Viene alla luce la scusa antidoping della giovane pattinatrice Kamila Valeeva, respinta da 'Strawberry Candy'

Viene alla luce la scusa antidoping della giovane pattinatrice Kamila Valeeva, respinta da 'Strawberry Candy'

I dolciumi alle fragole contaminati dai farmaci per il cuore di suo nonno sono stati accusati della positività al test antidoping della pattinatrice russa Kamila Valeeva, hanno sostenuto i suoi avvocati davanti alla Corte Suprema dello Sport, che ha respinto la spiegazione e l'ha sospesa per quattro anni.

Mercoledì, la Corte Arbitrale dello Sport ha pubblicato la dettagliata sentenza di 129 pagine emessa dai suoi tre giudici che spiega perché ha imposto il divieto la scorsa settimana a Valeeva, il cui caso di doping quando aveva 15 anni ha sorpreso le Olimpiadi di Pechino 2022.

La parola “fragola” appare 43 volte nel documento che spiega in dettaglio perché i giudici hanno respinto l'argomentazione.

Guarda le ultime azioni sportive su Canale 7 o riproduci in streaming gratuitamente 7più >>

Ai giudici del CAS è stato chiesto di ritenere che il nonno di Valeeva “abbia accidentalmente lasciato cadere una pillola nel dolce mentre lo preparava o perché c'erano residui frantumati di una compressa (di trimetazidina) sul tagliere che aveva usato per preparare il dolce”.

“Ci sono troppe carenze nelle prove e troppe domande senza risposta perché la giuria possa decidere se la sua versione è più probabile che no”, hanno scritto i giudici.

Valeeva, 17 anni, è risultata positiva ai farmaci per il cuore vietati in un campione prelevato ai Campionati russi il 25 dicembre 2021.

Il risultato del test non fu inviato da un laboratorio di Stoccolma, in Svezia, fino a sei settimane dopo, durante le Olimpiadi di Pechino.

La Corte Suprema dello Sport ha respinto la spiegazione di Kamila Valeeva per il risultato positivo del test antidoping. (foto AP) credito: AP

Valeeva aveva già pattinato nella gara a squadre, aiutando le russe a vincere la medaglia d'oro, e le è stato permesso di continuare a gareggiare nella competizione individuale femminile.

Sotto un attento esame, il suo pattino libero disseminato di errori l'ha portata al quarto posto.

Gli atleti che risultano positivi al doping possono sfuggire alla squalifica se successivamente dimostrano di non aver avuto alcuna colpa per aver assunto una sostanza.

La spiegazione data dagli avvocati di Valeeva durante le Olimpiadi è stata che è stata accidentalmente infettata dalla medicina di suo nonno nella casa della sua famiglia a Mosca.

Maggiori dettagli sono stati forniti quando il caso è arrivato alla Corte Arbitrale dello Sport nelle udienze di appello tenutesi in sessioni separate lo scorso settembre e novembre a Losanna, in Svizzera.

In tribunale è stato suggerito che il nonno di Valeeva avesse preparato il budino alle fragole nei giorni precedenti il ​​campionato nazionale da portare con sé a San Pietroburgo.

“Non ci sono ulteriori prove – oltre alla sua affermazione – che possa fornire in relazione a questa accusa”, si legge nella sentenza.

“Non ci sono altre prove, a parte la sua conferma, che stesse usando TMZ in quel momento.”

I giudici della Corte Arbitrale dello Sport (CAS) hanno accolto il ricorso dell'Agenzia mondiale antidoping, che chiedeva una squalifica di quattro anni e la squalifica delle sue conclusioni dopo che un tribunale russo aveva assolto Valeeva dalla colpa.

La squadra russa è stata privata del titolo olimpico dalla Federazione Internazionale di Pattinaggio, che ha dichiarato il campione degli Stati Uniti.

Il Giappone è passato dal bronzo all'argento e i russi sono stati retrocessi al bronzo dopo che i risultati di Valeeva sono stati rimossi.

READ  L’Italia si diverte a sconvolgere l’ordine mondiale su larga scala

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x