Scoprire i segreti di Beta Pictoris: la scoperta del telescopio James Webb

Scoprire i segreti di Beta Pictoris: la scoperta del telescopio James Webb

Il telescopio spaziale James Webb rivela una nuova caratteristica della polvere nel sistema stellare Beta Pictoris

Una scoperta senza precedenti è stata fatta nel sistema stellare Beta Picturis dagli astronomi utilizzando il telescopio spaziale James Webb. È stata identificata una caratteristica polverosa, che ricorda la coda di un gatto, che indica un importante evento cosmico, forse un impatto, avvenuto nel secolo scorso.

Amante dell'aria astrologica

Il sistema Beta Pictoris si trova a 63 anni luce dalla Terra nella costellazione del Pittore, ed è già noto che ospita almeno due pianeti orbitanti e due dischi di detriti. Questi dischi si formano a seguito delle collisioni tra asteroidi, comete e altri corpi celesti. La caratteristica della polvere recentemente scoperta è un’aggiunta a questi interessanti componenti, offrendo agli scienziati l’opportunità di approfondire i misteri di questo sistema stellare.

Web a infrarossi approfondito

Le sensibili capacità a infrarossi del telescopio spaziale James Webb hanno reso possibile questa scoperta. La sua tecnologia avanzata consente di rivelare dettagli mai visti prima da altri telescopi. L’analisi della struttura della polvere suggerisce che la luce stellare spinge via le particelle più piccole, mentre i grani più grandi formano una coda di polvere che si estende dal disco secondario dei detriti.

Divisione del disco di detriti

Sorprendentemente, il telescopio Webb ha identificato differenze di temperatura tra i due dischi di detriti, indicando composizioni diverse. Ciò è coerente con le osservazioni effettuate dall'Atacama Large Millimeter Array nel 2014, che ha scoperto una massa di… Monossido di carbonio Nelle vicinanze c'è una caratteristica della polvere appena scoperta. Interessante è la presenza di monossido di carbonio, che in genere viene eliminato dalla radiazione stellare entro un secolo, suggerendo l'ipotesi di una recente collisione.

READ  Questa foto creativa della NASA non ha catturato l'arcobaleno di Marte

Si stima che il volume di polvere in questa coda sia equivalente a Grande asteroide distribuito su 10 miliardi di miglia. Questa rivelazione dipinge un quadro del sistema Beta Pictoris più turbolento di quanto precedentemente previsto. Man mano che i dati provenienti dal telescopio spaziale James Webb continuano ad affluire, la nostra comprensione dell’universo è destinata ad espandersi, e ogni scoperta apre una nuova finestra sul misterioso universo.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x