RTL Today – Studio Covalux: la preparazione alla vaccinazione dipende da fattori socio-economici

Il desiderio di vaccinare ha raggiunto uno stato stazionario. Perché ci sono ancora persone che scelgono consapevolmente di non ricevere un vaccino? Un recente studio di Uni.lu indica che dipende da fattori sociali ed economici.

Tuttavia, anche il background culturale di una persona gioca un ruolo, secondo lo studio Kovallux dell’Università del Lussemburgo sul motivo per cui le persone scelgono o rifiutano la vaccinazione.

In primo luogo, lo studio Covalux ha stabilito che le popolazioni con un livello di istruzione superiore hanno maggiori probabilità di scegliere la vaccinazione. Nello studio, hanno affermato di ritenere utile conoscere il virus e i diversi vaccini. Tuttavia, la disponibilità a ricevere il vaccino dipende anche dall’età. I soggetti più giovani hanno mostrato una riluttanza molto maggiore a ricevere un’iniezione.

La dott.ssa Anja Leist, professoressa presso Uni.lu, ha spiegato che i giovani tendono a pensare che i loro rischi individuali siano molto più bassi rispetto ai dati demografici più anziani. Alcuni dei partecipanti più giovani hanno anche affermato che preferirebbero aspettare che più persone siano già state vaccinate.

Oltre ai cittadini lussemburghesi, lo studio si è rivolto specificamente anche alle persone con un background culturale dell’ex Jugoslavia. Questo gruppo demografico ha generalmente una minore predisposizione alla vaccinazione rispetto, ad esempio, alle persone provenienti dal Portogallo o dall’Italia.

Secondo il Dr. List, i ricercatori dietro lo studio hanno scoperto di essere esposti in modo sproporzionato alla disinformazione e alle teorie del complotto. Ciò può essere spiegato dal fatto che il desiderio di un vaccino è basso anche nei loro paesi d’origine, così come la fiducia nel governo e nelle autorità sanitarie nazionali.

READ  I villaggi del sud Italia ti pagheranno $ 33.000 per trasferirti e avviare un'impresa

Per raggiungere tutti, è comunque importante indirizzare le informazioni e presentarle in modo facile da capire. Riferendosi alla “campagna di vaccinazione efficace” della Svizzera, il dott. List raccomanda che la campagna del governo si concentri sui social media, poiché queste piattaforme consentono loro di raggiungere il maggior numero di persone.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x