Samsung dice che Bixby non è ancora morto

Samsung dice che Bixby non è ancora morto

Sembra che Bixby non sia ancora morto. Un dirigente della Samsung Lo dice la CNBC Il fatto che l’azienda stia “lavorando duro” per dotare il suo assistente vocale di funzionalità di intelligenza artificiale suggerisce che l’azienda vede artisti del calibro di Gemini come un concorrente, non un sostituto.

Buono a sapersi, perché alcuni di noi stanno iniziando a chiederselo. All’inizio di quest’anno, quando Samsung ha annunciato una serie di nuove funzionalità AI per i suoi telefoni di punta, il suo assistente vocale è stato appena menzionato. Samsung e Google hanno fatto un grosso affare anche sui telefoni Galaxy S24 con Gemini Nano, il modello AI integrato nel dispositivo di Google. Non vedremmo Samsung sostituire Bixby con Google Assistant Gemini, ma a quanto pare non è questo il piano.

“Penso che dobbiamo ridefinire il ruolo di Bixby, in modo che Bixby possa essere dotato di intelligenza artificiale generativa”, ha detto alla CNBC Won Joon Choi, vicepresidente esecutivo della divisione mobile di Samsung, aggiungendo che dovrebbe essere “più intelligente”. “E in grado di parlare in modo più naturale.” Attualmente Samsung non è l'unica azienda tecnologica che sta cercando di integrare l'intelligenza artificiale nel suo assistente vocale. Apple dovrebbe annunciare Siri basato sull'intelligenza artificiale alla conferenza WWDC di quest'anno.

Nel frattempo, le funzionalità AI del Galaxy S24 sono arrivate sui telefoni dello scorso anno tramite l'aggiornamento One UI 6.1. Galaxy AI, come viene chiamato l'intero pacchetto, per ora è gratuito. Se Samsung prevede di far pagare le sue funzionalità AI in futuro, dovrà offrire molto di più di quanto non sia in grado di offrire ora. Qualunque sia questa visione, Bixby sembra farne parte.

READ  Partnership tra Epic Games e Lego Metaverse

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x