Retrospettiva di Marlon Brando al Torino Film Festival in Italia

Retrospettiva di Marlon Brando al Torino Film Festival in Italia

Il Torino Film Festival celebrerà il centenario della nascita di Marlon Brando con una retrospettiva di 24 titoli di film con protagonista il due volte vincitore dell'Oscar, noto per il suo stile di recitazione naturale e la sua vena ribelle.

Il vecchio Brando sarà la “spina dorsale” del festival, secondo il suo nuovo direttore artistico, l'attore e regista italiano Giulio Pace. Di conseguenza, È apparsa una foto di Brando, scattata durante le riprese di “Ultimo tango a Parigi” di Bernardo Bertolucci. Nella locandina della prossima 42esima edizione del festival, che si svolgerà dal 22 al 30 novembre.

Torino è il principale evento italiano per i giovani registi e il cinema indipendente e il luogo in cui Matteo Garrone e Paolo Sorrentino hanno presentato in anteprima i loro lavori. La scaletta del festival sarà annunciata in un secondo momento.

Marlon Brando/Torino FF

Per gentile concessione del Torino Film Festival

“Come attore, Brando è sempre stato la mia stella polare e mi chiedevo da tempo, molto prima di essere nominato a Torino, come avrei potuto celebrare il suo lavoro”, ha detto Pace, nominato presidente del Torino lo scorso luglio. . Raccontare diversificato.

Il Torino Film Festival è gestito dal Museo Nazionale del Cinema Italiano di Torino, un'attrazione cinematografica ospitata nella famosa torre a cupola della Mole Antonelliana, il principale punto di riferimento della città settentrionale. Lo staff del museo ha compilato i 24 film selezionati da Bess e dai suoi collaboratori nell'ampia filmografia di Brando.

Ciò include il film drammatico di Fred Zinnemann del 1950 “The Men”, il film in cui Brando ha fatto il suo debutto sul grande schermo interpretando un veterano di guerra paraplegico, dopo aver ottenuto un grande successo a Broadway interpretando Stanley Kowalski in “A Streetcar.” Chiamato Desiderio” di Tennessee Williams . “. Un 1950 diversificato La recensione si concludeva in modo piuttosto succinto: “Brando, un nuovo arrivato sul palcoscenico di Broadway, dove ha recitato in 'Un tram che si chiama Desiderio', interpreta la sua parte in modo pratico, spesso senza simpatia ma certamente con sentimento per la parte. È un nuovo tipo di protagonista, e quindi la grammatica deve essere accettata.

Altri titoli scelti da Torino per celebrare Brando, nato a Omaha, Nebraska, il 3 aprile 1924, includono l'adattamento di Elia Kazan del 1951 di Un tram che si chiama Desiderio; “Giulio Cesare” di Joseph L. Mankiewicz (1953); Fronte del porto di Kazan, per il quale Brando vinse il suo primo Oscar nel 1954; “Il fuggitivo” di Sidney Lumet (1959); Il debutto alla regia di Brando è stato One-Eyed Jacks (1961), in cui ha interpretato anche il ruolo del protagonista.

I film successivi con Brando ambientati nella Torino retrò includono i suoi ruoli memorabili in Il Padrino (1972) e Apocalypse Now (1979) di Francis Ford Coppola; “Ultimo tango a Parigi” di Bertolucci (1972); Richard Donner “Superuomo” (1978); “La stagione bianca secca” di Eujan Balci (1989); “Don Juan De Marco” di Jeremy Levin (1994); e “L'isola del dottor Moreau” di John Frankenheimer e Richard Stanley (1996).

READ  La partita tra Italia e Germania va in tv? Canale, trasmissione in diretta, calcio d'inizio e notizie sulla squadra per la partita della UEFA Nations League

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x