Rapporto: Trump ha ricevuto milioni di dollari da governi stranieri come presidente

Rapporto: Trump ha ricevuto milioni di dollari da governi stranieri come presidente

Le società di Donald J. Trump hanno ricevuto almeno 7,8 milioni di dollari da 20 governi stranieri durante la sua presidenza, secondo i nuovi documenti pubblicati giovedì da House Democrats che mostrano quanto ha ricevuto da transazioni estere mentre era alla Casa Bianca, la maggior parte dalla Cina.

Le operazioni sono dettagliate in A Rapporto di 156 pagine intitolato “La Casa Bianca in vendita” Presentato dai democratici nel comitato di sorveglianza della Camera, fornisce prove concrete del fatto che l’ex presidente ha adottato il tipo di comportamento che i repubblicani della Camera hanno cercato, finora senza successo, per dimostrare che il presidente Biden ha agito mentre lavoravano per costruire un caso di impeachment contro di lui. .

Usa i documenti Il rapporto, prodotto attraverso una battaglia giudiziaria, descrive come i governi stranieri e le entità sotto il loro controllo, compreso il più grande avversario degli Stati Uniti, hanno interagito con le società di Trump mentre era presidente. Hanno pagato milioni per il Trump International Hotel a Washington, DC; Trump International Hotel a Las Vegas; Trump Tower sulla Fifth Avenue a New York; E la Trump World Tower all’845 di United Nations Square a New York.

La Costituzione vieta ai funzionari federali di accettare denaro, pagamenti o doni “di qualsiasi tipo” da governi e monarchi stranieri a meno che non abbiano “il consenso del Congresso” per farlo. Il rapporto rileva che Trump non si è mai rivolto al Congresso per l’approvazione.

I Democratici della Camera hanno evidenziato queste transazioni giovedì come un contrappeso all’inchiesta di impeachment repubblicana su Biden, che ha cercato di legarlo ad accordi commerciali internazionali di suo figlio Hunter Biden prima che suo padre diventasse presidente nel tentativo di dimostrare la corruzione o il traffico di influenza. Finora non sono riusciti a dimostrare che il presidente Biden sia stato in alcun modo arricchito da una di queste transazioni.

READ  Boris Johnson dice a Zelensky che il Regno Unito intende aumentare i suoi mortali aiuti alla difesa all'Ucraina

“Elevando i suoi interessi finanziari personali e le priorità politiche delle potenze straniere corrotte al di sopra dell'interesse pubblico americano, l'ex presidente Trump ha violato sia i chiari comandi della Costituzione sia il preciso precedente stabilito e rispettato da ogni precedente comandante in capo”, ha affermato il rappresentante Jamie Raskin. Il rappresentante dello stato del Maryland, il massimo democratico nel comitato di sorveglianza, ha scritto nell'introduzione del rapporto.

Il rapporto ha rilevato che tra i paesi che sponsorizzano le proprietà di Trump, la Cina ha effettuato il pagamento totale più grande – 5,5 milioni di dollari – per i suoi interessi commerciali. Tali pagamenti includevano milioni di dollari provenienti dall’ambasciata cinese negli Stati Uniti, dalla Banca industriale e commerciale cinese e da Hainan Airlines Holdings.

L’Arabia Saudita è stata il secondo paese che ha speso più di 615.000 dollari per la Trump World Tower e il Trump International Hotel.

Eric Trump, il figlio dell'ex presidente, insiste da tempo sul fatto che gli interessi stranieri non hanno influenzato la presidenza di suo padre e che qualsiasi profitto ricavato dall'azienda dai soggiorni in hotel veniva restituito al governo federale attraverso un pagamento annuale volontario al Dipartimento del Tesoro.

Ma Raskin ha osservato giovedì che la donazione dei profitti al Tesoro non soddisfa i requisiti costituzionali imposti al presidente.

Giovedì, Eric Trump ha dichiarato in una e-mail che la banca cinese menzionata nel rapporto ha firmato un contratto di locazione ventennale per la Trump Tower nel 2008, quasi dieci anni prima che suo padre entrasse in carica. Ha detto che è chiaro che l'ex presidente non ha permesso che i suoi incentivi aziendali personali guidassero le sue azioni ufficiali.

“Questa narrazione è pazzesca”, ha detto Eric Trump riguardo al rapporto dei Democratici. Ha aggiunto che “non c'è nessun presidente nella storia degli Stati Uniti che sia stato più duro con la Cina di Donald Trump”, citando le grandi tariffe imposte dall'ex presidente su beni e servizi nel Paese. Ha anche affermato che la Trump Organization “non ha la capacità o la capacità di impedire a qualcuno di prenotare tramite terzi” presso l'hotel.

READ  Barr: la nomina dei repubblicani a Trump nel 2024 sarebbe un "grosso errore" | William Bar

Anche i repubblicani della Camera hanno respinto le rivelazioni, sostenendo che non c’era nulla di sbagliato nel fatto che Trump ricevesse entrate da governi stranieri mentre era presidente, ma che le imprese della famiglia Biden erano corrotte.

“L'ex presidente Trump ha attività legittime, ma la famiglia Biden no”, ha dichiarato giovedì in una dichiarazione il deputato James R. Comer, R-Ky., presidente del comitato di sorveglianza. Ha accusato i Biden di guadagnare più del triplo rispetto ai nuovi record ottenuti da Trump da governi stranieri “capitalizzando sul nome Biden”, aggiungendo che “non sono stati forniti beni o servizi oltre all’accesso a Joe”. Biden e la rete Biden”.

Il rapporto dei Democratici ne riconosce i limiti. I democratici hanno lottato duramente in anni di contenziosi per ottenere l’accesso solo a una parte dei documenti aziendali di Trump. Dopo aver ottenuto le sentenze del tribunale, Mazars USA, la vecchia società di contabilità di Trump che aveva tagliato i legami con lui e l'azienda di famiglia, nel 2022 ha iniziato a consegnare documenti relativi ai suoi affari finanziari.

Lo sviluppo è avvenuto dopo che Mazars ha dichiarato di non poter più sostenere un decennio di rendiconti finanziari annuali preparati per la Trump Organization.

Ma una volta ottenuto il controllo del Congresso, i repubblicani hanno abbandonato gli sforzi per costringere Mazars a continuare a produrre documenti relativi agli affari di Trump.

Il signor Coomer ha chiarito di aver abbandonato qualsiasi indagine sui rapporti finanziari dell'ex presidente e si stava invece concentrando sul fatto che il signor Biden e i membri della sua famiglia fossero coinvolti in un piano di spaccio di influenza.

READ  Il diario di Linda Tripp dice che Monica Lewinsky era interessata a una relazione sessuale con Bill Clinton

Tuttavia, i democratici affermano di aver ricevuto materiale di base prima di chiudere l’indagine.

“Ancora più importante, anche questo sottoinsieme di documenti espone una rete sconcertante di milioni di dollari in pagamenti effettuati da governi stranieri e dai loro agenti direttamente alle società di proprietà di Trump mentre il presidente Trump era alla Casa Bianca”, afferma il rapporto. “Questi pagamenti sono stati effettuati mentre questi governi promuovevano obiettivi specifici di politica estera con l’amministrazione Trump e, a volte, anche con lo stesso presidente Trump, e mentre richiedevano azioni specifiche da parte degli Stati Uniti per portare avanti i propri obiettivi di politica nazionale”.

Il rapporto è il risultato di un'indagine pluriennale sulla ricezione di pagamenti da parte di entità controllate dall'estero da parte di Trump mentre era in carica. L’indagine è iniziata nel 2016 ed è stata condotta dal deputato Elijah Cummings, democratico del Maryland, morto nel 2019.

Ha notato che Trump a volte si era vantato della ricchezza donatagli da governi stranieri, anche durante una campagna elettorale nel 2015, quando aveva suggerito che i suoi incentivi finanziari personali avrebbero potuto influenzare i suoi rapporti con un altro governo.

“Arabia Saudita, ho un buon rapporto con tutti loro”, ha detto il rapporto. “Stanno comprando appartamenti da me. Stanno spendendo $ 40 milioni, $ 50 milioni. Dovrei odiarli? Li amo così tanto!”

Il rapporto sollecita il Congresso a prendere in considerazione l'adozione di nuove regole di divulgazione per aiutare il legislatore a ottenere le informazioni necessarie per un'adeguata supervisione. Raccomanda inoltre una procedura più formale per i presidenti e altri funzionari per chiedere il permesso del Congresso quando ricevono e desiderano detenere ricchezza da altri paesi.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x