Guerra tra Israele e Gaza: Hamas risponde all'offerta di cessate il fuoco con un piano di tregua di 135 giorni

Guerra tra Israele e Gaza: Hamas risponde all'offerta di cessate il fuoco con un piano di tregua di 135 giorni
  • Scritto da Ido Fok e Lise Doucet
  • notizie della BBC

Commenta la foto,

Hamas chiede il ritiro completo delle forze israeliane da Gaza in controproposta alla proposta di cessate il fuoco sostenuta da Stati Uniti e Israele.

Hamas ha avanzato una serie di richieste, tra cui lo scambio di ostaggi con prigionieri palestinesi e la ricostruzione di Gaza, in risposta alla proposta di cessate il fuoco appoggiata da Israele.

Il gruppo armato vuole il ritiro completo delle forze israeliane e la fine della guerra dopo tre periodi di tregua di 45 giorni.

L'offerta rischia di essere inaccettabile per il primo ministro israeliano, che ha chiesto la “vittoria totale” a Gaza.

La questione è se è possibile trovare un compromesso per far avanzare il processo.

La risposta di Hamas è stata una controproposta alla proposta di cessate il fuoco sostenuta da Israele e Stati Uniti e mediata da Qatar ed Egitto, i cui dettagli non sono stati resi pubblici.

La bozza del documento di Hamas vista da Reuters indica quanto segue:

  • La prima fase: Una cessazione dei combattimenti di 45 giorni durante i quali tutti gli ostaggi israeliani, maschi sotto i 19 anni, anziani e malati, saranno scambiati con donne e bambini palestinesi detenuti nelle carceri israeliane. Le forze israeliane si ritireranno dalle aree popolate di Gaza e inizierà il processo di ricostruzione degli ospedali e dei campi profughi.
  • La seconda fase: I restanti ostaggi israeliani maschi verranno scambiati con prigionieri palestinesi e le forze israeliane lasceranno completamente Gaza
  • terzo livello: Le due parti si scambieranno resti e corpi

L’accordo vedrà anche un aumento nella consegna di cibo e altri aiuti a Gaza. Entro la fine della tregua di 135 giorni, Hamas afferma che i negoziati per porre fine alla guerra saranno terminati.

La proposta ha ricevuto una risposta tiepida da parte del presidente americano Joe Biden, che l'ha definita “un po' esagerata”. Il segretario di Stato Antony Blinken ha affermato che c'è ancora “molto lavoro da fare” per raggiungere un cessate il fuoco permanente, ma ha sottolineato l'importanza di raggiungere una pace duratura.

Una precedente tregua durata una settimana, nel mese di novembre, aveva visto il rilascio di circa 100 ostaggi in un accordo di scambio con 240 prigionieri palestinesi.

Circa 1.300 persone sono state uccise durante gli attacchi di Hamas nel sud di Israele il 7 ottobre dello scorso anno.

Secondo il Ministero della Sanità gestito da Hamas, più di 27.700 palestinesi sono stati uccisi e almeno altri 65.000 feriti nella guerra lanciata da Israele in risposta.

Parlando al canale israeliano Channel 13, un alto rappresentante israeliano ha affermato che alcune delle richieste di Hamas non potranno essere soddisfatte, aggiungendo che le autorità stanno discutendo se respingere la proposta o chiedere condizioni diverse.

Sebbene il primo ministro Benjamin Netanyahu insista sul fatto che l’obiettivo è la “vittoria totale”, i funzionari israeliani riconoscono che raggiungere questo obiettivo rimane irraggiungibile, e alcuni insistono sul fatto che non può essere raggiunto militarmente.

In precedenza, un alto funzionario di Hamas aveva detto alla BBC che il gruppo armato “presentava una visione positiva” per la proposta sostenuta da Israele, ma aveva richiesto alcuni emendamenti legati alla ricostruzione di Gaza e al ritorno dei suoi residenti alle loro case.

Gli Stati Uniti, uno dei principali mediatori in questi colloqui indiretti tra Israele e Hamas, vedono ancora i negoziati come “la migliore via da seguire” e stanno esercitando forti pressioni sui loro partner arabi.

Il loro obiettivo è raggiungere una tregua umanitaria sostenibile, che potrebbe portare a un cessate il fuoco e fornire respiro per concentrarsi su un piano più ambizioso per il “giorno dopo” la fine della guerra.

Blinken lo ha definito un “percorso incredibilmente forte” che aprirebbe la strada alla ricostruzione di Gaza, alla riforma dell’Autorità Palestinese e, infine, a uno Stato palestinese, oltre alla normalizzazione delle relazioni tra Arabia Saudita e Israele.

Ma l’esercito israeliano è ancora concentrato sulla distruzione delle brigate di Hamas e sulla caccia ai leader di Hamas. Netanyahu, sempre consapevole della sua sopravvivenza politica, è sotto pressione da parte dei suoi alleati di destra che avvertono che faranno cadere il suo governo se farà delle concessioni.

Le famiglie degli ostaggi israeliani sono sempre più preoccupate per la sorte dei loro cari, soprattutto dopo la rivelazione della morte di un quinto degli ostaggi rimasti a Gaza, che contano più di 130 ostaggi.

Gli Stati Uniti e i loro alleati arabi sono preoccupati per i crescenti rischi derivanti dallo scoppio di una più ampia conflagrazione regionale. Molte organizzazioni internazionali mettono in guardia a gran voce sull’aggravarsi della catastrofe umanitaria che si sta verificando nella Striscia. Molti orologi ticchettano rumorosamente.

READ  21 morti dopo il gelo hanno colpito la gara di sci di fondo in Cina

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x