Russia ed Estonia espellono due ambasciatori tra relazioni “distruttive”. Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Agli inviati russi è stato ordinato di andarsene dopo che Mosca ha dichiarato che stava declassando le relazioni diplomatiche con Tallinn.

La Russia e l’Estonia lunedì hanno espulso gli ambasciatori dei due paesi con una mossa tit-to-tat, dicendo che le loro missioni diplomatiche sarebbero state guidate dall’incaricato d’affari mentre le relazioni tra i due paesi toccavano un nuovo minimo sull’Ucraina.

In segno di solidarietà con il suo vicino baltico, la Lettonia ha annunciato che ridurrà le relazioni diplomatiche con Mosca dal 24 febbraio, data che coincide con il primo anniversario della guerra della Russia in Ucraina.

Il ministero degli Esteri russo ha convocato l’ambasciatore estone, Margos Lidri, e gli ha ordinato di lasciare il paese entro il 7 febbraio, segnando la prima volta che ha espulso un ambasciatore da un paese dell’UE dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina.

Nel comunicato diffuso dal ministero si afferma che la rappresentanza diplomatica dell’Estonia sarà d’ora in poi ridotta all’incaricato d’affari che dirige la missione del Paese europeo a Mosca.

“La leadership estone ha deliberatamente distrutto l’intero ambito delle relazioni con la Russia”, ha affermato il ministero, citando la “totale russofobia” nel paese baltico a seguito della recente decisione di Tallinn di ridurre drasticamente il personale dell’ambasciata russa.

Il ministero ha aggiunto che questo passo è arrivato in risposta al “nuovo passo ostile” compiuto dall’Estonia.

In risposta, il ministro degli Esteri estone Urmas Reinsalo ha affermato che l’ambasciatore russo se ne andrà, in conformità con il “principio di parità”.

In una dichiarazione dell’11 gennaio, Renesalo ha delineato i piani per facilitare le relazioni con la Russia “al minimo assoluto”.

READ  Capo della CIA: la guerra in Ucraina costringe la Cina a ripensare "come e quando" Taiwan potrebbe invadere Taiwan

L’Estonia è un fedele alleato dell’Ucraina e ha invitato i paesi occidentali a inviare carri armati a Kiev per contrastare l’attacco di Mosca. A ottobre, il parlamento russo ha adottato una dichiarazione in cui dichiarava la Russia un “regime terroristico”.

Il paese del Mar Baltico faceva parte dell’Unione Sovietica e da anni intrattiene relazioni difficili con la Russia.

La Russia ha ordinato la chiusura del consolato di Tallinn a San Pietroburgo ad aprile.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x