Riusciranno le pressioni americane a ottenere una tregua tra Israele e Hamas a Gaza?

Riusciranno le pressioni americane a ottenere una tregua tra Israele e Hamas a Gaza?
  • Di Hugo Pachega
  • Corrispondente dal Medio Oriente a Gerusalemme

Commenta la foto,

Israele ha ritirato la maggior parte delle sue forze dal sud di Gaza, ma ciò non viene interpretato come la fine della guerra

La tregua tra Israele e il movimento palestinese Hamas a Gaza non è stata affatto facile. Settimane di colloqui non sono riusciti a raggiungere un accordo. Ma la pressione internazionale aumenta.

Forse il segnale più grande è l’invio da parte dell’amministrazione Biden di William Burns, il capo della CIA, a partecipare all’ultimo ciclo di colloqui al Cairo.

Hamas è rimasta fedele, almeno pubblicamente, alle sue richieste iniziali di un cessate il fuoco permanente, del ritiro completo delle forze israeliane e del ritorno dei palestinesi sfollati nelle parti settentrionali dei territori senza restrizioni.

Nel frattempo, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu insiste sul fatto che Israele continuerà a combattere finché Hamas non sarà distrutto e gli ostaggi detenuti dal gruppo non saranno rilasciati.

“C’è molta pressione americana su Israele, sull’Egitto e sul Qatar affinché facciano pressione su Hamas”, ha detto Gershon Baskin, che ha contribuito a negoziare un accordo con Hamas per il rilascio del soldato israeliano Gilad Shalit nel 2011. “Questo è chiaro”.

“Il fatto che fosse presente il capo della CIA, che richiedeva la presenza di tutti i negoziatori al massimo livello. Ciò indica una maggiore pressione americana.”

Ma ciò non significa che un accordo sia a portata di mano.

I funzionari israeliani hanno indicato la volontà di fare alcune concessioni in mezzo alla crescente frustrazione tra i principali alleati del paese, compresi gli Stati Uniti. All’inizio di questa settimana, il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha indicato che ora era il momento giusto per raggiungere una tregua.

Si prevede che un eventuale accordo vedrà il rilascio di alcuni ostaggi catturati negli attacchi di Hamas in cambio di prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane, che è stata alla base della tregua che ha portato a una temporanea cessazione delle ostilità a novembre. Secondo le autorità israeliane, a Gaza restano detenute 133 persone, anche se almeno 30 sono state confermate morte.

Secondo l’ultima proposta degli Stati Uniti, la fase iniziale del cessate il fuoco di sei settimane vedrebbe Hamas rilasciare vivi 40 ostaggi, con priorità data alle donne prigioniere, compresi soldati e uomini di età superiore ai 50 anni con gravi condizioni mediche.

Israele rilascerà quindi almeno 700 palestinesi, inclusi circa 100 condannati all’ergastolo per aver ucciso israeliani, cosa che in passato si è rivelata controversa in Israele.

Ma Hamas avrebbe detto ai negoziatori che non trattenne 40 persone in questa categoria, sollevando la possibilità che molti più ostaggi di quanto si pensasse in precedenza moriranno o potrebbero essere nelle mani di altri gruppi armati, come la Jihad islamica palestinese.

Commenta la foto,

Le famiglie degli ostaggi affermano che Netanyahu è più preoccupato della sua sopravvivenza politica che della difficile situazione dei loro cari

In Israele, il margine di manovra di Netanyahu è limitato a causa delle pressioni esercitate da vari segmenti della società e della politica. Mentre la maggior parte dell’opinione pubblica israeliana continua a sostenere la guerra, crescono le richieste affinché si raggiunga un accordo per il rilascio degli ostaggi.

Le famiglie dei prigionieri hanno organizzato grandi proteste, accusando il Primo Ministro di non dare priorità al ritorno dei prigionieri e di essere più preoccupato della sua sopravvivenza politica. Aumentano anche le richieste di dimissioni di Netanyahu.

Le divisioni sono peggiorate all’interno della coalizione di governo di Netanyahu, che comprende alleati di estrema destra e nazionalisti estremi che rifiutano di fare concessioni a Hamas e insistono sul fatto che la guerra deve continuare.

Il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich ha detto al primo ministro che una maggiore pressione su Hamas è l'unico modo per restituire gli ostaggi e distruggere il gruppo, mentre il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir ha apertamente minacciato di far cadere lo stesso Netanyahu se non avesse portato avanti il ​​processo di pace. . L'attacco promesso alla città di Rafah, a sud della Striscia di Gaza.

I funzionari israeliani insistono sulla necessità di entrare a Rafah, dove dicono che Hamas ha quattro brigate operative e i suoi alti dirigenti potrebbero nascondersi.

Ma quasi tutti al di fuori di Israele si oppongono all’attacco alla città, dove circa 1,5 milioni di palestinesi vivono in tende, rifugi di fortuna e campi sovraffollati, per paura dell’impatto catastrofico che potrebbe avere sui civili.

In quello che potrebbe essere un tentativo di contrastare le critiche interne, Netanyahu ha detto lunedì che è già stata fissata una data per l'operazione Rafah, senza fornire dettagli.

“C’è una rivoluzione in corso ora all’interno e all’interno del governo [Mr Netanyahu’s party] “Il Likud è contrario a Netanyahu che faccia qualsiasi tipo di accordo che non pensa dovrebbe essere fatto”, ha detto Baskin.

Ha aggiunto: “Netanyahu non è un giocatore libero. Lui stesso è un ostaggio all'interno del suo governo”.

Commenta la foto,

Hamas potrebbe credere che il tempo sia dalla sua parte, nonostante la terribile situazione umanitaria a Gaza

Da parte sua, Hamas non ha ancora fornito una risposta ufficiale all'ultima proposta, ma ha affermato che, nonostante il suo interesse a raggiungere un accordo che “ponga fine all'aggressione contro il nostro popolo”, l'offerta non soddisfa le sue richieste.

Il gruppo ha affermato in un comunicato che “la posizione israeliana resta ostinata”.

La Casa Bianca ha descritto la risposta del gruppo come “poco incoraggiante”.

La decisione finale verrà probabilmente presa da Yahya Sinwar, il leader di Hamas a Gaza, che si ritiene si nasconda nei tunnel circondato da guardie e ostaggi. Ma le comunicazioni con lui sono difficili e si dice che richiedano diversi intermediari e richiedano giorni.

Baskin ha detto che il gruppo chiede anche maggiore libertà per quanto riguarda il rilascio dei prigionieri palestinesi e che non accetterà di deportare nessuno di loro in un altro paese, questioni che potrebbero porre ostacoli ai negoziati.

Hamas ritiene inoltre che senza garanzie di un cessate il fuoco permanente, Israele continuerà ad attaccare il gruppo una volta rilasciati gli ostaggi.

La sua leadership è stata testimone di crescenti critiche internazionali nei confronti di Israele e potrebbe ritenere che il tempo sia dalla sua parte per ottenere concessioni, nonostante i massicci e immediati bisogni della devastata popolazione civile di Gaza.

La guerra a Gaza, la risposta di Israele agli attacchi di Hamas del 7 ottobre che hanno ucciso circa 1.200 persone, ha ucciso più di 33.000 palestinesi, secondo il Ministero della Sanità gestito da Hamas, e ha distrutto gran parte della Striscia, lasciando molti sull’orlo del baratro. . . carestia.

“Secondo la mia esperienza in questi ambiti, la difficoltà principale è se il principale decisore di entrambe le parti sia pronto o meno a raggiungere un accordo”, ha detto Baskin. “Questo non è chiaro”.

E ha aggiunto: “Non è chiaro se Netanyahu sia pronto a raggiungere un accordo, non è chiaro [Hamas political leader in Gaza Yahya] Sinwar è pronto a raggiungere un accordo. Ma quando lo faranno, troveranno un compromesso.”

Forse non sorprende che un portavoce di Hamas abbia colto i commenti di Netanyahu sulla fissazione di una data per l'attacco a Rafah, affermando che sollevavano dubbi sullo scopo della ripresa dei negoziati.

READ  Perché gli americani guidano a destra e il Regno Unito a sinistra?

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x