San Marino è diventato il paese più giovane a vincere una medaglia olimpica

San Marino giovedì è diventata la nazione più giovane a vincere una medaglia olimpica, con Alessandra Pirelli che ha conquistato il bronzo nella gara di tiro con l’arco femminile.

Il piccolo paese, circondato da tutti i lati dall’Italia, ha una popolazione di appena 33.860 abitanti e non ha vinto una medaglia in nessuna delle sue 23 Olimpiadi precedenti. San Marino è così piccolo che bastano 25 minuti per attraversare in auto l’intero paese nel suo punto più largo.

La 33enne Pirelli ha segnato 29 punti in finale – 14 punti dietro al vincitore, Zuzana Rehak Stefisikova della Slovacchia, che ha stabilito un record olimpico in rotta verso l’oro, e solo tre punti dietro l’australiana Leticha Scanlan, che è arrivata quarta. . L’americano Kyle Browning ha vinto la medaglia d’argento.

Il sapore della medaglia sarebbe ancora più bello per Pirelli, che si è avvicinata molto allo stesso traguardo alle Olimpiadi di Londra 2012. La tiratrice ha gareggiato alla sua prima Olimpiade, chiudendo a tre per il secondo posto, ma nella successiva partita che ha perso per prima.

Dopo i deludenti Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, dove non si è qualificata per le finali, è arrivata a Tokyo con un rinnovato impulso e ha fatto la storia, spodestando il Liechtenstein come il più piccolo paese popoloso a vincere una medaglia olimpica.

San Marino non è il primo paese a fare la storia delle medaglie a Tokyo.

Flora Duffy delle Bermuda in precedenza aveva vinto l’oro nel triathlon femminile, rendendo il suo paese il più piccolo paese per superficie a vincere una medaglia d’oro olimpica, mentre Hedlin Diaz, una sollevatrice di pesi delle Filippine, è diventata la prima medaglia d’oro del suo paese.

READ  Stephen King rivela la sua serie TV preferita basata sui suoi lavori

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x