelligenza artificiale per competere con GitHub Copilot di Microsoft

Compiti di intelligenza artificiale relativamente semplici, come fornire agli utenti un riepilogo delle notifiche mancate dell’iPhone o dei messaggi di testo in arrivo, possono essere gestiti da chip all’interno dei dispositivi Apple. Funzioni più complesse, come la creazione di immagini o il riassunto di lunghi articoli di notizie e la creazione di lunghe risposte nelle e-mail, richiederanno probabilmente un approccio basato sul cloud, come nel caso di una versione aggiornata dell’assistente vocale Siri di Apple.

La mossa, che fa parte del lancio di iOS 18 da parte di Apple in autunno, segna un cambiamento per l’azienda. Per molti anni, Apple ha dato priorità all’elaborazione sul dispositivo, promuovendola come un modo migliore per garantire sicurezza e privacy. Ma le persone coinvolte nella creazione del progetto del server Apple – nome in codice ACDC, o Apple Chips in Data Centers – affermano che i componenti già all’interno dei suoi processori possono proteggere la privacy dell’utente. L’azienda utilizza una tecnica chiamata Secure Enclave in grado di isolare i dati da una violazione della sicurezza.

Per ora, Apple prevede di utilizzare i propri data center per potenziare le funzionalità cloud, ma alla fine si affiderà a strutture di terze parti, come fa con iCloud e altri servizi. Il Wall Street Journal aveva precedentemente riportato alcuni aspetti del piano server.

Non perdere mai un episodio. Segui il podcast quotidiano The Big Take oggi.

Luca Maestri, direttore finanziario di Apple, ha accennato a questo approccio durante una conferenza sugli utili la scorsa settimana. “Abbiamo la capacità del nostro data center e quindi utilizziamo la capacità di terze parti”, ha detto dopo che gli è stato chiesto dell’infrastruttura AI dell’azienda. “È un modello che ha funzionato bene per noi storicamente e prevediamo di continuare allo stesso modo anche in futuro.”

Per saperne di più: All’interno del grande piano di Apple per portare l’intelligenza artificiale generativa su tutti i suoi dispositivi

Affrontare le funzionalità dell’intelligenza artificiale sui dispositivi continuerà a essere una parte importante della strategia AI di Apple. Ma alcune di queste funzionalità richiederanno i chip più recenti, come l’A18 lanciato su iPhone lo scorso anno e il chip M4 che ha debuttato su iPad Pro all’inizio di questa settimana. Questi processori includono aggiornamenti significativi al cosiddetto motore neurale, la parte del chip che gestisce i compiti dell’intelligenza artificiale.

Apple ha aggiornato rapidamente la sua linea di prodotti con chipset più potenti. Innanzitutto, ha introdotto il processore di nuova generazione, l’M4, nell’intera gamma di computer Mac. Il Mac mini, l’iMac e il MacBook Pro riceveranno l’M4 entro la fine dell’anno, e il chip entrerà nel MacBook Air, Mac Studio e Mac Pro l’anno prossimo, secondo quanto riportato da Bloomberg News ad aprile.

Per saperne di più: Apple prevede di rinnovare l’intera linea Mac con chip M4 focalizzati sull’intelligenza artificiale

Insieme, questi piani gettano le basi affinché Apple possa integrare l’intelligenza artificiale in una parte significativa della sua linea di prodotti. L’azienda si concentrerà su funzionalità che semplificano la vita agli utenti durante la giornata, ad esempio offrendo suggerimenti e offrendo un’esperienza personalizzata. Apple non ha intenzione di lanciare un proprio servizio in stile ChatGPT, anche se sta discutendo se offrire tale opzione attraverso una partnership.

Proprio la scorsa settimana, Apple ha affermato che la capacità di utilizzare l’intelligenza artificiale sui suoi dispositivi l’avrebbe aiutata a distinguersi dalla concorrenza.

“Crediamo nel potere di trasformazione e nella promessa dell’intelligenza artificiale, e crediamo di avere vantaggi che ci distingueranno in questa nuova era, inclusa la combinazione unica di Apple di perfetta integrazione tra hardware, software e servizi”, ha affermato il CEO Tim Cook durante l’evento. chiamata sugli utili. comunicare.

READ  Non fare affidamento sui giochi cloud per "Halo Infinite" questo Ringraziamento

Senza entrare nei dettagli, Cook ha detto che i semiconduttori di Apple le darebbero un vantaggio in questo campo ancora nascente. Ha aggiunto che l’attenzione dell’azienda alla privacy “è alla base di tutto ciò che creiamo”.

Secondo le fonti, negli ultimi tre anni l’azienda ha investito centinaia di milioni di dollari nell’iniziativa basata sul cloud. Ma ci sono ancora lacune nelle sue offerte. Per gli utenti che desiderano un chatbot, Apple ha avviato trattative con Google di Alphabet Inc. E OpenAI sta per integrarne uno su iPhone e iPad.

Per saperne di più: Tim Cook non potrà gestire Apple per sempre. chi è il prossimo?

I colloqui con OpenAI si sono intensificati di recente, suggerendo una potenziale partnership. Apple potrebbe anche offrire una gamma di opzioni da società esterne, hanno detto persone vicine alle discussioni.

(Aggiornamenti con frecce al sesto paragrafo.)

©2024 Bloomberg L.P

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x