San Marino vota con un referendum la legalizzazione dell’aborto

San Marino vota con un referendum la legalizzazione dell’aborto

Commenta la foto,

Il voto per legalizzare l'aborto è stato avviato dall'Unione Donne Sanmarinesi (UDS).

I residenti della piccola nazione europea di San Marino hanno votato a stragrande maggioranza a favore della legalizzazione dell’aborto.

Dopo lo spoglio di tutti i sondaggi referendari, circa il 77% degli elettori ha sostenuto la decisione, mentre quasi il 23% ha detto no.

Appena emersi i risultati, il ministro dell'Interno Elena Tonini ha invitato il Parlamento a tradurre il risultato in legge.

La mossa annullerebbe una legge risalente al 1865, che rendeva San Marino uno degli ultimi posti in Europa dove l’aborto era completamente vietato.

Nell’enclave senza sbocco sul mare circondata dall’Italia la partecipazione al referendum è stata del 41%.

La proposta approvata dagli elettori consentirebbe a una donna di interrompere volontariamente la gravidanza entro 12 settimane dalla gravidanza. Dopo 12 settimane, l'aborto sarà consentito solo se la salute della madre è a rischio o se le anomalie del feto potrebbero causare danni fisici o psicologici.

Secondo le norme attuali, le donne possono essere imprigionate fino a tre anni. Per il medico che esegue la procedura, il periodo può arrivare fino a sei anni.

Nessuno è mai stato condannato. Le donne che scelgono di abortire solitamente si recano in Italia, dove è legale dal 1978.

Ma questo non sempre garantisce l’accesso. In Italia i medici hanno il diritto di rifiutarsi di abortire.

Oltre 35.000 persone, di cui un terzo residente all'estero, hanno potuto votare in questo ultimo referendum promosso dall'Unione delle Donne di San Marino (UDS).

Tradizionalmente, il paese, con la sua forte eredità cattolica, è stato socialmente conservatore.

L’opposizione alla depenalizzazione dell’aborto è guidata dal Partito Cristiano Democratico Samaritano, che ha forti legami con la Chiesa cattolica e governa il Paese da quasi 20 anni.

Ma gli attivisti stanno cercando di sfruttare lo slancio creato da altri paesi europei come Irlanda e Gibilterra, che hanno legalizzato l’aborto negli ultimi anni.

Prima della pubblicazione dei risultati, Francesca Nicolini, medico di 60 anni, membro dell’Unione Democratica Cristiana, ha dichiarato all’AFP: “La maggior parte dei giovani è dalla nostra parte, perché è una questione che tocca direttamente le loro vite”.

“È inaccettabile considerare criminali le donne costrette ad abortire”, ha aggiunto.

Potrebbe interessarti anche:

Spiegazione video,

Le donne in Italia affermano che seppellire religiosamente un feto e collocare una tomba con sopra il nome della madre è un'invasione della privacy

READ  I membri del team "Sunset Sale" che hanno lasciato il viaggio di lusso in Italia

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x